Le mie mani su di te...

22 aprile 2017 ore 09:54 segnala


Vorrei passare un’intera serata con le mie mani sul suo corpo e sentire ogni centimetro della sua pelle fino a non capire più nemmeno se io sia sveglio o se sia finito in un sogno che fa sembrare il mondo un posto davvero molto bello.
E non importa quanto tu sia cresciuto, quanto tu riesca a sentirti sicuro o quante siano state le tue conquiste.
Niente ha più un peso quando ti rendi conto che nonostante tutto ti ritrovi a non riuscire ad avere il pieno controllo sulle parole ti amo.
776cb0e1-3270-471c-af1e-584c0f91a4d7
« immagine » Vorrei passare un’intera serata con le mie mani sul suo corpo e sentire ogni centimetro della sua pelle fino a non capire più nemmeno se io sia sveglio o se sia finito in un sogno che fa sembrare il mondo un posto davvero molto bello. E non importa quanto tu sia cresciuto, quanto tu ...
Post
22/04/2017 09:54:07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Così dannatamente vicina

21 aprile 2017 ore 16:29 segnala


Ci sono stati momenti in cui ti ho desiderata così tanto da farti sentire il mio corpo addosso. Non importava che fossimo fermi ad un semaforo in attesa di attraversare la strada o davanti alla vetrina di un negozio.
Ti afferravo e ti portavo verso di me per sentire le tue labbra sfiorare le mie.
Ma non c'erano baci. Non c'erano carezze.
C'era solo lo spingersi fino al limite estremo di quello che ci veniva proibito.
Credo che il romanticismo sia spesso sopravvalutato.
Ho immaginato e vissuto scene romantiche ma continuo a preferire quelle in cui il desiderio e la voglia hanno la meglio su tutto, persino sull'amore.

Te l'ho già detto?

21 aprile 2017 ore 09:06 segnala


Te l’ho mai detto che ho voglia della tua lingua?
Voglio sentirla sulla mia e perdermi in uno di quei baci che sembrano durare giorni.
E delle tue mani? Te l’ho mai detto che ho voglia delle tue mani?
Voglio sentirle addosso mentre mi stringono come se mai e poi mai io potessi anche solo pensare di allontanarmi dal tuo corpo.
E dimmi, ti ho mai fatto capire la voglia che ho dei tuoi occhi?
Li voglio qui, ora, sul mio petto. Li voglio per sentirli salire sul mio viso, arrampicarsi sulle mie labbra e cercare nel mio sguardo tutto quello che ho intenzione di dividere con te nella mia vita.
Te l’ho già detto, vero?
7f2de766-2774-4476-8f50-0daee3d0c9e4
« immagine » Te l’ho mai detto che ho voglia della tua lingua? Voglio sentirla sulla mia e perdermi in uno di quei baci che sembrano durare giorni. E delle tue mani? Te l’ho mai detto che ho voglia delle tue mani? Voglio sentirle addosso mentre mi stringono come se mai e poi mai io potessi anche ...
Post
21/04/2017 09:06:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Quello che le donne non dicono

19 aprile 2017 ore 08:26 segnala


Noi uomini siamo degli sbruffoni. Ci vantiamo delle nostre avventure sessuali con gli amici, raccontiamo storie più o meno vere e qualche volta esageriamo per sentirci falsamente grandi.
Le donne invece non raccontano.
Non si vantano di quello che succede quando trovano la persona giusta al momento giusto, non si vantano di quando, magari da giovani, si sono affidate al piacere delle carezze di un uomo maturo, di qualcuno che gli ha insegnato il sesso, o quando, perse dalla follia dei sensi di un momento hanno fatto sesso in un parcheggio, oppure in una toilette della discoteca, al buio in un cinema. Non raccontano di quando si sono sentite toccare su un autobus affollato nell'ora di punta e non hanno detto nulla per timidezza e imbarazzo ma provando piacere.
Non raccontano di quando si sono esibite con uno show in una webcam erotica nascondendo solo il viso e mostrandosi come l'ha fatta mamma.
Non confesseranno mai di avere fatto sesso in tre, come non raccontano mai della dolce storia avuta con un’altra donna.
Le donne cercano di nascondere agli uomini che in fondo non sono diverse da loro almeno nei desideri.
Però qualche volta può capitare che, nascoste dietro al monitor, si confidino, magari con l’autore di un blog anonimo, magari sussurrandolo al telefono, raccontano le loro avventure, le loro fantasie erotiche, raccontano la loro vita sessuale, segreta, intima.
E a me piace quello che le donne raccontano.
c3629823-b496-486c-b6e5-4656ce18b479
« immagine » Noi uomini siamo degli sbruffoni. Ci vantiamo delle nostre avventure sessuali con gli amici, raccontiamo storie più o meno vere e qualche volta esageriamo per sentirci falsamente grandi. Le donne invece non raccontano. Non si vantano di quello che succede quando trovano la persona gi...
Post
19/04/2017 08:26:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Il Problema

14 aprile 2017 ore 09:28 segnala


Spesso mi chiedo quale sia il problema in una coppia in crisi.
Passata la passione, nascono i problemi.
Ma qual è il problema principale?
Il problema non è cosa prova una persona per il partner, ma se il partner si meriti quello che prova la persona per il partner!
Che in una coppia ci sia almeno uno innamorato è evidente, alla persona come al partner, ma il partner merita ancora questo amore? Merita le attenzioni che riceve? Quasi sempre no!



E la dimostrazione è nell’indifferenza, nelle poche attenzioni che la persona riceve anche nelle piccole cose.
Ci vuole un secondo per rispondere a un messaggio ma adesso la risposta è "sono troppo impegnato/a"! Ecco, il nostro amore non si merita una persona troppo impegnata per riceverlo o che si imbarazza nell'essere amata, ma si merita un partner che muoia per un sussurro e viva per un ti amo.
Il problema non è quindi se la persona è ancora innamorata o no, ma se il partner meriti di essere amato da una persona speciale come te oppure no!
3532185b-117d-42a1-9ac5-fe510052ea6b
« immagine » Spesso mi chiedo quale sia il problema in una coppia in crisi. Passata la passione, nascono i problemi. Ma qual è il problema principale? Il problema non è cosa prova una persona per il partner, ma se il partner si meriti quello che prova la persona per il partner! Che in una coppia ...
Post
14/04/2017 09:28:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Un giusto equilibrio

13 aprile 2017 ore 15:29 segnala


La mano sale lungo la tua schiena nuda, fino ai capelli che scompiglio mentre tu, indispettita, mi chiedi di smetterla.
Seduta sul letto, avvolta nell’asciugamano, passi la crema sulle gambe mentre i tuoi capelli lunghi gocciolano ancora, li avevi spazzolati ed io ho rovinato tutto, lo sai che mi diverte darti fastidio, vedere come ti arrabbi.

Ti tiro verso di me, sdraiandoti sul letto mentre sposto quel ricciolo ribelle che ti cade sulla fronte, mentre mi dici che così bagnamo le lenzuola (ma non sei troppo convinta).
Credo ti piaccia quando ti prendo così e mi metto sopra di te guardandoti fisso negli occhi, quei bellissimi occhi grigi.
“Sei bellissima” dico senza distogliere lo sguardo dai tuoi occhi. Arrossisci, “non sono bellissima… sei tu stupendo” e lo dici accarezzandomi i capelli.
“Si che lo sei. Quando mi guardi così e arrossisci, riesco solo a vedere una donna stupenda, di una dolcezza infinita” mentre passo un dito sulle tue labbra “hai labbra bellissime, morbide, non smetterei mai di baciarle”.
Involontariamente ti mordi un labbro, è come un segnale, so che sei troppo femmina per dire che desideri fare l’amore, vuoi che sia io a desiderarti, a chiedertelo, vuoi che sia io a fare la prima mossa.
Eppure quando fai l’amore sei così donna, consapevole della tua carica erotica e del tuo corpo.
Apro l’asciugamano e bacio la pelle del tuo collo, della spalla, del ventre, l'ombelico, l'inguine, la coscia, il ginocchio, la caviglia e il piede. Mi soffermo su ogni dito.
Ti sento ansimare lentamente, come lenti sono i miei baci.
Prendo le tue braccia e le porto sopra la testa e allora, solo allora, mi faccio strada dentro di te. Sei come pensavo di trovarti, ti conosco, conosco ogni sua smorfia, ogni tuo gesto.
Ora i tuoi capelli sono asciutti, profumano ancora di shampoo, anche se si sono arricciati, ne sento l’odore mentre ti stringo a me e so anche che me lo rinfaccerai. La tua pelle è morbida e liscia, mi piace sentirne il contatto.
Passo le mie braccia sul tuo ventre e ti stringo ancora di più, mi piace il contatto del tuo corpo, resterei così, abbracciato a te, anche tutta la notte, sentire solo il tuo respiro che si confonde con il rumore del vento che entra dalla finestra aperta.
Quando una relazione è solo fuoco, si rischia un incendio, e prima o poi ti bruci, se è solo acqua i rischi sono alluvione, freddo e gelo. Come sempre è il giusto equilibrio tra due cose a creare quell’interminabile pausa da una vita comune.

Ricordi

12 aprile 2017 ore 15:53 segnala


... e poi arriva un giorno in cui apri la mente ai ricordi. Apri il blog e post dopo post rileggi frammenti della tua vita senza riuscire a fermarti e, anche se lo conosci a memoria, ogni volta che lo sfogli cominciano a riecheggiare voci ormai dimenticate, emozioni che ti hanno accompagnato lungo il percorso della tua vita, il calore di tutte le cose care che hai lasciato indietro, i tuoi cari, gli amori, gli amici, i posti e le sensazioni tornano a invadere l’anima e la mente.
E la nostalgia mi fa tornare indietro a quando bambino correvo all’oratorio per giocare a pallone con bambini che non hai più rivisto.
E vorrei tornare a fare disastri a casa della nonna…
E vorrei tornare in sella al motorino di quinta mano prezioso come una Harley…
E vorrei tornare alla prima uscita in auto con una ragazza portata al mare di sera…
E vorrei tornare alle interminabili partire di basket con gli amici che non ci sono più…
E i ricordi arrivano a ondate, ben distinti tra loro, e riescono ancora a strapparti emozioni, sorrisi e qualche lacrima che non esce.
Si dice che quando inizi a viverre i tuoi ricordi è perché stai diventando vecchio.
Forse è così, ma io con i miei ricordi ci sto bene, sono a casa mia.
e7b38d05-a9fa-44a4-a510-ee6133d521b5
« immagine » ... e poi arriva un giorno in cui apri la mente ai ricordi. Apri il blog e post dopo post rileggi frammenti della tua vita senza riuscire a fermarti e, anche se lo conosci a memoria, ogni volta che lo sfogli cominciano a riecheggiare voci ormai dimenticate, emozioni che ti hanno acco...
Post
12/04/2017 15:53:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Una tela bianca

23 marzo 2017 ore 17:30 segnala


Vorrei tu fossi una tela bianca su cui dipingere la nostra storia, e invece no, sei una tela incrostata da mille sfumature di vernice, ogni cicatrice rappresenta una parte di te, ogni ferita sulla tua anima qualcosa che ti hanno portato via.
Io non voglio una donna che sia un’amante e una madre. Io voglio solo una donna, e voglio te.
Ma tu sei ancora a chiederti qual è il tuo futuro e non sai ancora chi sei e cosa farai da grande, quando grande già lo sei da un pezzo.
Ti guardi allo specchio e non vedi quello che vedo io, è come se nella tua testa il ritratto di Dorian Gray fosse lì, davanti a te, immutabile come quando eri adolescente.
Ti guardi allo specchio e non capisci davvero chi sei.
Vorrei tu fossi una tela bianca e invece sei un quadro di Dalì, di Picasso o di Magritte, dove quello che vedi non è mai quello che sembra
18e5e961-8c65-432b-a71c-0c7d3a4a5f63
« immagine » Vorrei tu fossi una tela bianca su cui dipingere la nostra storia, e invece no, sei una tela incrostata da mille sfumature di vernice, ogni cicatrice rappresenta una parte di te, ogni ferita sulla tua anima qualcosa che ti hanno portato via. Io non voglio una donna che sia un’amante ...
Post
23/03/2017 17:30:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Silenzi

22 marzo 2017 ore 12:24 segnala


Mi chiedo come fai a sapere tante cose di me anche se non mi conosci. Poi capisco, io ti parlo anche con il silenzio.
Io ti parlo attraverso i miei occhi. I miei silenzi, silenzi infiniti, raccontano storie, episodi della mia vita che solo attraverso gli occhi si possono decifrare.
A volte vedo che vorresti dirmi tante cose... ma le parole ti muoiono così come sono nate.
Perché sai che ogni parola pronunciata in quei silenzi infiniti sarebbe una parola di troppo.
I miei silenzi svelano all’anima ciò che il corpo tace.
908c3a82-0f77-4646-a91a-ce531b06b5a7
« immagine » Mi chiedo come fai a sapere tante cose di me anche se non mi conosci. Poi capisco, io ti parlo anche con il silenzio. Io ti parlo attraverso i miei occhi. I miei silenzi, silenzi infiniti, raccontano storie, episodi della mia vita che solo attraverso gli occhi si possono decifrare. A...
Post
22/03/2017 12:24:16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Guardarti

21 marzo 2017 ore 12:18 segnala


Ricordo una notte in cui rimasi alzato ad aspettare il tuo risveglio, a guardarti per fissare nella mia mente i tuoi lineamenti, le tue labbra, per vedere le smorfie che facevi, per godere di quell'istante, solo mio, in cui saresti stata per sempre e solo per me.
Aspettai lì a guardarti solo per far sì che il mio sorriso sarebbe stata la prima cosa che avresti visto non appena aperto gli occhi, perché tu pensassi che io mi prendo cura di te anche mentre dormi.
Hai sempre detto che io non ti amo. Ma che ne sai tu di quello che provo io?
Hai sempre detto che io ti desidero solamente. Se ti avessi desiderato, ti avrei detto semplicemente “ti desidero”! Non sarei qui per sentire ancora il tuo profumo se non ti amassi, me ne sarei già andato.
Forse questo, anche se può sembrarti sbagliato, è il mio modo di amarti.
E poi saprò bene cosa provo per te. O vuoi sapere cosa mi passa per la testa!
Chi sei tu per decidere che cos'è l'amore? Sei una Dea? Non credo! Sei una comune mortale come me, una splendida comune mortale, ma sei come me.
E solo adesso mi viene in mente perché potevamo essere il nostro più bel rimorso e invece siamo stati il più triste dei rimpianti.