Spie

02 luglio 2020 ore 21:25 segnala
Nel periodo di lockdown ho avuto spesso a che fare con la parola spia, con accezioni diverse.
La prima è automobilistica, nel senso che ho vissuto un periodo di ansia dovuta al fatto che le officine avevano tempi di attesa biblici ed essendo costretto ad usare l'auto ogni minimo lampeggiamento di qualsivoglia spia nel quadro del cruscotto era foriero di apprensione, agitazione e ricorso a parole per le quali il premio bon ton 2020 non mi vedrà tra i favoriti. Comunque, ho finalmente avuto appuntamento per i tagliandi di entrambe le auto e tutte le spie (tranne una, ma non è importante) tacciono, quindi ostento un moderato ottimismo. In ogni caso, questo sottoargomento non era previsto, mi è venuto in mente adesso mentre scrivevo e fondamentalmente l'ho scritto solo per utilizzare la frase "foriero di apprensione", che per qualche imperscrutabile motivo sentivo il bisogno di usare in un post.
La seconda è comportamentale, ed entra più nel merito della chiusura e dei relativi provvedimenti, in particolare del divieto di uscire se non per motivi di necessità e del distanziamento tra persone. Sono tendenzialmente portato a farmi succulente padellate di cazzi miei, quindi di quello che la gente faceva o non faceva in giro me ne sbattevo solennemente le palle non mi curavo granché. L'unica volta in cui ho accusato il colpo è stato quando camminando per una strada di campagna con mio figlio ho incrociato un tizio che ha commentato qualcosa sul fatto che eravamo troppo vicini. Sono stato educatissimo, anche se ho avuto la tentazione di avvicinarmi fingendo di non aver sentito e tossirgli addosso. Però so di aspre discussioni, per non dire di peggio, tra gente che era uscita e gente non uscita che spiando dai balconi rimproverava agli usciti il fatto di essere usciti senza il permesso di uscire mentre loro non uscivano perché non si poteva uscire essendo proibite le uscite. Da questo uscivano interessanti scambi tra gente uscita di testa. Questo sottoargomento, lo avrete capito, l'ho scritto soltanto per vedere quante volte riuscivo a usare la parola "uscire" in poche righe.
La terza è etologico-televisiva ed è quella da cui ha avuto origine l'idea del post. Come ho detto qualche post fa, nel periodo di chiusura sono scivolato in una condizione di totale, amorfa passività davanti alla tele. Una delle trasmissioni che mi sono trovato a guardare, e della quale sono diventato un convinto fan, era un documentario della BBC (credo) sul mondo animale intitolato appunto "Occhio alla spia". L'idea è semplice, si manda in mezzo a gruppi di animali un robot semovente con le fattezze dell'animale stesso che come occhi ha una telecamera, quindi gli animali non si spaventano e continuano a fare la loro vita senza sapere di essere ripresi dalla spia. Un po' come fanno Zuckerberg & Co. insomma, con la differenza che tutte le vostre puttanate su FB siete voi a mettercele e come se non bastasse vi mettete anche Alexa in casa. Io, e so che mi crederete, ovviamente ho iniziato a guardarlo sperando di vedere qualcosa di divertente o meglio ancora peccaminoso, tipo una gara di rutti tra ornitorinchi, un marito ippopotamo che litiga con una moglie ippopotama infedele, koala che si scaccolano durante amplessi di gruppo. Invece mi sono trovato a guardare l'appassionante storia di mamma coyote che cerca il suo piccolo che si è perso (per le anime sensibili, sappiate che lo ha ritrovato sano e salvo), le avventure di (quei gran fiji de na mignotta de) pinguini che si rubano le uova lasciate incustodite, un gruppo di orang utan (o macachi, non mi ricordo, insomma scimmie) che fa il bagno in una pozza d'acqua seguendo una gerarchia che definire medievale è un complimento. Ma quello che mi è piaciuto di più è stato quello sull'igiene del facocero. Il facocero è un animale meraviglioso, non so se avete presente Pumbaa del Re Leone, praticamente un maiale grunge. Quando si sente particolarmente sporco, si sdraia su un fianco in una posizione convenuta e arriva un gruppo di manguste che inizia a banchettare strappandogli via di dosso parassiti e pelle secca. Io, devo ammetterlo, ho guardato e apprezzato questa stupenda puntata con una mangusta che litigava con una appetitosa zecca che non voleva staccarsi mentre compiaciutissimo mi ingozzavo di merendine davanti a questa scena francamente disgustosa senza fare una piega. Dopodiché, era ormai il secondo mese di lockdown, ho tentato di stendermi sul divano nella stessa posizione del facocero ma in casa mia evidentemente scarseggiano le manguste e invece del grido di esultanza delle suddette per il pasto in arrivo è arrivato il secco commento de LSD sul fatto che mi ero appena alzato dal letto e se non avevo nient'altro di meglio da fare che sbriciolare sul divano. Con lo stile che mi contraddistingue, ho emesso un grugnito baritonale da fare invidia a qualsiasi facocero e masticando la quinta merendina ho risposto con un certo sussiego di non infastidirmi perché presto sarò la star di un documentario.
d2ed40ef-5a3e-4d65-99c4-f9435f54ef87
Nel periodo di lockdown ho avuto spesso a che fare con la parola spia, con accezioni diverse. La prima è automobilistica, nel senso che ho vissuto un periodo di ansia dovuta al fatto che le officine avevano tempi di attesa biblici ed essendo costretto ad usare l'auto ogni minimo lampeggiamento di...
Post
02/07/2020 21:25:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

Cani sciolti

23 giugno 2020 ore 17:02 segnala
In questo periodo di complicata chiusura, la cosa dei poveri cani utilizzati come lasciapassare per uscire l'abbiamo sentita tutti. La rete pullulava di meme col cane sfinito che non vuole più uscire a fare i bisognini, il cane astuto che ricatta i padroni o non vuole farsi portare fuori, la gente che non ha mai avuto un cane che corre a comprarne uno solo per poter uscire. Anche nel mio quartiere ci sono diversi proprietari di cani, li vedevo ogni tanto dalla finestra col loro cagnolino o cagnone al guinzaglio mentre facevano la sacrosanta passeggiata.
Tutti quieti e composti, tranne uno. C'era, e c'è ancora, un tizio sul palestrato spinto che porta fuori il cane e lo molla, di tenerlo al guinzaglio non se ne parla nemmeno. Ora, io non ho cani, non ne ho mai avuti e mai ne avrò quindi secondo le migliori tradizioni mi espongo con beata incoscienza parlando di cose di cui non so assolutamente un cazzo. Però, da quel che so e vedo, il cane lasciato libero fa cose da cane, ovvero correre come un pazzo avanti e indietro, abbaiare, vedere se si riesce a rimediare qualcosa di schifoso da mangiare, pisciare random e deporre sul marciapiedi omaggi che lo rendono un ottimo allenamento per lo slalom speciale, cercare qualche culo di altro cane a cui dare una sniffata e possibilmente, previo accordi, anche altro. Ma non è delle mie carenze in campo etologico che voglio parlare oggi.
Il cane in genere non credo brilli per coscienza dei propri limiti e per rispetto degli orari, men che meno il cane in questione che una volta mollato a fare il suo sporco mestiere di cane si divertiva come un pazzo e non voleva saperne di tornare in casa. E il padrone iniziava a chiamarlo. Alterandosi progressivamente con una crescita esponenziale del tasso di incazzatura, che si rifletteva nei decibel degli urli. Ecco, la cosa particolare è che questo tizio ha imposto al suo quadrupede canino un nome che sta tra il thriller e lo splatter. Non lo scrivo perché sono contrario a fornire indizi che possono rivelare la mia identità a gente grande, grossa e tendenzialmente facile all'incazzatura, ma potrebbe essere una roba tipo Chtulhu, o Leatherface, o qualsiasi altra amenità del genere.
Io non lo sapevo, e l'ho scoperto in una circostanza particolare. Immaginate un tardo pomeriggio di fine Marzo. Freddo, ormai è già buio. Notizie sulla pandemia ben poco rassicuranti, bollettini tragici. In strada sirene a ripetizione dal mattino, per tutto il giorno. Esco sul balcone e vedo una ambulanza ferma davanti al palazzo di fronte, lampeggianti azzurri in funzione. Scende qualcuno bardato da incidente nucleare, entra nel palazzo e ne esce poco dopo seguito a rigorosa distanza da un tizio che cammina lentamente e si infila nell'ambulanza. E mentre sto guardando questa scena da fiction catastrofica, nella gelida oscurità si leva un urlo belluino a centottanta decibel.

"FreeeddiiieKruuugeeeer"

Seguito da un abbaiare festoso. E io coi peli dritti guardo la luna in cielo, ma la voce di LSD che mi chiede di portare dentro un sacchetto per l'organico mi ferma prima che io possa prorompere nell'ululato squarciatonsille che avevo in mente.
765be9f9-12de-40e8-918b-26fb57b3f299
In questo periodo di complicata chiusura, la cosa dei poveri cani utilizzati come lasciapassare per uscire l'abbiamo sentita tutti. La rete pullulava di meme col cane sfinito che non vuole più uscire a fare i bisognini, il cane astuto che ricatta i padroni o non vuole farsi portare fuori, la gente...
Post
23/06/2020 17:02:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

Misantropia sdoganata

14 giugno 2020 ore 21:50 segnala
Sarò sincero, non avevo rapporti particolarmente buoni coi miei vicini di casa nemmeno prima dell'emergenza, questa premessa è doverosa. Diciamo che il mio atteggiamento nei confronti delle interazioni con loro si può riassumere in quattro punti.

1) Ogni volta che ti incontro per caso lungo le scale mi parte l'allucinazione condominiale del tuo mettere un piede in fallo con conseguente rovinosa rotolata, che compiaciuto lascio concludere fino all'ultimo gradino senza alcuna empatia o tipo di intervento da parte mia.
2) Ti evito accuratamente, più o meno come evito una trasmissione di Mario Giordano, lo Champagne caldo o un colpo di tosse di un tizio senza mascherina a mezzo metro da me.
3) Ti saluto e mi fermo a fare due chiacchiere (due non è un modo di dire, è realmente il numero di scambio di battute che riesco a tollerare), ma se esistesse un termoscanner che invece della temperatura misura l'ingrandimento dei testicoli probabilmente esploderebbe.
4) Mi limito a un rapido, indolore, non particolarmente cordiale, se possibile incomprensibile saluto con viso accuratamente bovino e inespressivo prima di scomparire alla velocità della luce.
Devo dire, a onor del vero, che non sono in pessimi rapporti con tutti. Ad esempio, vado abbastanza d'accordo con quelli dell'ultimo piano. Credo che questo dipenda in buona parte dal fatto che si sono trasferiti l'anno scorso e l'appartamento è ancora sfitto e vuoto.
Tutto questo, come dicevo, accadeva già prima di marzo, in condizioni di assoluta normalità, in ogni stagione e ogni orario. Da sempre, quando devo andare in cantina, cosa che accade abbastanza spesso, se attraverso la porta percepisco movimento per le scale è mia cura posticipare l'uscita e attendere fino al ristabilirsi di una situazione di assoluta tranquillità e mancanza di esseri umani. Come inciso, aggiungo che ho sperimentato come metodo anti-relazioni umane anche l'uscire con outfit improponibili finalizzato a scoraggiare l'instaurarsi di qualsivoglia tipo di dialogo, a partire dalla pettinatura. Non ho ancora tentato il tacco 12 perché credo faticherei a trovare il numero e soprattutto perché fratturarmi un malleolo trasportando per le scale una cassa d'acqua mentre indosso scarpe col tacco sarebbe piuttosto idiota, oltre che decisamente imbarazzante da spiegare al pronto soccorso. Peggio ancora cadere e rompere una bottiglia di vino, non me lo perdonerei mai.
La situazione di emergenza in corso, e vengo al punto, come dice il titolo ha sdoganato la presa di distanza come atto doveroso. E io ho adeguato i miei comportamenti. Se capto che c'è in giro il vicino paranoico che indossa sempre la mascherina, ho cura di piazzarmi un paio di sternuti nel gomito accelerando il passo e allontanandomi per non incrociarlo, commentando sempre "Ah, questa allergia ... speriamo che sia allergia, non si sa mai ...".
Se invece trovo quello brillante che non usa la mascherina ho cura di evitarlo fingendomi io quello paranoico, esco bardato con FFP2 e guanti, lucido il corrimano delle scale e il pulsante della luce con Scottex e Amuchina e se ce l'avessi indosserei anche una tuta Ebola in modo da tenere il più possibile alta la tensione. Ho anche valutato l'ipotesi di spruzzargli addosso una soluzione di cloro al 5%, ma lì credo scatti l'incidente diplomatico.
Insomma, tra opportunità di girare a volto coperto e distanziamento sociale, io in questa situazione ho trovato una mia dimensione. E per di più, passando per eroe. Quando mai mi ricapita l'opportunità di tenere le persone a distanza dicendo che sto agendo per la salute pubblica? Posso dire alla gente che mi sta sul cazzo e intanto salvo il paese, è un sogno.
ad853225-6887-4859-9650-51cc60c43293
Sarò sincero, non avevo rapporti particolarmente buoni coi miei vicini di casa nemmeno prima dell'emergenza, questa premessa è doverosa. Diciamo che il mio atteggiamento nei confronti delle interazioni con loro si può riassumere in quattro punti. 1) Ogni volta che ti incontro per caso lungo le...
Post
14/06/2020 21:50:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Lo racconto al TG

05 giugno 2020 ore 23:01 segnala
Non so come abbiate trascorso voi il periodo di chiusura. Io ho continuato a lavorare come prima, questo sì, ma sono anche stato molto di più in casa. Non stavo a casa per così tanto tempo da quando qualche anno fa mi sono beccato una influenza di quelle toste. C'è sempre un virus di mezzo, insomma. E non guardatemi con sospetto, è stato diversi anni fa, non sono io il paziente zero. Quando sei a casa, a parte dormire che è attività santa e nobile, nel tempo di veglia ti dedichi a qualsiasi genere di attività per fare passare il tempo. Una di queste, inutile dirlo e inutile negarlo, è guardare la tele. Inizialmente concentrato sugli aggiornamenti riguardo alla situazione, poi scivolando lentamente nella passiva accettazione di qualsiasi cosa (o quasi, dai) ti passi davanti agli occhi.
Un giorno, ho visto una cosa che ha attirato la mia attenzione. Era ancora quel periodo indimenticabile in cui ci divertivamo un sacco a compilare nuove autocertificazioni, la gente cantava sui balconi, postava i video più allucinanti, era pieno di "andràtuttobene", e passa un brevissimo spot. Un invito a mandare al Tg scritti, video, sonori, immagini, qualsiasi cosa raccontasse come stavate trascorrendo il tempo durante il lockdown. L'ho guardato con attenzione. Poi, con altrettanta attenzione, mi sono guardato. Solo fuori, perché di guardarmi dentro non avevo e non ho nessuna voglia, al momento ho le capacità introspettive di una lavapavimenti industriale. Dunque, per tre mesi sono stato in casa alternando due tute e cambiandole quando la quantità di macchie metteva in discussione il colore originale. La barba era incolta e se non fosse stato per il discorso mascherine adesso mi arriverebbe all'ombelico. Dei capelli taccio, non ho intenzione di parlarne. Della pancia, ancora meno. La parte di divano su cui sono solito sedermi ormai è concava e ha la forma delle mie chiappe. Ho bevuto, con l'aiuto della sventurata a cui sono toccato in sorte come coniuge, tre bottiglie di whisky oltre a buona parte delle preziose scorte della mia cantina. Insomma, non posso non riconoscere che si tratta di una immagine desolante.
E, anche se non c'entra niente di niente, mi è tornato in mente il vecchio equivoco/bufala riguardo Otzi, la mummia del Similaun. Non so se vi ricordate la storia, a inizio anni '90 fu ritrovata nei ghiacciai dell'alta val Senales la mummia di un pastore morto attorno al 3.000 a.C. e conservatasi nel ghiaccio. Analisi di ogni genere, esami, ricerche, studi, un museo a lui dedicato, e un bel giorno leggo la notizia della presunta omosessualità di Otzi. Poi si scoprì che si trattava di un equivoco linguistico, chi aveva esaminato la mummia era di lingua tedesca e aveva scritto nella relazione che erano stati ritrovati dei semi nel retto del povero Otzi, che probabilmente prima della dipartita aveva mangiato qualcosa di particolare. La cosa era stata tradotta con ritrovamento di seme, inducendo a credere che il buon pastore si dedicasse a pratiche anali. Ora, io ribadisco quel che dico sempre, nel caso erano solo fatti suoi e di nessun altro come e con chi si rotolava ignudo tra ghiacci e pascoli. Però, anche se eravamo qualche migliaio di anni a.C. e quindi ancora non c'era la chiesa a ficcare il naso in quello che uno/a può o non può fare in compagnia, ipotizziamo pure che già cinquemila anni fa la morale comune fosse rigida e non apprezzasse. E allora uno che non aveva nessuna intenzione di fare outing ed era riuscito a tenere nascosto il suo segreto, passati cinque millenni deve trovarsi sputtanato sui giornali di tutto il mondo? Otzi avrebbe davvero voluto questo?
Ecco, tornando al 2020 d.C. e alla pandemia, mi sono posto la stessa domanda. Sembri lo yeti della pianura padana, mi sono detto, vuoi davvero che tutta Italia lo sappia dal Tg? E la risposta è stata un convinto no. Il Tg non ha saputo nulla della mia drammatica condizione. Come d'altra parte, visto che dalle parti della val Senales ci vado spesso in estate a camminare, non ho mai detto perché mi veniva da ridere quando mangiavo cose contenenti semi prima delle passeggiate. Metti caso che ci resto secco durante una tempesta di neve e dopo qualche millennio da surgelato mi ritrova un austriaco con un traduttore non all'altezza.
7e40d527-c27c-482d-ad52-1250e9e8c770
Non so come abbiate trascorso voi il periodo di chiusura. Io ho continuato a lavorare come prima, questo sì, ma sono anche stato molto di più in casa. Non stavo a casa per così tanto tempo da quando qualche anno fa mi sono beccato una influenza di quelle toste. C'è sempre un virus di mezzo,...
Post
05/06/2020 23:01:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Soft and warm

26 maggio 2020 ore 19:18 segnala
Non avrei mai e poi mai pensato che avremmo passato momenti così, davvero. Io e te vicini, accoccolati insieme sul divano. Stretti stretti sotto una coperta, senza parlare. Con gli occhi chiusi ti sentivo appoggiata sul mio ventre, leggera e immobile. Ti stringevo con le mani e ti muovevi solo quando mi muovevo io. Seguivi il ritmo lento del mio respiro. Eri morbida sotto le mie dita, e sentivo tutto il tuo calore. E mi faceva stare così bene. Sarebbe stato un momento perfetto, davvero. Da far durare per ore e ore. Se non fosse stato per quello stramaledetto odore di gomma che emanavi. Certo, lo so, non posso fartene una colpa. Eri nuova di zecca. Appena comprata perché la vecchia ormai era bucata, inservibile. E in quel momento avevo così bisogno di te. Ho ancora negli occhi quel momento. Quell'immagine.




No, no, gente, un momento. Fermi tutti. Io sarò stato anche volutamente ambiguo, ma voi avete delle menti davvero perverse. E il bello è che ancora me ne stupisco. E non dovrei, dato che il fatto che avete continuato a leggermi fin qui suona come una precisa prova a vostro carico. Quindi, fatemi il piacere di cancellare immediatamente dalle vostre depravate menti quell'orripilante immagine e sostituitela con questa, per cortesia. E ringraziate che non ho messo l'immagine originale col sottoscritto. Era ancora più orripilante, e coi boxer che avevo sarebbe stata molto più difficile da cancellare dalla mente, credetemi.


9b84eb1d-dfb5-4614-bf88-e64354f94597
Non avrei mai e poi mai pensato che avremmo passato momenti così, davvero. Io e te vicini, accoccolati insieme sul divano. Stretti stretti sotto una coperta, senza parlare. Con gli occhi chiusi ti sentivo appoggiata sul mio ventre, leggera e immobile. Ti stringevo con le mani e ti muovevi solo...
Post
26/05/2020 19:18:05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Crollo psicologico di un terzino sinistro

19 maggio 2020 ore 23:48 segnala
Nella vita ho preso a calci palloni fin da quando mi ricordo di avere i piedi, e non mi stupirebbe sapere che mia madre da questo punto di vista ha avuto una gravidanza travagliata. Sui campi di calcio e nei relativi spogliatoi ne ho viste e sentite di tutti i colori. Dalle giovanili fino al girone infernale del calcio amatoriale, che è una specie di discarica dove finiscono quelli che dopo le giovanili non proseguono una "carriera" ma vogliono comunque continuare a dare calci al pallone, quelli che una specie di carriera in categoria l'hanno fatta ma per motivi anagrafici non possono più restarci, quelli drammaticamente, decisamente, incontestabilmente troppo brocchi. In quale delle categorie io mi collochi non ve lo dirò mai. Come dicevo, sui campi amatoriali ho visto scene deliranti, sentito bestemmie epiche, vissuto momenti impagabili. Si giocava su terreni dove il manto erboso era un miraggio, li definirei risaie o campi di patate se non fosse offensivo per riso e patate. Il giorno deputato a questa perversione era la Domenica mattina, e sullo stesso campo a volte si giocavano tre partite consecutive nell'arco di una mattinata. Il che costringeva a orari barbari e improponibili, tipo il temutissimo 8.30. E se non avete mai provato a scendere su un campo ghiacciato di brina a quell'orario in piena pianura padana, non sapete cosa vi siete persi. Un giorno forse ci farò un post apposito, se non addirittura un ciclo. Oggi, per motivi che non sto a spiegarvi, mi è tornato in mente un episodio.
Partita di alta classifica, naturalmente si fa per dire con le dovute proporzioni. Una cosa tipo scontro al vertice, loro primi e noi secondi. Giochiamo contro una squadra forte, che ha un attaccante bravo, grande e grosso. Da noi soprannominato per la stazza dopo la partita di andata "Caribù", non dico altro (un giorno, scriverò un post anche sui soprannomi nelle squadre di calcio).
Bisogna bloccarlo. Negli spogliatoi ci guardiamo in faccia e individuiamo il difensore che se ne dovrà prendere cura. "Dai, Caribù lo marchi tu, mi raccomando, se lo fermi vinciamo, è l'unico pericoloso, stagli addosso come un mastino, non devi fargli toccare palla". Andiamo in campo, primo tempo non male, riusciamo a segnare un gol. Nel secondo tempo ci mettiamo in trincea a difendere il vantaggio, schiacciati in difesa, una resistenza eroica fino agli ultimi cinque minuti. Quando si scatena Caribù, che fino a quel momento era stato annullato dal suo marcatore. Riesce a prendere una palla, slalom in mezzo alla nostra difesa, gol. Pochi minuti dopo, partita quasi finita, punizione dal limite per loro. Caribù fulmina i compagni con lo sguardo e dice gelido "Questa la tiro io". Agguanta il pallone, lo appoggia per terra facendo tremare il campo, prende la rincorsa e spara una mina sotto la traversa su cui il nostro portiere si guarda bene dal mettere le mani. Gol, fischio finale, perdiamo 2-1.
Mesto rientro negli spogliatoi, un po' di incazzatura, ma tutti sappiamo che la robusta reidratazione alcolica che seguirà ci risolleverà il morale. Vedo il nostro terzino sinistro, il marcatore di Caribù, accasciato sulla panca con lo sguardo perso. Cerco di consolarlo, in fondo hai fatto tutto il possibile, per quasi tutta la partita non era stato pericoloso, lo sapevamo che era forte, dai non prendertela. E lui mi guarda tristemente e mentre si infila le scarpe rilascia una sentita, vera, affranta dichiarazione, come se avesse avuto una illuminazione.
"Ma chi cazzo se ne frega di Caribù e della partita. Ma ti rendi conto che io mi sono svegliato alle sette di una domenica mattina per venire qui con un freddo della Madonna, mettermi in mutande e passare un'ora a cercare di impedire di toccare il pallone a un altro tizio in mutande che si era svegliato alla stessa ora?".
Prende il borsone, non fa la doccia, infila la porta scuotendo la testa e scompare senza dire una parola. Non è mai più venuto a giocare a calcio.
3146c259-6b54-4ea9-8b88-5b1e17c9dc84
Nella vita ho preso a calci palloni fin da quando mi ricordo di avere i piedi, e non mi stupirebbe sapere che mia madre da questo punto di vista ha avuto una gravidanza travagliata. Sui campi di calcio e nei relativi spogliatoi ne ho viste e sentite di tutti i colori. Dalle giovanili fino al girone...
Post
19/05/2020 23:48:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment

Soltanto parole, parole tra noi

02 maggio 2020 ore 19:59 segnala
Ho deciso di lanciare una campagna di solidarietà. Sento già voci che protestano. Uffa, ancora, un’altra, che strazio. No. Niente Protezione Civile, niente ospedali, niente rare malattie genetiche, niente animali in estinzione, niente catastrofi naturali, niente di tutto ciò. Sto pensando a solitudine, abbandono, disinteresse, alla tristezza del sentirsi inutili e non considerati. A lunghi anni trascorsi dimenticati tra polvere e silenzio in attesa di qualcuno che si ricordi della loro esistenza. Non vi si stringe il cuore pensando a quante parole giacciono nelle pagine dei vocabolari senza che nessuno o quasi si ricordi di loro? Io mi commuovo ogni volta. Mi capita di sfogliare le pagine solo per ritrovare certe parole, pronunciarle e farle sentire meno sole, almeno per un attimo.

Prendiamo ad esempio il derelitto “recarsi”.

Tutti voi, tutti noi nella nostra vita saremo “stati” al supermercato. Molti ci saranno “andati”. Qualcuno ci sarà “passato”, i più atletici ci avranno ”fatto un salto”, i frettolosi ci avranno “fatto una scappata”, chi ha tempo da perdere ci avrà “fatto un giro”. Ma guardiamo in faccia la realtà. Chi, ultimamente,anche ora durante il lockdown ha detto “mi reco al supermercato” ? Pochi, per non dire nessuno. Forse in qualche denuncia alle autorità si leggerà “… il derubato si stava recando …”. E mentre andare e stare si pavoneggiano pieni di sé sulla bocca di tutti, recarsi piange sommesso negli anfratti della lettera R, solo e dimenticato tra recapito e recedere che non è che se la passino tanto meglio. Possiamo fare qualcosa per lui, credo. Forse è poco, ma a volte basta un piccolo gesto per fare sentire una parola meno sola. Da lunedì, con l'allentamento delle restrizioni, per tutta la settimana recatevi al lavoro, recatevi all’ufficio postale, recatevi in banca. Non andateci, non passateci. Recarcisi è molto più elegante, potreste sentirvi molto trendy e chic. Non vi costa nulla e farete felice il povero recarsi. Meglio ancora, gli arrecherete gioia e felicità.
Grazie a tutti, anche da parte sua. A proposito, mi sta venendo fame. Mi reco a cena.
754354d0-cf1e-4510-8970-474b79d28b90
Ho deciso di lanciare una campagna di solidarietà. Sento già voci che protestano. Uffa, ancora, un’altra, che strazio. No. Niente Protezione Civile, niente ospedali, niente rare malattie genetiche, niente animali in estinzione, niente catastrofi naturali, niente di tutto ciò. Sto pensando a...
Post
02/05/2020 19:59:09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Essere scemi da prima del lockdown

22 aprile 2020 ore 15:11 segnala
Quando uno è scemo è scemo, e già qui dovreste aver capito che quello che state per leggere sarà autobiografico. Posso forse tentare di dare un minimo di colpa di tutto quanto alla situazione conseguente al virus. Bisogna essere molto buoni per crederci, ma ci proverò lo stesso. Allora, tutti ultimamente abbiamo passato sempre più tempo a rincretinirci guardando grafici che non capiamo e non siamo in grado di interpretare e ho elaborato un mio studio in merito.



Aggiungete un altro serio dubbio su quanto tempo ci restava prima della fine del lockdown e soprattutto prima del momento di dover cominciare a uscire con questi outfit post-apocalittici. Ebbene sì, ero un cultore di Interceptor, e allora?



Quindi, converrete con me che tutto questo metta a dura prova la psiche. Ma dato che non voglio mentirvi, devo ammettere che l'aneddoto in questione si colloca temporalmente a circa un mese e mezzo fa, quando ancora le misure di isolamento e distanziamento erano parziali, quindi prima di un eventuale peggioramento della mia situazione psichica. Ma smettiamo di girare intorno all'argomento e passiamo ai fatti nudi e crudi, lascio a voi il giudizio.
Come vi ho detto, erano i primi giorni di parziali misure restrittive. In una tiepida mattina di Marzo sono in casa facendo zapping sul televisore quando suona il campanello. Rispondo al citofono e una voce mi dice che sono venuti per controllare la taratura del contatore elettronico e di preparare una bolletta da fargli vedere. Guardo fuori attraverso le tende e vedo due tizi con gilet arancione senza mascherina. Il mio cervello processa le informazioni ricevute e dal mix "perché cazzo girate in due fianco a fianco se anche al ristorante l'altra sera abbiamo dovuto stare seduti a distanza di un metro", "perché cazzo dovete venire a guardare un contatore elettronico di persona e non lo fanno da remoto", "perché cazzo volete vedere una bolletta" elaboro due ipotesi. O siete due farabutti che cercano di infilarsi in casa di anziani per rapinarli o siete due poveretti mandati come carne da macello senza mascherina
in casa di gente di cui non sapete le condizioni di salute per fargli sottoscrivere contratti truffaldini a favore di compagnie di farabutti.
Scaccio con un certo disappunto l'idea di poter essere considerato un anziano da rapinare o truffare, quelli che mi propongono contratti al telefono li mando affanculo e credo farei lo stesso di persona ma con più gusto, quindi opto per il non aprire la porta tornando a sedermi sul divano. Sento che aprono il portone, salgono e iniziano dagli appartamenti dei piani superiori. Qualcuno risponde, qualcuno fa finta di niente. Scendono e arrivano al mio piano. Bussano al mio dirimpettaio, c'è in casa la signora. Breve dialogo di cui colgo qualche parola, alla richiesta di vedere la bolletta la signora se la cava con un classico. "Mi spiace, ma mio marito non c'è". E nei tre metri tra la sua porta e la mia succede qualcosa. Qualcosa che cercherò di spiegarvi con l'aiuto esemplare dell'indimenticabile Amici miei. Cosa è il genio? Il genio è fantasia, intuizione, decisione e velocità di esecuzione.



Quando bussano sono già pronto dietro la porta. Per figurarvi meglio la scena, credo sia opportuno dire che sono abbastanza alto, peso (ahimè) più di 90 kg e ho barba e baffi, al momento pure abbastanza incolti. E quando iniziano a sciorinare la tiritera della bolletta, io con un sorriso che tenta di mascherare la travolgente risata che sta per scapparmi me ne esco con "Mi spiace, ma mio marito non c'è". Ho la tentazione di sbattere le ciglia e tentare una duckface, ma lascio perdere. Uno dei due sbarra gli occhi e fa istintivamente un passo indietro. L'altro, che ha capito perfettamente che li sto perculando, resiste alla tentazione di contromandarmi affanculo e si congeda con un garbato "Mi scusi, arrivederci" mentre la mia risata sta diventando una specie di paresi facciale. Vedo attraverso il vetro del portone che si richiude che si dicono qualcosa ridendo, mentre io richiudo la porta, mi accascio sul divano sghignazzando e mi dico che devo ricordarmi di chiedere a mia moglie se ha ancora quella vestaglina sexy dei primi anni di matrimonio. Non si sa mai che mi vada bene, al prossimo truffatore potrebbe anche andare peggio.
cc127241-d350-4140-9084-edbd699a6d95
Quando uno è scemo è scemo, e già qui dovreste aver capito che quello che state per leggere sarà autobiografico. Posso forse tentare di dare un minimo di colpa di tutto quanto alla situazione conseguente al virus. Bisogna essere molto buoni per crederci, ma ci proverò lo stesso. Allora, tutti...
Post
22/04/2020 15:11:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Quando il proselitismo scopre lo smart working

12 aprile 2020 ore 15:08 segnala
Questa pandemia e la relativa segregazione domestica stanno aprendo nuove, inaspettate frontiere. Ovvero, quando il proselitismo scopre lo smart working. Mi sono imbattuto mio malgrado in questa nuova frontiera proprio ieri mattina, e vado di seguito a narrarvi l'accaduto con relative osservazioni. Sono le 10.36 di Sabato mattina, vigilia di Pasqua. Mi sono alzato da esattamente quattro minuti, o almeno questo è quel che ha detto l'orologio ai miei occhietti assonnati. Sto barcollando in direzione cucina quando suona il telefono di casa. E già qui, pochi minuti hanno fatto la differenza. Perché ero già sveglio, mentre se per un fortuito negativissimo caso col tuo squillo tu mi avessi svegliato dal mio meritato sonno (ma anche se fosse immeritato, saranno poi cazzi miei o no se mi merito o meno di dormire?) le cose sarebbero andate molto, molto diversamente. Escludo che sia qualcuno per fare auguri, perché tutti sanno che chiamarmi a quell'ora in un giorno festivo esporrebbe anche un amico, parente, conoscente a reazioni negative per non dire aggressive. La prima reazione quindi è un pensiero preoccupato, "Oddio che cazzo è successo stavolta al lavoro".
Brontolo nella cornetta un gutturale "Pronto" e una voce femminile sconosciuta dice "Il signor Pinco Pallino ?" Rispondo gelido "Dica" con un tono che lascia intendere che qualsiasi cosa tu abbia voglia di dirmi, a meno che tu non sia la segretaria di Uma Thurman e chiami per dirmi che ho vinto la Hot Crazy Sexy Night che Ella mette in palio ogni anno per un fortunato ammiratore, non ho voglia di ascoltarla e probabilmente mi farà incazzare. Ma tu la dici lo stesso. "Buongiorno, mi chiamo Pinca Pallina, ho trovato il suo numero sulle Pagine Bianche". Qui scatta un rammarico a posteriori, ovvero il fatto che la poca lucidità del momento (ehi, sono chiuso in casa da un mese e ho aperto gli occhi da quattro minuti, cosa pretendete?) mi abbia impedito di articolare una risposta tipo quella che segue. "Non bluffare, vecchia marpiona, questo numero non è sulle Pagine Bianche ma si trova solo su un riservatissimo sito internet per gigolò di alto livello di cui modestamente sono un richiestissimo esponente di punta, grazie per le 4 stellette su 5 che hai messo alla mia ultima prestazione ma sappi che per i prossimi tempi ho chiuso le prenotazioni, e comunque se la stelletta che manca non me la hai messa perché mi sono rifiutato di vestirmi da Superman e entrare in camera tua dalla finestra sappi che anche se faccio questo mestiere ho una mia dignità". La tengo buona per la prossima volta.
Invece, la notizia del ritrovamento sulle Pagine Bianche mi suscita solo un sincero, affettuoso, sentito "Esticazzi?" che però non esterno consentendo a Pinca Pallina di proseguire. "Volevo chiederle se in questo periodo di chiusura e sofferenza potremmo condividere la parola di ...". Ho dato prova di grande moderazione, sapete? Fermo, ma educato e garbato. "No, la ringrazio molto ma no, grazie". E qui spero in un riconoscimento di civiltà e maturità da parte vostra. Che poi, fino a "condividere" non avevo nulla da ridire, davvero. Fin lì andava benissimo. Solo che le parole successive avrebbero dovuto essere "Una teglia di lasagne".

Effetti dell'erba

28 marzo 2020 ore 21:19 segnala
In questi raccolti tempi di riflessione sul senso dell'esistere, vi propongo un mio nuovo personale suggerimento sulle cose da fare almeno una volta nella vita. Questa è per sua natura alpina, non credo sia possibile trasferirla al mare, forse al lago, poi vedete voi. C’è però un requisito fondamentale e imprescindibile, è necessario avere almeno un figlio.
Voglio dire, di figli potete averne anche una squadra di calcio, la vostra vita familiare non è affar mio e la vostra attività sessuale e l’eventuale controllo delle nascite nemmeno, dico solo che ne basta uno ma almeno quello ci vuole. Non è determinante il sesso del rampollo o della rampolla. Non è necessario nemmeno il test del DNA, quello ve lo sbrigate voi con la partner. Se siete maschi, intendo. Se siete donne, si presume che ci sia una relativa certezza sul fatto che il figlio sia vostro, salvo scambi ospedalieri. Allora, per quel che vado a proporre occorre avere un minimo di esercizio fisico. Niente di speciale o estremo, solo quel tanto che basta a arrampicarsi fino a un laghetto alpino, mi raccomando almeno oltre i duemila metri. Una volta giunti sul luogo, farsi passare il fiatone e la tachicardia (ehi, se proprio ve la vedete brutta chiamate il soccorso alpino, non è che perché ve lo sto dicendo io in un post fesso di un blog fesso dovete lasciarci le penne in quota), ingozzarsi e tracannare tutto quello che vi siete portati dietro, a me riesce bene coi panini allo speck e la WeizenBier, e accasciarvi sulle sponde del laghetto addormentandovi sull’erba al sole. Russare non è obbligatorio per la buona riuscita della cosa ma a mio avviso aggiunge un tocco naif alla cosa. Per qualche motivo che non so spiegare, il tutto riesce meglio se avete una bandana di pile di colore improponibile sulla testa, anche se vi fa vagamente somigliare al cugino imbecille del Grande Puffo.
E a questo punto, conciati come vi ho (mi sono) descritto, state beatamente dormendo al sole. Può darsi che stiate giocosamente sognando Heidi che saluta caprette e sorride ai monti come può darsi che abbiate l’incubo di esservi coricati proprio nel punto di prato che le mucche usano come WC e stiano arrivando di soppiatto mentre voi dormite. Fate come preferite e sognate quel che vi pare, alla fine anche la vostra attività onirica non è affar mio. Io voglio solo dire, e ho scritto tutto questo ambaradan di post solo per levarmi la voglia di dire questo, che per tutto il resto ci sarà anche Mastercard, ma vostro figlio che pensa che svegliarvi infilandovi dei fili d’erba nel naso sia una cosa molto divertente non ha prezzo.

7235cf05-b465-4aca-b492-7b116187566b
In questi raccolti tempi di riflessione sul senso dell'esistere, vi propongo un mio nuovo personale suggerimento sulle cose da fare almeno una volta nella vita. Questa è per sua natura alpina, non credo sia possibile trasferirla al mare, forse al lago, poi vedete voi. C’è però un requisito...
Post
28/03/2020 21:19:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    2