HO IMPARATO...

09 marzo 2010 ore 18:22 segnala
Ho imparato...
che la miglior aula del mondo è ai piedi di una persona anziana.

Ho imparato...
che quando sei innamorato, si vede.

Ho imparato...
che appena una persona mi dice, "Mi hai reso felice!", mi rende felice.

Ho imparato...
che essere gentili è piu importante dell'aver ragione.

Ho imparato...
che semplici passeggiate con mio padre attorno all'isolato nelle notti d'estate quand'ero bambino, sarebbero stati miracoli per me da adulto.

Ho imparato...
che dovremmo essere contenti per il fatto che Dio o chi per lui, non ci dà tutto quel che gli chiediamo.

Ho imparato...
che i soldi non possono acquistare la classe.

Ho imparato...
che sono i piccoli avvenimenti giornalieri a fare la vita così spettacolare.

Ho imparato...
che sotto il duro guscio di ognuno c'è qualcuno che vuole essere apprezzato e amato.

Ho imparato...
che ignorare i fatti non cambia i fatti.

Ho imparato...
che quando progetti di prenderti la rivincita su qualcuno, stai solo facendo in modo che quella persona continui a ferirti.

Ho imparato...
che l'amore, non il tempo, guarisce tutte le ferite.

Ho imparato...
che per me il modo piu semplice di crescere come persona è circondarmi di gente piu abile di me.

Ho imparato...
che ogni persona che incontri merita d'essere salutata con un sorriso.

Ho imparato...
che nessuno è perfetto, fino a quando non te ne innamori.

Ho imparato...
che le opportunità non si perdono mai, qualcuno sfrutterà quelle che hai perso tu.

Ho imparato...
che se dai rifugio all'amarezza, la felicità attraccherà da qualche altra parte.

Ho imparato...
che ognuno dovrebbe rendere le proprie parole soffici e tenere, perché domani potrebbe doverle mangiare.

Ho imparato...
che un sorriso è un modo non costoso di valorizzare i tuoi sguardi.

Ho imparato...
che non posso scegliere come sentirmi, ma posso scegliere cosa farci.

Ho imparato...
che chiunque vuole vivere sulla vetta della montagna, tutta la felicita e la crescita si trovano mentre la si scala.

Ho imparato...
che è meglio dare consigli in due sole circostanze : quando sono richiesti e quando c'è pericolo di morte.

Ho imparato...
che la vita é dura, ma io sono piu duro.

Andy Rooney
11466753
Ho imparato... che la miglior aula del mondo è ai piedi di una persona anziana. Ho imparato... che quando sei innamorato, si vede. Ho imparato... che appena una persona mi dice, "Mi hai reso felice!", mi rende felice. Ho imparato... che essere gentili è piu importante dell'aver ragione. Ho...
Post
09/03/2010 18:22:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
  • commenti
    comment
    Comment
    13

E crescendo impari...

09 marzo 2010 ore 18:09 segnala
E crescendo impari che la felicità non e' quella delle grandi cose.
Non e' quella che si insegue a vent'anni, quando, come gladiatori si combatte il mondo per uscirne vittoriosi...
La felicità non e' quella che affanosamente si insegue credendo che l'amore sia tutto o niente,...
non e' quella delle emozioni forti che fanno il "botto" e che esplodono fuori con tuoni spettacolari...,
la felicità non e' quella di grattacieli da scalare, di sfide da vincere mettendosi continuamente alla prova.
Crescendo impari che la felicità e' fatta di cose piccole ma preziose....
...e impari che il profumo del caffe' al mattino e' un piccolo rituale di felicità, che bastano le note di una canzone, le sensazioni di un libro dai colori che scaldano il cuore, che bastano gli aromi di una cucina, la poesia dei pittori della felicità, che basta il muso del tuo gatto o del tuo cane per sentire una felicità lieve.
E impari che la felicità e' fatta di emozioni in punta di piedi, di piccole esplosioni che in sordina allargano il cuore, che le stelle ti possono commuovere e il sole far brillare gli occhi,
e impari che un campo di girasoli sa illuminarti il volto, che il profumo della primavera ti sveglia dall'inverno, e che sederti a leggere all'ombra di un albero rilassa e libera i pensieri.

E impari che l'amore e' fatto di sensazioni delicate, di piccole scintille allo stomaco, di presenze vicine anche se lontane, e impari che il tempo si dilata e che quei 5 minuti sono preziosi e lunghi più di tante ore,
e impari che basta chiudere gli occhi, accendere i sensi, sfornellare in cucina, leggere una poesia, scrivere su un libro o guardare una foto per annullare il tempo e le distanze ed essere con chi ami.

E impari che sentire una voce al telefono, ricevere un messaggio inaspettato, sono piccoli attimi felici.
E impari ad avere, nel cassetto e nel cuore, sogni piccoli ma preziosi.
E impari che i regali più grandi sono quelli che parlano delle persone che ami...
E impari che c'e' felicità anche in quella urgenza di scrivere su un foglio i tuoi pensieri, che c'e' qualcosa di amaramente felice anche nella malinconia.
11466741
E crescendo impari che la felicità non e' quella delle grandi cose. Non e' quella che si insegue a vent'anni, quando, come gladiatori si combatte il mondo per uscirne vittoriosi... La felicità non e' quella che affanosamente si insegue credendo che l'amore sia tutto o niente,... non e' quella delle...
Post
09/03/2010 18:09:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Politiche 2010

09 marzo 2010 ore 17:22 segnala
Quando piccoli uomini proiettano grandi ombre vuol dire che si è al tramonto.
11466627
Quando piccoli uomini proiettano grandi ombre vuol dire che si è al tramonto.
Post
09/03/2010 17:22:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Metafora della vita...

24 luglio 2009 ore 17:54 segnala
Un professore, prima di iniziare la sua lezione di filosofia, pose alcuni oggetti davanti a sé, sulla cattedra. Senza dire nulla, quando la lezione iniziò, prese un grosso barattolo di maionese vuoto e lo riempì con delle palline da golf. Domandò quindi ai suoi studenti se il barattolo fosse pieno ed essi risposero di si.

Allora, il professore rovesciò dentro il barattolo una scatola di sassolini, scuotendolo leggermente. I sassolini occuparono gli spazi fra le palline da golf. Domandò quindi, di nuovo, ai suoi studenti se il barattolo fosse pieno ed essi risposero di si.

Il professore, rovesciò dentro il barattolo una scatola di sabbia. Naturalmente, la sabbia occupò tutti gli spazi liberi. Egli domandò ancura una volta agli studenti se il barattolo fosse pieno ed essi risposero con un si unanime.

Il professore tirò fuori da sotto la cattedra due bicchieri di vino rosso e li rovesciò interamente dentro il barattolo, riempiendo tutto lo spazio fra i granelli di sabbia. Gli studenti risero!

“Ora”, disse il professore quando la risata finì, “vorrei che voi cosideraste questo barattolo la vostra vita. Le palline da golf sono le cose importanti; la vostra famiglia, i vostri figli, la vostra salute, i vostri amici e le cose che preferite; cose che se rimanessero dopo che tutto il resto fosse perduto riempirebbero comunque la vostra esistenza.

“I sassolini sono le altre cose che contano, come il vostro lavoro, la vostra casa, l’automobile. La sabbia è tutto il resto, le piccole cose.”

“Se metteste nel barattolo per prima la sabbia”, continuò, “non resterebbe spazio per i sassolini e per le palline da golf. Lo stesso accade per la vita. Se usate tutto il vostro tempo e la vostra energia per le piccole cose, non vi potrete mai dedicare alle cose che per voi sono veramente importanti.

“Curatevi delle cose che sono fondamentali per la vostra felicità. Giocate con i vostri figli, tenete sotto controllo la vostra salute. Portate il vostro partner a cena fuori. Giocate altre 18 buche! Fatevi un altro giro sugli sci! C’è sempre tempo per sistemare la casa e per buttare l’immondizia. Dedicatevi prima di tutto alle palline da golf, le cose che contano sul serio. Definite le vostre priorità, tutto il resto è solo sabbia”.

Una studentessa alzò la mano e chiese che cosa rappresentasse il vino. Il professore sorrise. “Sono contento che tu l’abbia chiesto. Serve solo a dimostrare che per quanto possa sembrae piena la tua vita: c’è sempre spazio per un paio di bicchieri di vino con un amico”.
11004260
Un professore, prima di iniziare la sua lezione di filosofia, pose alcuni oggetti davanti a sé, sulla cattedra. Senza dire nulla, quando la lezione iniziò, prese un grosso barattolo di maionese vuoto e lo riempì con delle palline da golf. Domandò quindi ai suoi studenti se il barattolo fosse pieno... (continua)
Post
24/07/2009 17:54:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    28