L'isola

08 luglio 2015 ore 00:44 segnala


Ti aspettavo, sulla banchina del porto,
ed eccoti arrivare, con un sorriso monello
stampato sulle labbra.
Mi abbracci come sempre, stretto stretto
e mi dici che non avresti mai rinunciato
a qualche giorno con me, sull'isola.
.. E poi giornate spensierate,
l, dove nessuno arriva,
dove i gabbiani volano bassi
lanciando il loro canto d'amore..
Per mano, in mezzo alle ginestre,
a scoprire luoghi abbandonati,
e poi come lucertole al sole
o in mezzo alle onde a schizzarci, felici.
L'oleandro in fiore, il mirto profumato,
le stelle luccicanti e la luna che osserva
i nostri respiri vicini, che diventano uno...
e ridendo mi sussurri: Vuoi che te lo dica?
ridendo ti dico: No!!! e tu invece,
oltre il fragore delle onde, oltre il sibilo del vento,
urli forte: Ti amoooo!!
Che matto che sei...

e831b005-ff61-4c72-8b70-bce051ef42de
immagine Ti aspettavo, sulla banchina del porto, ed eccoti arrivare, con un sorriso monello stampato sulle labbra. Mi abbracci come sempre, stretto stretto e mi dici che non avresti mai rinunciato a qualche giorno con me, sull'isola. .. E poi giornate spensierate, l, dove nessuno arriva, do...
Post
08/07/2015 00:44:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. noisiamo.persempre 08 luglio 2015 ore 00:53
    :bacio

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.