Dialogo con la notte...

12 settembre 2017 ore 00:31 segnala






Caro amico, che alberghi nel frenetico mondo del giorno, ascoltami; sono una parte di te. Non sono in grado di darti chissà quale insegnamento, e come potrei mai, data la mia età; ma vorrei farti riflettere sulle parole che ho da dire. Esternare i tuoi pensieri, renderne partecipe le persone che hai accanto, è un qualcosa di estremamente difficoltoso; “ti voglio bene” sono parole che non dici quasi mai a nessuno. Lo so, lo fai perché pensi che la gente si possa annoiare standoti ad ascoltare; lo fai perché pensi di non poter aggiungere nulla alla loro esistenza, ma sbagli a credere questo. Ti domandi: “come può un'altra persona ascoltare i miei pensieri, quando essa, per prima, fa di tutto per non ascoltare i propri?”. Hai ragione; ma con tale filosofia devi mettere in conto che, incontrando una persona fuori dalla da questi schemi, impedisci anch'essa di entrare nel tuo mondo, facendole credere che di lei non ti importi, quando così non è. Sei tra persone che parlano e parlano, ma non danno mai nulla di loro stesse; è la conseguenza del tempo che viviamo. Ci muoviamo come formiche, captiamo con le nostre antennine un altro nostro simile e, con un'azione meccanica, lo salutiamo, porgendogli un “come stai?” di cortesia. Come possono essere definiti rapporti umani questi, quando manchiamo totalmente di empatia verso il prossimo? No, non è questo ciò che davvero tu vuoi. Dentro di te, sai che questo tipo di mondo non ti appartiene; lo sai ma ti sei sempre adattato, tramutando il tuo cuore in una fortezza, di cui tu stesso sei prigioniero. Hai una coscienza assopita, ma non del tutto addormentata. Sai che non sei fatto per i rapporti superficiali e, per questo, ti circondi di poca gente a cui davvero ti senti legato; ma devi comprendere che un rapporto si fonda principalmente sullo “scambio di doni” tra due anime, sulla sincronizzazione che tra esse si crea e sul superamento dei limiti umani della diffidenza, che avviene solo mettendosi in gioco al 100%. Lo so, ti senti disperso; in questo mondo fatto di frenetici giorni è difficile muoversi e non sai se davvero ci riuscirai. Ma ascolta le mie parole, quando tutto ti sembrerà fin troppo difficile. Ti basterà chiudere gli occhi ed ascoltare la notte che alberga in te ed io ti sarò accanto.





45ed67b8-1f2e-441b-93b2-e2a220bdc08c
« immagine » « immagine » « immagine » Caro amico, che alberghi nel frenetico mondo del giorno, ascoltami; sono una parte di te. Non sono in grado di darti chissà quale insegnamento, e come potrei mai, data la mia età; ma voglio farti riflettere sulle parole che ho da dire. Lo so, per te es...
Post
12/09/2017 00:31:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.