Una lama nel cuore

08 febbraio 2018 ore 17:49 segnala



A te che sai chi sei, lascio un ultimo ricordo.
Io non ci sarò quando sarai da sola...
Allora potrai leggere questa ballata e io sarò ancora una volta lì, al tuo fianco... anche se solo per la durata di queste strofe.

Ti ho voluto bene.
Addio.


________________________________________________________


La ballata d'io e te

Questo è il testamento di qualcuno che scompare
non perchè malvagio, ma perchè ha voluto amare.
Amar la prima volta in questo etere infinito
dove anche dire 't'amo' può sembrare poco ardito
in mezzo a fiumi immani di discorsi senza onore
in cui perde anche di peso la parola e il suo spessore.

Qui dove il sesso è gratis tanto da essere mercè
sia per il cialtrone quanto per la donna che
in qualche modo esalta la propria vanità
magari un po' sfiorente, o magari perchè sa
che il solo modo che ha d'attrarre qualcheduno
è quello di far leva sull'istinto più opportuno.

Ma proprio in questo luogo, becero e malsano
accadde che qualcuno mi porse la sua mano.
Ricordo i primi istanti, come fosse ieri
quelle prime frasi e gli scherzi poi forieri
di nuovi incontri, risa e di vita raccontata
e scriversi di getto quanto sa essere spietata.

Insieme giorno e vespro, ora dopo ora
la fame l'un dell'altra cresceva sempre e ancora;
nel buio della notte, soli noi e spesso
ci si abbandonava a tenerezze e sesso...
Per poi accomiatarci infin con un saluto
ed esser svegli e pronti col nuovo dì venuto.

Colta, bell'aspetto, sempre pronta la battuta
vulcano travolgente, ma sempre combattuta
nel fare quei suoi conti con una vita ingrata
che l'ha resa come schiava e pure maltrattata
di cui un tempo fu la sola, unica artefice
ma che or le si rivolta, aguzzina e carnefice.

Rammento quella donna, dolce n'è quel viso
lo porto dentro me assieme al suo sorriso.
D'indole impulsiva, gelosa e litigiosa
ma sempre affascinante, sensuale, focosa.
Mai potrò scordare quel bacio che rapisce
che mira dritto al cuore, ch'ogni dolor lenisce.

Quegli occhi che mi guardan, languidi d'amore
poi l'impeto ci assale, in tutto il suo furore...
E il sentimento cresce, potente ingenuo e puro
sviluppa quell'ardore che ti fa sentir sicuro.
Eterno ed immortale, che non finirà mai
i miei negli occhi tuoi: "Lo so io e tu lo sai".

E intanto il tempo passa e sempre assieme stiamo
intere mattinate a guardarci mentre amiamo
riempire di silenzi quegli attimi di quiete
che fan di quei momenti ricordi di ore liete.
Giorno dopo giorno, istante dopo istante
ognuno era per l'altra sempre più importante...

Ma come ogni storia s'appresta a terminare,
appresi un giorno infausto nel nostro dialogare
ch'ella non mirava ad essere reale
ma che s'accontentava del gioco del 'virtuale'.
Affranto e assai deluso, ma ancor innamorato,
capii che alla fine il nostro tempo era arrivato.

E il giorno in cui comincia la discesa nell'abisso
il petto ti si stringe e ti fa sentire oppresso
e tutto si fa grigio, poi nero e poi nefario
mentre dall'alto scende lento quel sipario
che trancia in due i cuori, che gela l'emozione
che suscita paura, che porta all'estinzione...

E qui ora mi ritrovo, triste ma deciso
convinto della scelta che vede aver reciso
qualcosa di stupendo ma senza via d'uscita
per chi non ha capito il senso della vita.
Perchè tu non l'hai inteso e in tutta l'evidenza
ti manca quel coraggio che fa la differenza.

Ma ancora io ti dico, piccola amante mia:
ricordati i miei occhi e fingi che io sia
quel principe di cui al tempo ti parlai
quello sul cavallo, che ben ricorderai;
or sale cavalcioni e sprona il suo destriero
senza voltarsi indietro e con lo sguardo fiero.

Così allo stesso modo da te io m'allontano
ma al pari dei tuoi modi ti porgo anch'io la mano.
Puoi prenderla se vuoi, a te io mi rimetto
cercami ed inseguimi, son qui che ancor t'aspetto.
Libera il tuo cuore e lascia che ti porti...
raggiungimi ed insieme noi due saremo forti!

Rinnega il tuo passato... credi in me e vedrai
che come per magia anche tu risorgerai.
Fenice di passione, amore e nostalgia
ripudia quel tuo mondo che sa di malattia,
ma pensa che l'amore tutto può guarire
o dolce mia regina, ti prego... non soffrire.

E l'eco del mio canto svanisce lentamente
lasciando nel silenzio il cuore e anche la mente.
Perchè il mio sguardo ora è triste e lacrimato
benchè nel petto mio nulla si sia fermato.
Il cuore ancora è tuo, mia lady disinibita
stringerti vorrei e intrecciar con te le dita.

Solo alla finestra, seguendo l'orizzonte
lo sguardo ancora spera, volando come aliante
ma perso cade presto nel vuoto del pensiero
avvolto e risucchiato come in buco nero.
La vita torna grigia e perde di colore
mi mancan le tue risa che allegrano l'umore...

Chissà se pure tu, proprio in tal momento
sei lì dalla finestra a contemplar l'avvento
del buio che ci inghiotte, che piano s'avvicina
la luce del tuo sguardo che brilla come brina
incontra quello mio, su retta immaginaria
che accorcia le distanze in quella linea d'aria.

Così ricorderò, quel bene che ci fu
quand'eravamo soli... l'amore, io e tu.
Sorrido amaro e torno a fare ciò che faccio
la vita qui continua col proprio canovaccio;
ma prima di dormire, da oggi e fino a poi
per ciò che mi hai donato non t'oblierò giammai...
5ce30c18-bcb0-40af-ae54-226a9d86670a
« immagine » A te che sai chi sei, lascio un ultimo ricordo. Io non ci sarò quando sarai da sola... Allora potrai leggere questa ballata e io sarò ancora una volta lì, al tuo fianco... anche se solo per la durata di queste strofe. Ti ho voluto bene. Addio. ____________________________________...
Post
08/02/2018 17:49:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7

Commenti

  1. darkangel.1970 09 febbraio 2018 ore 10:17
    Nessuno....e dico NESSUNO mai mi ama quanto te...
    Queste parole...questa ballata...è la cosa + bella e romantica che io avrei mai potuto leggere...I momenti passati insieme sono stati e rimarranno sempre UNICI....
    Per la complicita'...per la passione....per il sentimento che cresceva sempre piu'...
    Hai ragione...sono una donna complicata....e tu pero' continui a sottovalutare il mio reale....Non ci si libera da un giorno all'altro di UNA VITA...non è possibile...Come fai a non capirlo!!!!!!!
    Io sono qui.... :bacio :bacio
  2. sally.57 10 febbraio 2018 ore 14:39
    la vita quella vera è nel reale..... non qui in un mondo virtuale fatto solo di msg, cam,e telefonate. Perchè alla fine non ci rimane che un pugno di mosche in mano....cioè il nulla.
  3. Ginevra.60 29 luglio 2018 ore 15:22
    Mi hai commosso.....
    Capisco benissimo quello che si prova ma il mondo virtuale è questo....
    Bellissima dedica d'amore...complimenti per

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.