Invictus...

11 aprile 2016 ore 01:08 segnala






Dal profondo della notte che mi avvolge,
Buia come un abisso che va da un polo all'altro,
Ringrazio qualunque dio esista
Per la mia indomabile anima.

Nella feroce morsa delle circostanze
Non mi sono tirato indietro né ho gridato.
Sotto i colpi d’ascia della sorte
Il mio capo è sanguinante, ma indomito.

Oltre questo luogo di collera e di lacrime
Incombe solo l'Orrore delle ombre,
Eppure la minaccia degli anni
Mi trova, e mi troverà, senza paura.

Non importa quanto stretto sia il passaggio,
Quanto piena di castighi la vita,
Io sono il padrone del mio destino:
Io sono il capitano della mia anima.

- William Ernest Henley -





1c56c961-4787-42c7-9c66-5bf22a909352
« immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine » Dal profondo della notte che mi avvolge, Buia come un abisso che va da un polo all'altro, Ringrazio qualunque dio esista Per la mia indomabile anima. Nella feroce morsa delle circostanze Non mi sono tirato indietro né ho grid...
Post
11/04/2016 01:08:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. Njlo 22 dicembre 2016 ore 00:28
    Ho sempre amato questa poesia e ogni tanto la rileggo, non so se per darmi forza nei momenti bui o per l'armonia che tra i suoi versi scorre. E sì, nonostante quell'Orrore delle ombre, io vi leggo una grande armonia e cioè il coraggio di superare gli ostacoli, la potenza di un'anima che crede in se stessa, che è pronta ad opporsi al destino, che sa di dovere, essa stessa innanzitutto, condurre la sua vela infischiandosene dei venti contrari.
    Spero di riuscire ad essere invicta e se per caso non sempre sarà possibile, saprò di averci provato, con tutto il mio ardore e con l'amore per me e la vita.
  2. Luce0scura 22 dicembre 2016 ore 01:16
    Capita anche a me, quando entro nel mio blog, di fermarmi su questa poesia e di leggerla per darmi forza, soprattutto nei momenti in cui mi sento particolarmente giù di morale.. Per essere dei "non vinti", bisogna anzitutto prendere coscienza dei propri limiti umani (limiti che per natura, prima o poi, ci catapulteranno a terra) e, soprattutto, avere l'energia, e la forza, di dire "no, non è questa la fine.. non è questo ciò che mi aspetto davvero dalla vita"... La potenza dell'anima che si oppone al declino che, forze maggiori, vorrebbero riservagli.. Ps gli auguri di natale, visto che ancora è il 22 dicembre, aspetto a farteli, così ne approfitto anche per farti visita nel tuo blog... Per il momento, ti auguro una serena notte e ti ringrazio della tua visita... :-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.