GRIDO ALLA LUNA

13 settembre 2018 ore 22:15 segnala



CRY FOR THE MOON - GRIDO ALLA LUNA

Seguite il buon senso!
Non potete nascondervi dietro una favola in eterno!
Solo rivelando la verità nella sua interezza possiamo cogliere
l'essenza di questo insopportabile muro.
Le menti indottrinate sono così spesso piene di pensieri malsani
e commettono la maggior parte del male contro cui predicano.
Non cercate di convincermi con la storia dei messaggi inviati da Dio!
I peccati di cui ci accusate sono quelli che voi commettete.
E' facile condannare senza guardare nello specchio,
ma dietro le quinte si distende la realtà.
Il silenzio eterno invoca giustizia.
Il perdono non è in vendita,
né lo è la volontà di dimenticare.
La verginità è stata carpita in giovane età
e colui che se l'è presa ha perso la sua immunità.
E' stato commesso un morboso abuso di potere nel giardino dell'Eden,
quando la mela assunse un volto così giovane.
Non potete continuare a nascondervi dietro a favole desuete
e non far altro che lavarvi le mani nell'innocenza!
48d4769b-19eb-4d1d-bb16-0b1a6888fc07
« video » CRY FOR THE MOON - GRIDO ALLA LUNA Seguite il buon senso! Non potete nascondervi dietro una favola in eterno! Solo rivelando la verità nella sua interezza possiamo cogliere l'essenza di questo insopportabile muro. Le menti indottrinate sono così spesso piene di pensieri malsani ...
Post
13/09/2018 22:15:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

LA SPADA DELLA RELIGIONE

13 settembre 2018 ore 22:11 segnala



SEIF AL DIN - LA SPADA DELLA RELIGIONE

L'origine del dogma collocò in un nuovo millennio demoni affamati,
che abbiamo accolto e a cui abbiamo dato un caloroso benvenuto.
La spada della religione non ha mai avuto un'ombra di ruggine,
perché è stata continuamente riforgiata per servire l'Onnipotente.
I rudimenti sono sempre stati malinterpretati durante la storia,
nonostante le buone intenzioni di molti discepoli la cui fede era sincera e solida.
La maggior parte dei potenti ha piegato le parole antiche a proprio vantaggio,
con lo scopo di ottenere primato e potere su tutti i poveri sfortunati,
che sono caduti sotto i loro inganni e le manipolazioni.
Questo cattivo uso della fiducia macchierà per sempre le pagine della storia,
riverberando lo sfruttamento e le debolezze di uomini onesti,
abbattuti dal rancore che non smette mai di crescere.
Una diffidenza mai doma fondata sulla convinzione della malevolenza altrui.
Quando la bellezza surreale porge la sua mano,
è sempre meglio non perdere te stesso in una fede cieca.
Non c'è altro Dio all'infuori di Dio e Maometto è il suo profeta.

EROINA

20 agosto 2018 ore 13:37 segnala




Eroina – Riccardo Mannerini

Come potrò dire
a mia madre
che ho paura?
La vita,
il domani,
il dopodomani
e le altre albe
mi troveranno
a tremare
mentre
nel mio cervello
l’ottovolante della critica
ha rotto i freni
e il personale
è ubriaco.
Ho paura,
tanta paura,
e non c’è nascondiglio possibile
o rifugio sicuro.
Ho licenziato
Iddio
e buttato via una donna.
La mia patria
è come la mia intelligenza:
esiste, ma non la conosco.
Ho voluto
il vuoto.
Ho fatto
il vuoto.
Sono solo
e ho freddo
e gli altri nudi
ridono forte
mentre io striscio
verso un fuoco che non mi scalda.
Guardo avvilito
questo deserto
di grattacieli
e attonito
vedo sfilare
milioni di esseri di vetro.
Come potrò
dire a mia madre
che ho paura?
La vita,
il suo motivo,
e il cielo
e la terra
io non posso raggiungerli
e toccare…
Sono sospeso a un filo
che non esiste
e vivo la mia morte
come un anticipo terribile.
Mi è stato concesso
di non portare addosso
vermi
o lezzi o rosari.
Ho barattato
con una maledizione
vecchia ma in buono stato.
Fu un errore.
Non desto nemmeno
più la pietà
di una vergine e non posso
godere il dolore
di chi mi amava.
Se urlo chi sono,
dalla mia gola
escono deformati e trasformati
i suoni che vengono sentiti
come comuni discorsi.
Se scrivo il mio terrore,
chi lo legge teme di rivelarsi e fugge
per ritornare dopo aver comprato
del coraggio.
Solo quando
scadrà l’affitto
di questo corpo idiota
avrò un premio.
Sarò citato
di monito a coloro
che credono sia divertente
giocare a palla
col proprio cervello
riuscendo a lanciarlo
oltre la riga
che qualcuno ha tracciato
ai bordi dell’infinito.
Come potrò dire a mia madre
che ho paura?
Insegnami,
tu che mi ascolti,
un alfabeto diverso
da quello della mia vigliaccheria.
528f60d9-7751-414d-9daa-b88b01b1f9f8
« video » Eroina – Riccardo Mannerini Come potrò dire a mia madre che ho paura? La vita, il domani, il dopodomani e le altre albe mi troveranno a tremare mentre nel mio cervello l’ottovolante della critica ha rotto i freni e il personale è ubriaco. Ho paura, tanta paura, e non...
Post
20/08/2018 13:37:20
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

CODARDO

02 agosto 2018 ore 22:49 segnala


COWARD - CODARDO

Il concetto base della verità sembra sfuggirti, ma sono qui per fartelo imparare. Io non spreco la mia fede con fragili, fallimentari illusioni. Il desiderio non determinerà il mio destino, non mi farà deragliare fino alla rovina. Ci saranno tempeste, ma io coglierò le mie occasioni perché so che la giustizia verrà a ballare sulla tua tomba. Codardo! Hai rubato segreti in massa, instillando volontariamente la confusione, rivestendo un ruolo in cui ti senti appagato e letale. Lancia pure le tue pietre, io coglierò le mie occasioni perché so che la giustizia verrà a ballare sulla tua tomba. Cieli infuocati e lame di diamante, notti immobili e menti in fiamme. Correrò tenacemente verso lo scacco matto e sai che ho ragione. Non ci saranno vincitori misericordiosi in questo gioco e il nodo del cappio sarà stretto. Mi hai nutrito a bugie, è normale la rabbia. Ti propongo la legge marziale, nessun parziale appello ne sopporterà il peso. Attraverso la rinuncia, ti sei preso le tue occasioni e dovresti sapere che presto non ci sarà più nessuno a salvarti. Mostrami il tuo disprezzo. Avrò le mie occasioni perché so che la giustizia verrà a sputarti nel cervello. Codardo!
344eeca9-aa96-4599-892f-80ad3af01282
« video » COWARD - CODARDO Il concetto base della verità sembra sfuggirti, ma sono qui per fartelo imparare. Io non spreco la mia fede con fragili, fallimentari illusioni. Il desiderio non determinerà il mio destino, non mi farà deragliare fino alla rovina. Ci saranno tempeste, ma io coglierò le...
Post
02/08/2018 22:49:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

MACHINE GUN

01 agosto 2018 ore 13:33 segnala



MACHINE GUN - MITRAGLIATRICE

Quello che vorrei sapere è come hai fatto ad eludere i miei sistemi di sorveglianza. Non ci costringere a una zona di guerra, pensavo con te di avere l'immunità. Andiamo, sei sul punto di esplodere e io lo capisco. Ci siamo incagliati nei tuoi discorsi e poi te ne sei andato. Tu troppo veloce e io troppo lenta. Tu a testa china e di corsa perché eri offeso. Come una mitragliatrice non ci sono pause tra i colpi. Sei come una mitragliatrice e io cerco un riparo. L'aggressione non ha mai fine, sono sotto attacco! Rompi le palle a qualcun'altra con ciò che hai intenzione di fare. Hai incendiato, annichilito il nostro rapporto. Eri già ferito prima e questo non significa che la tua violenza sia giustificata. Questa è una guerra civile perché hai cominciato già durante il rapporto. Le cose vuoi che si mettano male dato che continui a parlare, ma io non sono una puttana civile, né una noia civile e ricorda che hai cominciato tu. Punta l'arma, prendi la mira e scatenati! Ti andrà male, non hai scelto il calibro giusto. Il fumo si dirada, dai il tuo meglio con le ragazze. Il nostro patto è concluso, gettato fuori dalla finestra. Fa attenzione però, perché io ho imparato dal migliore.

Shot in the dark

27 luglio 2018 ore 11:46 segnala




Shot in the dark

I’ve been left out alone
like a damn criminal
I’ve been praying for help
’cause I can’t take it all
I’m not done,
It’s not over.
Now I’m fighting this war
since the day of the fall
And I’m desperately
holding on to it all
But I’m lost
I’m so damn lost

Oh I wish it was over,
And I wish you were here
Still I’m hoping that somehow

‘Cause your soul is on fire
A shot in the dark,
What did they aim for when
they missed your heart?
I breathe underwater
It’s all in my hands
But what can I do?
Don’t let it fall apart
A shot in the dark

In the blink of an eye
I can see through your eyes
As I’m lying awake
I’m still hearing the cries.
And it hurts,
Hurts me so bad.
And I’m wondering why
I still fight in this life
‘Cause I’ve lost all my faith
in this damn bitter strife
And it’s sad
It’s so damn sad

Oh I wish it was over,
And I wish you were here
Still I’m hoping that somehow

‘Cause your soul is on fire
A shot in the dark,
What did they aim for when
they missed your heart?
I breathe underwater
It’s all in my hands
But what can I do?
Don’t let it fall apart
A shot in the dark

I feel you are fading away

‘Cause your soul is on fire
A shot in the dark,
What did they aim for when
they missed your heart?
I breathe underwater
It’s all in my hands
But what can I do?
Don’t let it fall apart

‘Cause your soul is on fire
A shot in the dark,
What did they aim for when
they missed your heart?
I breathe underwater
It’s all in my hands
But what can I do?
Don’t let it fall apart
A shot in the dark


Uno sparo nel buio

Sono stata lasciata fuori sola
Come una maledetta criminale
Ho pregato per un aiuto
Perché non posso resistere a tutto
Non sono finita
Non è finita
Ora sto combattendo questa guerra
fino al giorno della caduta
e mi sto disperatamente
aggrappando a tutto quanto
ma sono perduta
così maledettamente perduta

Oh, vorrei che fosse finita
E vorrei che tu fossi qui
In qualche modo lo spero ancora

Perché la tua anima è in fiamme
Uno sparo nel buio
A cosa miravano quando
hanno mancato il tuo cuore?
Respiro sott’acqua
È tutto nelle mie mani
ma cosa posso fare?
Non lasciare che tutto vada in pezzi
Uno sparo nel buio

In un batter d’occhio
Posso vedere attraverso i tuoi occhi
Mentre giaccio sveglia
sto sentendo ancora le grida
E fa male
molto male
E mi sto chiedendo perché
combatto ancora in questa vita
prchè ho perso tutta la fiducia
in questo maledetta e amara lotta
ed è triste
così dannatamente triste

Oh, vorrei che fosse finita
E vorrei che tu fossi qui
In qualche modo lo spero ancora

Perché la tua anima è in fiamme
Uno sparo nel buio
A cosa miravano quando
hanno mancato il tuo cuore?
Respiro sott’acqua
È tutto nelle mie mani
ma cosa posso fare?
Non lasciare che tutto vada in pezzi
Uno sparo nel buio

Sento che stai svanendo

Perché la tua anima è in fiamme
Uno sparo nel buio
A cosa miravano quando
hanno mancato il tuo cuore?
Respiro sott’acqua
È tutto nelle mie mani
ma cosa posso fare?
Non lasciare che tutto vada in pezzi

Perché la tua anima è in fiamme
Uno sparo nel buio
A cosa miravano quando
hanno mancato il tuo cuore?
Respiro sott’acqua
È tutto nelle mie mani
ma cosa posso fare?
Non lasciare che tutto vada in pezzi
Uno sparo nel buio
042d0c46-c194-481f-8452-2936d5eab7a4
« video » Shot in the dark I’ve been left out alone like a damn criminal I’ve been praying for help ’cause I can’t take it all I’m not done, It’s not over. Now I’m fighting this war since the day of the fall And I’m desperately holding on to it all But I’m lost I’m so damn lost Oh I...
Post
27/07/2018 11:46:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

A livella

27 luglio 2018 ore 11:21 segnala



Ogn'anno, il due novembre, c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zì Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! Si ce penzo, e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
... sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pè segno, sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'Ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'ò tubbo, 'a caramella e c'ò pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello... 'o scupatore.
'Int 'a stu fatto ì nun ce veco chiaro:
sò muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano stà 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, si, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente"

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffà sta fesseria,
ì che putevo fà si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza! "

"Famme vedé... -piglia sta violenza...
'A verità, Marché, mme sò scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca sò muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
... Muorto si'tu e muorto sò pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali? ".

'Tu quà Natale... Pasca e Ppifania!!!
T'o vvuò mettere 'ncapo... 'int'a cervella
che staje malato ancora è fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched'e?... è una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti... nun fa'o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo à morte!


Totò (Antonio de Curtis)

La morte si fuma i miei sigari

24 luglio 2018 ore 13:32 segnala


Sai com'è: sono qui ubriaco ancora
una volta
e ascolto Chajkovskij
alla radio.
Gesù, lo sentivo quarantasette anni
fa
quando ero uno scrittore morto di fame
ed eccolo qui
di nuovo
ora io sono uno scrittore con un po'
di successo
e la morte va
su e giù
per questa stanza
e si fuma i miei sigari
beve qualche sorso del mio
vino
mentre il vecchio Pietro continua a darci dentro
con la sua "Patetica",
ho fatto un bel pezzo di strada
e se ho avuto fortuna è
perché ho tirato bene
i dadi:
ho fatto la fame per l'arte, ho fatto la fame per
riuscire a guadagnare cinque dannati minuti, cinque ore,
cinque giorni,
volevo soltanto buttare giù qualche
frase,
il successo, il denaro non importavano:
io volevo scrivere
e loro volevano che stessi alla pressa meccanica,
in fabbrica alla catena di montaggio
volevano che facessi il fattorino in un
grande magazzino.

Bè, dice la morte, passandomi accanto,
ti prenderò comunque,
non importa quello che sei stato:
scrittore, tassista, pappone, macellaio,
paracadutista acrobatico, io ti
prenderò...
okay, baby, le dico io.
Adesso ci beviamo qualcosa insieme
mentre l'una di notte diventano
le due
e lei solo sa
quando verrà il
momento, ma oggi sono
riuscito a fregarla: mi sono preso
altri cinque dannati minuti
e molto di
più.

Charles Bukowski
d6fe7d4a-48f9-4127-bedc-ec335ac24897
« video » Sai com'è: sono qui ubriaco ancora una volta e ascolto Chajkovskij alla radio. Gesù, lo sentivo quarantasette anni fa quando ero uno scrittore morto di fame ed eccolo qui di nuovo ora io sono uno scrittore con un po' di successo e la morte va su e giù per questa stanza e si fuma i miei ...
Post
24/07/2018 13:32:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Madre

12 luglio 2018 ore 13:38 segnala



Supplica a mia madre

È difficile dire con parole di figlio
ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio.
Tu sei la sola al mondo che sa, del mio cuore,
ciò che è stato sempre, prima d'ogni altro amore.
Per questo devo dirti ciò ch'è orrendo conoscere:
è dentro la tua grazia che nasce la mia angoscia.
Sei insostituibile. Per questo è dannata
alla solitudine la vita che mi hai data.
E non voglio esser solo. Ho un'infinita fame
d'amore, dell'amore di corpi senza anima.
Perché l'anima è in te, sei tu, ma tu
sei mia madre e il tuo amore è la mia schiavitù:
ho passato l'infanzia schiavo di questo senso
alto, irrimediabile, di un impegno immenso.
Era l'unico modo per sentire la vita,
l'unica tinta, l'unica forma: ora è finita.
Sopravviviamo: ed è la confusione
di una vita rinata fuori dalla ragione.
Ti supplico, ah, ti supplico: non voler morire.
Sono qui, solo, con te, in un futuro aprile….


Pier Paolo Pasolini
cad8440e-622d-4003-a208-467c9e2af6d2
« video » Supplica a mia madre È difficile dire con parole di figlio ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio. Tu sei la sola al mondo che sa, del mio cuore, ciò che è stato sempre, prima d'ogni altro amore. Per questo devo dirti ciò ch'è orrendo conoscere: è dentro la tua grazia che nasce la mi...
Post
12/07/2018 13:38:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment