Genetliaco

06 gennaio 2017 ore 14:26 segnala


Oggi, come ogni 6 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato sabato mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nascevo io, mia mamma, poverina, ancora non sapeva che danno avrebbe poi causato al mondo, però il danno oramai era fatto.
Ma adesso seriamente, questa ricorrenza mi porta a pensare al tempo che passa, alla giovinezza.
La giovinezza non è un periodo della vita, è uno stato d’animo, che consiste una certa forma della volontà.
In disposizione dell’immaginazione, in una forza emotiva nel prevalere dell’audacia sulla timidezza, della sete dell’avventura, sull’amore per le comodità. Non si invecchia per il semplice fatto di aver vissuto un certo numero di anni, ma solo quando si abbandonano i propri ideali.
Se gli anni tracciano i loro solchi sul corpo, le rinunce all’entusiasmo li traccia sull’anima.
Essere giovane significa conservare a cinquanta, sessanta, a settant’anni, l’amore del meraviglioso, lo stupore per le cose sfavillanti e i pensieri luminosi, le sfide intrepide lanciate agli avvenimenti, il desiderio insaziabile del fanciullo per tutto ciò che è nuovo, il senso del lato piacevole dell’esistenza.
Si resta giovani finché la nostra anima saprà riceve i messaggi di bellezza, di audacia, di coraggio, di grandezza, di forza che vi giungono dalla terra da una donna o dall’infinito.
Quando tutte le fibre della vostra anima saranno spezzate e su di essa si saranno accumulate le nevi del pessimismo e il ghiaccio del cinismo, è solo allora che diventeremo vecchi…
3aeeb7db-7cc0-4e6f-a5cc-0303bf91ba32
« immagine » Oggi, come ogni 6 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato sabato mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nascevo io, mia mamma, poverina, ancora non sapeva che danno avrebbe poi causato al mondo, però il danno oramai era fatto. Ma adesso seriamente, questa ricorrenza mi ...
Post
06/01/2017 14:26:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Il nulla

03 gennaio 2017 ore 14:32 segnala


Sento il rumore sordo dei tuoi pensieri, mentre sbatti la testa contro il tuo solito muro. La sbatti perché vuoi abbatterlo, la sbatti perché quest’aria pesante ti soffoca.
Ti vedo girare intorno al tuo solito mondo mentre ti accorgi che è davvero piccolo e senza un cartello che indichi una via d’uscita. E ti stringi le spalle, con le mani avvinghiate al tuo vivere, i tuoi pensieri come unghie a lacerare la pelle.
E infine quel grido che non esce dalla gola, rimane lì e si raggruma fino a trasformarsi in un’imprecazione. Ma verso chi imprechi? Le tue imprecazioni si perdono nel silenzio. Non c’è nessuno che le ascolta. Non c’è nessuno che presti orecchie, anche solo distratte, al tuo lamento, fosse solo per convincerti, in quella tua folle testa, che hai qualcosa da dire. Che anche tu vali qualcosa in questa assurda pantomima che chiamiamo vita.
Ma cos’è la vita se non un continuo rincorrere sogni o desideri che non raggiungerai mai, perché sono sempre un battito di ciglia davanti a te. E allora ti chiedi cos’è la vita, se non un continuo correre verso la fine? Un lento precipitare verso un nulla che non è sollievo al dolore in una risata, ma solo un tentativo di azzerare ogni sofferenza o felicità, in un limbo in cui tutto è negato, dove tutto è zero.
Per questo sbatti la testa su quel muro, perché la consapevolezza dello zero ti è insopportabile.

Perchè no……

30 dicembre 2016 ore 10:44 segnala


Ma com’è che una mattina ti svegli e dopo vent’anni che non vedi un canestro ti ritrovi ad avere questa voglia spropositata di giocare a basket? Saranno stati i canestri sul lungomare di Pozzuoli, o il campetto nei giardini di Via Ruoppolo, dove passo ogni tanto quando corro?
Qualcuno sarebbe così gentile da comunicare ai miei due piccoli neuroni che tanto il mio corpo non ce la farebbe mai? Che il mio ginocchio balla da solo senza bisogno di aiuto? E che pizze e sigari hanno fatto bene il loro lavoro?
Grazie, come sempre.
c930526e-0233-4075-bf18-f357e01ab36c
« immagine » Ma com’è che una mattina ti svegli e dopo vent’anni che non vedi un canestro ti ritrovi ad avere questa voglia spropositata di giocare a basket? Saranno stati i canestri sul lungomare di Pozzuoli, o il campetto nei giardini di Via Ruoppolo, dove passo ogni tanto quando corro? Qualcun...
Post
30/12/2016 10:44:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Napoli madre……

29 dicembre 2016 ore 08:30 segnala


Dell’odore dei pini marittimi…delle pizze al forno ancora calde…
Del caffè portato al mattino da un amico…
Dei profumi già sentiti…dei sapori già gustati…
Dei ricordi vividi…delle sensazioni familiari…
Delle facce nuove…dei volti più che conosciuti…
Della vernice fresca…dei muri nuovi…delle porte nere…
Dei pranzi interminabili…delle cene appena accennate…
Delle confidenze all’amico più caro…
Delle domeniche ecologiche in centro quando sei ovviamente in ritardo…
Dei materassi per terra…delle lenzuola aggrovigliate…
Dei sorrisi sinceri…degli abbracci nostalgici…
Delle case da inaugurare…dei lavori da incominciare…delle occasioni da non perdere…
Dei soliti posti…dei parcheggi introvabili…
Dei compleanni spostati…dei regali inaspettati…
Del sole caldo…dell’ottobrata che si ripresenta ogni anno…
Delle passeggiate nel tardo pomeriggio…dei risvegli con il malditesta…
Delle amicizie riconfermate ogni secondo…
Dei parenti che non si incontrano per più di 5 minuti…
Di tutto questo e di molto altro ancora…
E’ la mia Napoli, che in fondo non cambia mai…
a2003f6b-6999-4cfe-a25c-3530397baf1e
« immagine » Dell’odore dei pini marittimi…delle pizze al forno ancora calde… Del caffè portato al mattino da un amico… Dei profumi già sentiti…dei sapori già gustati… Dei ricordi vividi…delle sensazioni familiari… Delle facce nuove…dei volti più che conosciuti… Della vernice fresca…dei muri nuov...
Post
29/12/2016 08:30:42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Mentre ti guardo

28 dicembre 2016 ore 17:23 segnala


Anche se ti sforzi di essere allegra, non posso fare a meno di notare quanta tristezza ci sia nella tua voce. Una voce densa come una notte senza la speranza della luna, pesante come la tua valigia carica di problemi. Non so quale destino ti sei scelta, o forse lo so, forse era proprio questo. Ma adesso che hai raggiunto la tua meta, non riesci a vedere l’orizzonte immaginato. Ti volti ancora e richiudi di nuovo la porta alle tue spalle. Sei ferma ad un binario in attesa di una qualsiasi folata di vento che ti porti lontano da qui. Mi sembra di vederti, tu e la tua valigia pesante di tristezza e malinconia.
18a83608-b7f4-460c-9311-776ecfd791a3
« immagine » Anche se ti sforzi di essere allegra, non posso fare a meno di notare quanta tristezza ci sia nella tua voce. Una voce densa come una notte senza la speranza della luna, pesante come la tua valigia carica di problemi. Non so quale destino ti sei scelta, o forse lo so, forse era propr...
Post
28/12/2016 17:23:16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Ci sono giorni...

21 dicembre 2016 ore 08:21 segnala


E poi arrivano giorni pieni di vento, giorni in cui vorresti solo sparire, buttare via tutto e andartene, lasciarti tutti e tutto alle spalle, via da questa vita, da questo mondo che sembra non accettarti, e non importa se gli altri ti dicono di non mollare, che passerà, tu non ce la fai più e hai perso la voglia di lottare.
Ci sono giorni in cui pensi che tutto continuerà anche senza di te.
Ed è vero, tutto continuerà senza di te. Chi ti ama vivrà lo stesso anche se con un grande dolore nel cuore.
Ma tu avrai perso l’unica occasione per vivere questa cazzo di vita, fatta di mille ostacoli e di innumerevoli dolori.
Sappiamo che le cose più belle sono anche le più difficili da ottenere, e se prendi una scorciatoia perderai tutto il piacere del viaggio, perderai la parte più interessante. Sarebbe come iniziare un libro per poi andare a leggere l’ultima pagina per sapere come va a finire, che gusto c’è?
Vivi la vita intensamente, assapora ogni piccola cosa, che sia gioia o dolore, senza fuggire, vivi.
E alla fine, solo allora potrai dire che ne è valsa la pena
a170afab-d38c-45b3-951b-5411e935dcd0
« immagine » E poi arrivano giorni pieni di vento, giorni in cui vorresti solo sparire, buttare via tutto e andartene, lasciarti tutti e tutto alle spalle, via da questa vita, da questo mondo che sembra non accettarti, e non importa se gli altri ti dicono di non mollare, che passerà, tu non ce la...
Post
21/12/2016 08:21:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    3

Perchè Gridare?

20 dicembre 2016 ore 11:34 segnala


“Un giorno, un pensatore indiano fece la seguente domanda ai suoi discepoli:
“Perché le persone gridano quando sono arrabbiate?”
“Gridano perché perdono la calma” rispose uno di loro.
“Ma perché gridare se la persona sta al suo lato?” disse nuovamente il pensatore.
“Bene, gridiamo perché desideriamo che l’altra persona ci ascolti” replicò un altro discepolo.
E il maestro tornò a domandare:
“Allora non è possibile parlargli a voce bassa?”
Varie altre risposte furono date ma nessuna convinse il pensatore.
Allora egli esclamò:
“Voi sapete perché si grida contro un’altra persona quando si è arrabbiati?
Il fatto è che quando due persone sono arrabbiate i loro cuori si allontanano molto. Per coprire questa distanza bisogna gridare per potersi ascoltare.
Quanto più arrabbiati sono tanto più forte dovranno gridare per sentirsi l’uno con l’altro.
D’altra parte, che succede quando due persone sono innamorate?
Loro non gridano, parlano soavemente.
E perché?
Perché i loro cuori sono molto vicini.
La distanza tra loro è piccola.
A volte sono talmente vicini i loro cuori che neanche parlano, solamente sussurrano.
E quando l’amore è più intenso non è necessario nemmeno sussurrare, basta guardarsi.
I loro cuori si intendono. E questo che accade quando due persone che si amano si avvicinano.”
Infine il pensatore concluse dicendo:
“Quando voi discuterete non lasciate che i vostri cuori si allontanino, non dite parole che li possano distanziare di più, perché arriverà un giorno in cui la distanza sarà tanta che non incontreranno mai più la strada per tornare.”"

Mahatma Gandhi

46fd3100-012b-40a6-9046-be6caef304aa
« immagine » “Un giorno, un pensatore indiano fece la seguente domanda ai suoi discepoli: “Perché le persone gridano quando sono arrabbiate?” “Gridano perché perdono la calma” rispose uno di loro. “Ma perché gridare se la persona sta al suo lato?” disse nuovamente il pensatore. “Bene, gridiamo p...
Post
20/12/2016 11:34:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Auguri

19 dicembre 2016 ore 09:04 segnala


In questo mercatino delle emozioni, voglio augurare un buon 2017 a tutti, stringervi virtualmente tra le braccia uno ad uno, anche a chi si è solo affacciato per un momento. Spero che girando per le bancarelle del mio mercatino, ognuno di voi possa aver trovato qualcosa, un’emozione, un ricordo che gli abbia strappato un sorriso.
Come ogni anno di questi tempi prendo coscienza che mi scorre il tempo velocemente, e sono tranquillo.
Buon anno……
88e991be-6bac-4b41-a729-10a476895047
« immagine » In questo mercatino delle emozioni, voglio augurare un buon 2017 a tutti, stringervi virtualmente tra le braccia una ad una, anche a chi si è solo affacciata per un momento. Spero che girando per le bancarelle del mio mercatino, ognuna di voi possa aver trovato qualcosa, un’emozione,...
Post
19/12/2016 09:04:21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Seguendo l'orizzonte

16 dicembre 2016 ore 08:49 segnala


Immerso nei miei pensieri, seguo l’orizzonte. Lo accompagno fino al tramonto. Chiudo gli occhi cercando un’altra vita, un’altra morale, senza i pregiudizi della gente. Cerco una speranza a cui aggrapparmi nel desiderio di trovare ciò che cerco. L’amore che vive in me è intorno a me, è nei sogni che faccio, è nell’aria che respiro. Solo per lei riesco a liberare i miei pensieri, a raccogliere la mia anima in un vaso di cristallo in cui rimbalzano le mie emozioni, che cercano di volare via come foglie portate dal vento. Mi affretto a rinchiuderle dentro di me, non voglio lasciarle libere di girare nella mia mente, tra i miei ricordi, di impadronirsi dei miei scampoli di vita. Ma loro salgono lentamente fino a riempire l’anima di una dolcezza struggente, fino a togliere il respiro.
Non cerco l’amore eterno, solo l’amore vero, fosse solo per pochi istanti. Non cerco l’equilibrio, non esiste. Cerco solo la mia felicità, come cerco me stesso.

Innamorarsi

13 dicembre 2016 ore 09:36 segnala


A volte ci si innamora senza un perché, ti innamori di una persona che ami guardare dormire e mentre lo fai è come se le cantassi una nenia lenta, sconosciuta, che solo nei suoi sogni potrà ricordare.
Ti innamori di una persona che baci all’improvviso, senza un motivo, per avere ogni volta l’emozione di un amore che sorprende, qualcuno con cui usare gli abbracci al posto delle parole quando è triste, che invece di consigliare la calmi con i battiti del tuo cuore.
Ti innamori di una persona che sai capire nella malinconia dei tuoi silenzi, di cui comprendi l’importanza di un pianto liberatorio.
Ti innamori di una persona perché ama la sua libertà, la sua indipendenza e ne rispetti le scelte, anche se qualche volta le fai una scenata di gelosia, perché in fondo lei è tutto il tuo mondo.
Ti innamori di una persona perché ha il miglior odore dell’universo, quello che riconosceresti ovunque, quello unico che solo tu puoi apprezzare, quell’odore tanto simile alle tue emozioni.
Ti innamori di una persona perché sai che è l’unica anima che potrai amare con tutto te stesso.
Ti innamori di quella persona perché non potrai mai accontentarti di un amore mediocre, di un amore che non è amore.
Ti innamori di quella persona non perché non vuoi stare solo, ma solo perché non ne puoi fare a meno.

66de322d-a31c-46b5-a0b6-63b14a737e77
« immagine » A volte ci si innamora senza un perché, ti innamori di una persona che ami guardare dormire e mentre lo fai è come se le cantassi una nenia lenta, sconosciuta, che solo nei suoi sogni potrà ricordare. Ti innamori di una persona che baci all’improvviso, senza un motivo, per avere ogni...
Post
13/12/2016 09:36:20
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1