"Ricordi malinconici"

11 febbraio 2017 ore 11:06 segnala


Il carillon della nonna, non aveva una forma speciale anzi, era semplicemente una scatoletta di legno di colore oro, a fianco aveva una piccola manovella per caricarlo.
Quella piccola scatoletta si apriva e ne usciva una piccola ballerina francese, con un vestitino di tulle rosa e suonava una triste musica...Ti incantava ma allo stesso tempo ti stringeva il cuore.
Da bimba tutte le volte che potevo sfuggire al controllo degli adulti correvo nelle camera della nonna e ascoltavo quella dolce e triste melodia.
Ricordo che mia madre non sopportava quella musica e spesso ha tentato di disfarsene, chissà forse quell’oggetto la legava a dei brutti ricordi, o forse non le piaceva che io e nonna ci perdessimo dentro quelle note, immergendoci e riuscendo in quegli attimi ad emarginare le persone attorno noi.
All'esterno era una carillon come tutti gli altri, ma quando si apriva,da esso usciva l'anima e il cuore della nonna, una musica pulita , semplice cosi come lei era...
Ho conosciuto mia nonna forse più di tutti ed era una donna triste, ogni suo gesto anche una carezza era fatta con malinconia e le poche volte che l’ho vista ridere si leggeva dietro a quel sorriso la sua triste realtà.
Non era come appariva cioè debole e sprovveduta , anzi era l’esatto contrario nessuno riusciva a spostarla dalle sue decisioni.
Riuscire a percepire la sua tristezza mi faceva sentire in colpa,come tutti i bambini, che sono convinti che ogni atteggiamento dell’adulto sia da attribuire per merito o per colpa loro. Crescevo e non riuscivo a trovare una soluzione per togliere alla mia amata nonnina quella tristezza ed io continuavo a sentirmi colpevole.
Dicono che il senso di colpa nasca da una contraddizione fra amore e odio.
E credo sia vero , visto che mia nonna è stata una delle persone che ho amato di più.
Ancora adesso mi rivolgo a lei affinché mi guidi mi protegga da lassù.
Alla sua scomparsa , nella confusa suddivisione dei suoi ricordi non so come sono riuscita a ritrovare quel carillon. Suona ancora la stessa melodia ed io provo sempre quella sottile tristezza, mi ci rifugio come se fosse una calda coperta che mi abbraccia e mi protegge, forse perché penso che ormai non ho nulla da perdere e quella tristezza è dovuta a qualcosa che ormai è inevitabilmente persa.
527c3878-0762-4887-ab60-f56ecfd3375e
« immagine » Il carillon della nonna, non aveva una forma speciale anzi, era semplicemente una scatoletta di legno di colore oro, a fianco aveva una piccola manovella per caricarlo. Quella piccola scatoletta si apriva e ne usciva una piccola ballerina francese, con un vestitino di tulle rosa e su...
Post
11/02/2017 11:06:55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Sorelle:-)

10 febbraio 2017 ore 16:52 segnala



Amori improvvisi, arrivano e neanche te ne accorgi, perché si scoprono quando ancora non si sa bene cosa significa “AMORE”.
Si, sono amori speciali quando a casa arriva una nuova “bambola” (una sorella)
Ed inizia una cammino insieme, con litigi, con risate e pianti…
e crescendo aumenta la complicità il proteggersi l’una con l’altra. Ma anche diatribe nella quale volano insulti
Allora li ti rendi conto che quell’amore è semplice , pulito , unico, e per quel piccolo scricciolino diventi tutto...
il suo rifugio , la sua confidente la sua sicurezza
Crescendo ti accorgi ancora che, anche il suo abbraccio diventa fondamentale, ti solleva e …
allora non si è più solo sorelle ma amiche…
TU dolce Chiara sei la mia migliore amica, un’ amica che ci sarà sempre…



Sarai l’amica, con la quale litigherò più spesso
Sarai l’amica,con la quale condividerò i miei pasti
Sarai l’amica che, mi farà le prediche, malgrado tu sia più piccola
Sarai l’amica che, riderà e piangerà con me
Sarai l’amica che, mi terrà e terrò sempre stretta in un abbraccio lungo una vita
6e0230af-b753-431f-84c9-b2b6112fbaf5
« immagine » Amori improvvisi, arrivano e neanche te ne accorgi, perché si scoprono quando ancora non si sa bene cosa significa “AMORE”. Si, sono amori speciali quando a casa arriva una nuova “bambola” (una sorella) Ed inizia una cammino insieme, con litigi, con risate e pianti… e crescendo aume...
Post
10/02/2017 16:52:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Pronto….

10 febbraio 2017 ore 16:35 segnala



Ormai,viviamo quasi tutti con in mano un cellulare, eppure abbiamo tante telefonate e messaggi mai inoltrate… ma se trovassimo il coraggio riusciremmo a comunicare ciò che con violenza teniamo dentro.
Soprattutto a quelle persone che all’improvviso, troncano ogni tipo di comunicazione, diventando “invisibili”
Ma allo stesso tempo ti ritrovi combattuta e la domanda che salta in mente è: “perché , chiamare qualcuno che ha deciso di non aver più nessun contatto con te e che mostra palesemente di stare bene anche in tua assenza?”
Allora ti fermi e provi soltanto ad immaginare cosa diresti a questa persona….
“pronto, ciao… salto le domande retoriche e non ti chiedo come va la vita , perché mi accorgo che anche senza di me stai bene :) e francamente m’importa poco saper il tuo stato di salute:)
Vorrei soltanto capire, perché dopo tutti questi anni hai deciso di tagliare quel filo invisibile che nel bene nel male ci univa. Comprendo che siamo due persone diverse, ma dopo aver sopportato le tue critiche e le tue accuse addossandomi tutte le colpe, oggi sono arrivata alla conclusione che…… Non ero io ad avere un “problema “ ma….. TU.
Francamente io accanto a me voglio amiche , che restino tale anche davanti a dei lunghi silenzi, perché anche i silenzi alle volte vanno compresi e ascoltati e TU non lo sai fare perchè fondamentalmente sei egoista…
Non voglio litigare o insultarti, voglio solo dirti che questa volta non sarò io a cercarti per dirti che sei la persona speciale che mi ero illusa che tu fossi,perché ormai non m’importa più nulla di TE…
Voglio cmq ringraziarti, perché ho compreso che io merito di più, e non permetterò più a nessun lupo travestito d’agnello di “sbranarmi”
Un’ultima cosa voglio dirti, anzi augurarti… di diventare adulta e non solo anagraficamente ma interiormente, e spero tu smetta di far del male a chi si avvicina a te con il cuore pulito e vede te “’l’agnello” per poi accorgersi che sei il “LUPO”… Spero che la vita, che già tante volte ti ha segnata, possa farti comprendere che i dolori dell’anima devono rendere più umane e non cattive. Perché ricordati i cuori aridi allontanano tutti prima o poi
88505032-be16-486a-bb25-c2bb70033942
« immagine » Ormai,viviamo quasi tutti con in mano un cellulare, eppure abbiamo tante telefonate e messaggi mai inoltrate… ma se trovassimo il coraggio riusciremmo a comunicare ciò che con violenza teniamo dentro. Soprattutto a quelle persone che all’improvviso, troncano ogni tipo di comunicazio...
Post
10/02/2017 16:35:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Meryl Streep

16 gennaio 2017 ore 23:13 segnala
Ammirazione e condivisione....



"Non ho pazienza per alcune cose, non perché sia diventata arrogante, semplicemente perché sono arrivata a un punto della mia vita, in cui non mi piace più perdere tempo con ciò che mi dispiace o ferisce. Non ho pazienza per il cinismo, critiche eccessive e richieste di qualsiasi natura. Ho perso la voglia di compiacere chi non mi aggrada, di amare chi non mi ama e di sorridere a chi non mi sorride. Non dedico più un minuto a chi mente o vuole manipolare. Ho deciso di non con-vivere più con la presunzione, l’ipocrisia, la disonestà e le lodi a buon mercato. Non tollero l’erudizione selettiva e l’arroganza accademica. Non mi adeguo più al provincialismo e ai pettegolezzi. Non sopporto conflitti e confronti. Credo in un mondo di opposti, per questo evito le persone rigide e inflessibili. Nell’amicizia non mi piace la mancanza di lealtà e il tradimento. Non mi accompagno con chi non sappia elogiare o incoraggiare. I sensazionalismi mi annoiano e ho difficoltà ad accettare coloro a cui non piacciono gli animali. Soprattutto, non ho nessuna pazienza per chi non merita la mia pazienza.”

Meryl Streep
ac42bb4a-234d-4f5a-9fd4-de050d6e304a
Ammirazione e condivisione.... « immagine » "Non ho pazienza per alcune cose, non perché sia diventata arrogante, semplicemente perché sono arrivata a un punto della mia vita, in cui non mi piace più perdere tempo con ciò che mi dispiace o ferisce. Non ho pazienza per il cinismo, critiche...
Post
16/01/2017 23:13:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1

"Donna contro Donna"

30 dicembre 2016 ore 13:47 segnala


L’invidia di una donna ,spinge adistruggere la felicità dell'altra donna…
che sia per attirare l'attenzione di un uomo o per questioni lavorative o perchè no, anche qui in chat.....
Basti pensare alle fiabe , racconti mitologici dove ci sono diverse figure femminili acide e perfide. Come le sorellastre che pur di non vedere Cenerentola al ballo del principe le strapparono il vestito. Anche la matrigna di Biancaneve, invidiosa della bellezza della figliastra. La signorina Rottenmeier, la zitella che vedeva nella povera Heidi una minaccia. E Medusa che invidiava a tal punto Ariel che le ha preso prima la voce e poi ha provato a rubarle anche il bel principe.

E le donne su chatta??? Qui la competizione non è visibile, ma fa danni anche peggiori... perchè qui la donna invidiosa usa delle tattiche nascoste , subdole, viscide.
Una fra tante che adotta, è il pettegolezzo, proprio perché non è diretto,è un gesto vigliacco ed ha lo scopo di escludere l'altra, in modo che la prima "l'invidiosa"possa mantenere saldi quelle relazioni (fondate sul nulla) ed allo stesso tempo allontanare le potenziali minacce al suo status.
Oppure per attirare l’attenzione di uomini che in chat hanno un certo "potere" o sminuire chiunque cerchi di avvicinarsi a quello che lei potrebbe perdere... o altri motivi ancora, ma in ogni caso l'atteggiamento di questa "donna" ha un comune denominatore L‘INVIDIA!

Io, ahimè sono vittima, di una donna invidiosa (in chat) ecco a lei vorrei darle un consiglio,fai come me adotta il motto "vivi e lascia vivere" io potrei desiderare cose che altre donne hanno , ma non invidiarle... perchè è squallido cercare di denigrare qualcuno per invidia... Non sono proprio il tipo, ma (leggi bene questa parte che segue)Se TU continui ad agire tentando di recarmi danno, le cose cambiano, e allora sono anch'io in grado di dire e affermare i tuoi comportamenti e di sicuro non per invidia, io fra l'altro non direi fandonie , perchè non potrei mai dire che è una persona è idiota se è intelligente e non direi mai che una ha fatto qualcosa di male se non l'ha fatta... Direi solo la VERITA'. e di verità ne ho tante....
53005f07-e357-4535-8d5b-f471f6c61021
« immagine » L’invidia di una donna ,spinge adistruggere la felicità dell'altra donna… che sia per attirare l'attenzione di un uomo o per questioni lavorative o perchè no, anche qui in chat..... Basti pensare alle fiabe , racconti mitologici dove ci sono diverse figure femminili acide e perfide. ...
Post
30/12/2016 13:47:12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Alice... attraverso lo specchio

27 novembre 2016 ore 10:17 segnala


Si dice che il Cappellaio e la sua Alice, si siano persi per un lungo tempo, per poi rincontrarsi come se fosse passato un attimo soltanto…

La dolce Alice , sapeva leggere dentro l’animo del suo Cappellaio , e sentiva quando lui stava male o si distanziava. Alice, guardando il cielo, con le sue nuvole, con il suo sole, con la sua luna e le sue stelle….aveva capito, che anche se in due mondi opposti, Lei e il Cappellaio non erano così lontani. Quanto era stato difficile scoprirsi all’inizio, incrociarsi gli sguardi fra la folla, ma da quel momento il tempo per loro divento irreale e nessuno li avrebbe divisi, perché legati da un filo indistruttibile.

Così, quando si erano persi ,Alice pensava che fosse per sempre , ma per diversi notti sognò il Cappellaio, in quel periodo tutti lo vedevano felice quasi sul punto di danzare la sua Deliranza…. Ma Alice nel sogno lo vedeva triste, e allungava le mani verso lei per essere salvato… forse da una malia della perfida Regina di Cuori , camuffata da dolce Regina Bianca.
Magari era solo la sua suggestione, la mancanza del suo Cappellaio , quel silenzio obbligato ma inspiegabile,o chissà l’avvisava di qualcosa di brutto che stava per accadergli. Malgrado Alice riuscisse sempre a comprendere e ad aiutare il suo Cappellaio, andando anche contro il suo orgoglio questa volta era troppo ferita e aveva scritto “fine” ma.....
Le varie sventure che avevano affrontato e superato, la portò ancora una volta a comprendere di volerlo accanto a se per sempre… e che quindi nulla era IMPOSSIBILE e soprattutto NESSUNA Regina di Cuori le avrebbe fatto paura… e avrebbe attraversato gli SPECCHI e combattuto contro il tempo.
E... se si fossero ritrovati li nello stesso luogo si sarebbero uniti l’uno all’altra come due pezzi di puzzle che combaciano…

Ma la favola vuole che essi siano in due mondi diversi , ma che le loro vite fatalmente s’intersecano,il Cappellaio accarezza i capelli di Alice, Lei si perde nel suo sguardo... e in quel preciso momento , tutto svanisce, tempo, distanze e Regine di Cuori. Così improvvisamente tutto prende una forma reale e definita. Quindi si può dire che Alice, il Cappellaio e il loro amore, hanno vinto contro il tempo e oltrepassato lo specchio.....

Alice: “Oh Cappellaio… Temo che io e te non ci rivedremo.”

Cappellaio: “Mia cara Alice… Nei giardini della memoria, nel palazzo dei sogni, ecco dove io e te ci rivedremo…”

Alice: “Ma un sogno non può essere realtà!”

Cappellaio: “Chi decide cosa è e cosa non è…”
ee037151-5f51-4d4d-81c1-1f6688789545
« immagine » Si dice che il Cappellaio e la sua Alice, si siano persi per un lungo tempo, per poi rincontrarsi come se fosse passato un attimo soltanto… La dolce Alice , sapeva leggere dentro l’animo del suo Cappellaio , e sentiva quando lui stava male o si distanziava Alice, guardando il cielo,...
Post
27/11/2016 10:17:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    2

IL CICIARAMPA... è su chatta

27 ottobre 2016 ore 17:59 segnala



La storia ci dice che è stata la mano di Alice a fermare per sempre il Cicirampa.Impugnando la spada e seguendo il cuore e il suo coraggio , e tutto questo da sola o cmq con pochi e veri amici….

Quante di noi siamo diventate come Alice , quando ci siamo ritrovate ad affrontare sfide impossibili con una persona che ci ha trattate male… Io stessa spesso divento come Alice e provo e riprovo ad ammansire il Ciciarampa , perdendo solo tempo , per poi accorgermi alla fine che sarebbe stato meglio “ucciderlo” subito…

Che belle parole che usava, e che false promesse, che freddezza e cattiveria.. ci ha illusi tutti quanti, portandoci a pensare ma che bella persona che è… invece ha dimostrato solo di essere avida di “successo” e per ottenerlo è capacissimA di vendersi, che poi lascia il tempo che trova , raggiungere il successo qui...

Ebbene,io adesso raccolgo i cocci che Tu hai lasciato li per terra e insieme ad essi impugno la mia spada e il mio coraggio, perché nulla è impossibile.

Alice, prima di affrontare il Ciciarampa pensa alle cose impossibili che accadono in quel luogo: - gli animali parlano; - una pozione fa rimpicciolire; -i gatti svaniscono; un dolce ti fa crescere a dismisura; ed esiste il Paese delle Meraviglie…. –io POSSO UCCIDERE IL CICIARAMPA

Bene, anch’io posso abbattere il CICIARAMPA, la sua avidità, le sue bugie, e persino ignorare la sua esistenza… Si, temi miA carA Ciciarampa, perché da oggi io, tirerò su il mio paese delle meraviglie, e avrò al mio fianco il mio fidato Cappellaio Matt..o e la mia Regina Bianca e alla fine ballerò vittoriosa la DELIRANZA

Mi hai trasformata in guerriera , non sono più la ragazzina indifesa e adesso tiro fuori la mia spada, non mi fai più paura… quindi ti conviene nasconderti perché se incrocerai la mia strada ancora una volta, non né uscirai vittoriosa e la TESTA tagliata non sarà di sicuro la MIA

227d1ee5-f6e9-4f99-a716-7d8d42299c98
« immagine » La storia ci dice che è stata la mano di Alice a fermare per sempre il Cicirampa.Impugnando la spada e seguendo il cuore e il suo coraggio , e tutto questo da sola o cmq con pochi e veri amici…. Quante di noi siamo diventate come Alice , quando ci siamo ritrovate ad affrontare sfid...
Post
27/10/2016 17:59:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    11

Fragile....

20 ottobre 2016 ore 22:41 segnala



Mi hanno sempre detto fin da piccina , di trattare con cautela gli oggetti fragili , potevo toccarli ma con delicatezza…. perché , non solo avrei corso il rischio di romperli ma avrei potuto farmi male con i loro pezzi…. Mi accorsi via, via che anche su alcune scatole c’era scritto “fragile maneggiare con cura” o nelle vetrine “non toccare, fragile”.

Adesso che sono “grande” mi accorgo che molte persone, stanno più attenti a non distruggere un oggetto prezioso e non prestano attenzione al cuore di una persona , e cosi lo distruggono, senza neanche accorgersene e altri addirittura se ne compiaciono. Eppure tutte gridano ad alta voce di essere “Buone” e che loro non farebbero mai del male e invece fanno anche peggio di chi li ha preceduti…. Davanti a persone e sentimenti , dentro di me è rimasto quel fondamentale insegnamento datomi da piccola “maneggiare con cura” anche quelle persone che apparentemente hanno una corazza e sembrano indistruttibili… perché non voglio distruggere e rischiare di farmi del male… ma qualcuno avrebbe dovuto mettermi in guardia che non tutti trattano gli oggetti fragili con cautela… Si, su di me c’è scritto “fragile” maneggiare con cura… è vero potrei rompermi in mille pezzi, sono come un diamante delicato, ma sappiate che esso è uno degli elementi più difficile da spezzare e tentando di farlo potreste ferirvi, e i tagli che procura, sono profondi e le ferite lasceranno i segni per sempre …. Quindi ricordatevi che, quando rompete un “oggetto” fragile correte il rischio di farvi male…

0e5d5599-323a-43ca-b84b-3caa2127f6ce
« immagine » Mi hanno sempre detto fin da piccina , di trattare con cautela gli oggetti fragili , potevo toccarli ma con delicatezza…. perché , non solo avrei corso il rischio di romperli ma avrei potuto farmi male con i loro pezzi…. Mi accorsi via, via che anche su alcune scatole c’era scritto ...
Post
20/10/2016 22:41:43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment

Non prendetevi troppo sul serio....

15 ottobre 2016 ore 10:46 segnala
Per irritare qualsiasi rappresentante delle autorità, i bambini dedicano molte energie a “fare i pagliacci”. Non vogliono apprezzare la gravità delle nostre enormi preoccupazioni, mentre noi dimentichiamo che, se seguissimo un po’ di più l’esempio dei bambini, le nostre preoccupazioni non sarebbero così enormi.


Conrad Hyers




Fermatevi e pensate a quando avete riso l'ultima volta....ma non una risata normale ma,una che vi è partita da dentro e che non siete riusciti a trattenere.
I bambini ridono tantissime volte al giorno. Un adulto al massimo una decina di volte.... E sapete perchè?? perchè il più delle volte si associa la maturità di un adulto alla sua serietà, e quindi l'adulto pensa che una sana e ricca risata sia roba da bambini una cosa infantile. Perdendo così il senso dell’umorismo, la capacità di ridere e di restare stupiti anche per le piccole cose. Sembrerà strano ma,una bella risata è il biglietto da visita delle persone intelligenti.

E... allora, io RIDO, davanti a quei musi lunghi a quelle persone che si stressano pure durante un momento giocoso, rido delle mie cazzate, perchè la risata ci libera anche dai brutti momenti.

Quindi non prendetevi sul serio, soprattutto in chat, perchè è meglio "il circolo della risata" che "il circolo della depressione" e allora anche se a molti da fastidio io continuerò a RIDERE soprattutto davanti a quelle persone che si rivolgono a me con un espressione seria , a quelle che ti guardano dall'alto in basso credendosi le vergini in terra... ricordatevi... "LA RISATA E' UNA COSA SERIA"
8c20813a-fc7a-47f4-9486-bdcac05c3ff8
Per irritare qualsiasi rappresentante delle autorità, i bambini dedicano molte energie a “fare i pagliacci”. Non vogliono apprezzare la gravità delle nostre enormi preoccupazioni, mentre noi dimentichiamo che, se seguissimo un po’ di più l’esempio dei bambini, le nostre preoccupazioni non sarebbero...
Post
15/10/2016 10:46:38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Tacere..... shhhhh

07 ottobre 2016 ore 15:52 segnala


“Conosci il mio nome, ma non la mia storia.
Hai sentito cosa ho fatto, ma non cosa ho passato.
Sai dove sto, ma non da dove vengo.
Mi vedi ridere, ma non sai come ho sofferto.
Smettila di giudicarmi.
Sapere come mi chiamo non vuol dire conoscermi”
Cit.

Niente di più vero in questa citazione…

Io mi chiedo come ci si può permettere di sparare giudizi o dare consigli se non si conosce totalmente una persona…
Eppure esiste gente che pur di apparire difensore assoluto di una causa, getta fango su di essa che fral'altro non conosce neanche… ovviamente al "giudice" viene data questa opportunità, perché chi ti conosce in fondo mette davanti ai suoi occhi solo la sua versione dei fatti…(vigliaccamente) eh si, siamo tutti bravi a dire :”mi ha delusa”
ed altrettanto facile rispondere: “mandala affanculo, chi ti fa soffrire va ignorata…” ma brava , brava…

...allora io dico che ne sappiamo di quello che ha dentro questa persona, perché si comporta così??? E chi siamo noi per dispensare consigli che non hanno ne capo ne piede, visto che non sappiamo le ragioni di entrambi ma solo di uno…

Allora soffermiamoci, e tacciamo e soprattutto ricordiamoci che tutti siamo giudicabili, ma nessuno va giudicato , condannato, senza essere ascoltato…

Meditate gente, la verità sta sempre in mezzo... e adesso shhhhhhhh!!!
39321db9-2730-45c5-811e-eff0e39b6ba7
« immagine » “Conosci il mio nome, ma non la mia storia. Hai sentito cosa ho fatto, ma non cosa ho passato. Sai dove sto, ma non da dove vengo. Mi vedi ridere, ma non sai come ho sofferto. Smettila di giudicarmi. Sapere come mi chiamo non vuol dire conoscermi” Cit. Niente di più vero in ques...
Post
07/10/2016 15:52:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    5