Granelli di umanità

15 agosto 2017 ore 12:14 segnala
Le maschere oramai sono calate, il buio è solo un ricordo lontano e il primo spiraglio di sole penetra dalla finestra.


Questa notte si è consumata, ma i fili intrecciati dell'anima hanno prodotto nodi indissolubili.
La pace non ci è venuta a svegliare con un dolce bacio sulla guancia, perchè in fondo non ci siamo mai addormentati.
Che buffo non poter competere con il tempo, arrendersi piacevolmente al volere di qualcosa che non riusciremo mai a percepire fino in fondo.
Come ramoscelli sbiaditi dalla pioggia e scalfiti dal vento, cerchiamo invano riparo pur sapendo che verremo strappati dal nostro rifugio.
Dovremmo arrenderci finalmente e abbracciarci forte, mentre teniamo la nostra clessidra tra le mani, sorridendo al mondo che abbiamo creato, a tutto quel mondo che non avrebbe girato in questo modo se noi non avessimo partecipato.

Sto calpestando la maschera, il sole mi acceca, ma io non ho più paura di mostrarmi fragile, ho fatto tutto quello che potevo.

5e810d58-ee5d-4083-bc1a-13c82db81a89
Le maschere oramai sono calate, il buio è solo un ricordo lontano e il primo spiraglio di sole penetra dalla finestra. Questa notte si è consumata, ma i fili intrecciati dell'anima hanno prodotto nodi indissolubili. La pace non ci è venuta a svegliare con un dolce bacio sulla guancia, perchè in...
Post
15/08/2017 12:14:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Naufragare stando fermi

28 giugno 2017 ore 20:07 segnala
Non bisogna mai sottovalutare le persone che non piangono mai.
Quelle che sorridono spesso, che hanno sempre una soluzione a tutto.
Sono le stesse che danno sicurezza agli altri e poi la notte fissano il soffitto, al buio, attendendo risposte che non arrivano.

Portano pace, ma hanno una guerra dentro che non raccontano mai a nessuno.
Le persone che non piangono mai, sono quelle che non tentennano, che vanno a fondo,
che affrontano le cose.

Eppure si sbriciolano dentro; sono impenetrabili iceberg che si stanno sciogliendo.
Tu li vedi in equilibrio, ma in realtà stanno annegando nel profondo.

db32e5ce-922e-4360-bf17-721413beeea9
Non bisogna mai sottovalutare le persone che non piangono mai. Quelle che sorridono spesso, che hanno sempre una soluzione a tutto. Sono le stesse che danno sicurezza agli altri e poi la notte fissano il soffitto, al buio, attendendo risposte che non arrivano. Portano pace, ma hanno una guerra...
Post
28/06/2017 20:07:49
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    7

Nati per sopravvivere

02 giugno 2017 ore 23:10 segnala
Siamo esseri delicati noi umani, ci feriamo facilmente.
Per ogni goccia di sangue che perdiamo e per ogni colpo che prendiamo però,
c'è un meccanismo compensatorio che ci dice che non è finita.
È la nostra natura, non è volontario.
Siamo nati per sopravvivere.
Certo, non siamo immortali e a volte il destino può giocarci brutti scherzi,
la nostra vita a volte può essere spezzata con poco.
Ma il modo in cui la conduciamo questa dannata esistenza, quello non è involontario, dipende da noi.
C'è chi si ritrova in una bella piazza a sorseggiare uno spritz al tramonto e chi dentro una bicicletta sgangherata a fare lo slalom tra le pozzanghere,
ma come si fa a vivere degnamente?
Si resiste.
Si trova il rispetto per se stessi e si torna a sorridere davanti a delle macerie,
si mettono i ricordi peggiori dentro degli scatoloni da mettere via,
dove non danno troppo fastidio.
Si torna a sorridere con l'amaro in bocca,
dubbiosi su cosa ci riserverà il futuro,
ma non ancora così stanchi da non sorridere più.

E così si diventa consapevoli del fatto che la felicità possiamo viverla ogni giorno, ma in modo diverso rispetto al giorno precedente.

Il riflesso dell'abbandono

02 giugno 2017 ore 20:55 segnala
Seguitarono ad osservare le ombre prodotte davanti a loro e vennero sorpresi a guardare candidamente tutte le cose che non esistevano:
i figli mai nati; le parole mai dette e le promesse che non si sarebbero mai fatti.

Dal vetro il mondo appariva distante ed estraneo,
si erano finalmente disconnessi dalle logiche burrascose della realtà e avevano gettato le loro radici nel tiepido riflesso di un luogo dove il tempo si sarebbe finalmente fermato.

Finalmente i loro pensieri non avevano più consistenza;
finalmente avevano imparato a trovare la pace, senza il bisogno di vagare nel nulla
.

5b2bf39e-8948-4f13-853b-bbd5f6b1e2fc
Seguitarono ad osservare le ombre prodotte davanti a loro e vennero sorpresi a guardare candidamente tutte le cose che non esistevano: i figli mai nati; le parole mai dette e le promesse che non si sarebbero mai fatti. Dal vetro il mondo appariva distante ed estraneo, si erano finalmente...
Post
02/06/2017 20:55:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1