Sconosciuto

28 maggio 2017 ore 13:28 segnala
Da piccoli ci insegnano a non accettare nulla dagli sconosciuti.
"Non accettare le caramelle dagli sconosciuti" -dicevano.
Adesso capisco che era un modo per dire:
"Non accettare dolcezza da chi non conosci, ti ingozzerà di schifezze, e poi ti negherà tutto ciò che eri solita ricevere".
"Non aprire la porta agli sconosciuti" -dicevano.
Adesso capisco che era un modo per dire:
"Non aprire il tuo cuore a chi non conosci, non affezionarti troppo velocemente. Non essere così ingenua da offrire tutto ciò che hai a qualcuno che molto probabilmente non lo merita."

L'impossibile

20 maggio 2017 ore 10:04 segnala
Mi sono persa nell'impossibile..........
ma l'impossibile mi dava la vita.

A te

19 maggio 2017 ore 13:56 segnala
Vivere in fondo è scontato
che non t'immagini mai che basti
e resta indietro sempre un discorso
e resta indietro sempre un rimorso...
E non potrò parlarti, strizzarti l'occhio,
non potrò farti segni,
tutto questo è vietato da inscrutabili disegni.
E allora penserò che niente ha avuto senso
a parte questo averti amato,
amato in così poco tempo;
e che il mondo non vale un tuo sorriso,
e nessuna canzone è più grande di un tuo giorno.
19b15c8e-69ef-4221-8cff-6a9952b62b3a
Vivere in fondo è scontato che non t'immagini mai che basti e resta indietro sempre un discorso e resta indietro sempre un rimorso... E non potrò parlarti, strizzarti l'occhio, non potrò farti segni, tutto questo è vietato da inscrutabili disegni. E allora penserò che niente ha avuto senso a...
Post
19/05/2017 13:56:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Pensiero

11 maggio 2017 ore 18:54 segnala
Dico a te che leggi:
facciamo un gioco,
prendi due sedie,
mettile una di fronte all'altra,
ci sediamo,
io non ti dirò niente
devi solo guardare
intensamente i miei occhi
e indovinare cosa penso.
E se indovini?
Ti prenderò per mano e ti portero' con me in quel pensiero.

Illuminami

11 maggio 2017 ore 18:36 segnala
Dimmi quello che non so, raccontami storie nuove, parlami lingue che non conosco, fammi emozionare di nuovo. Non mi serve un'altra copia di qualcuno che ho già conosciuto, dove ho perso tutto non voglio tornare, mi serve la novità per sentirmi felice, per capire quella parte di me che non ho mai capito. Abbiamo tutti una parte buia, dove non fa mai luce nessuno. Illumina quello che non si vede, quello che si nasconde sempre, quello che non conosco. Solo così saprò veramente che mi hai dato qualcosa che non mi ha mai dato nessuno.
e147b4de-cd88-4e30-a8e5-7959d8edc299
Dimmi quello che non so, raccontami storie nuove, parlami lingue che non conosco, fammi emozionare di nuovo. Non mi serve un'altra copia di qualcuno che ho già conosciuto, dove ho perso tutto non voglio tornare, mi serve la novità per sentirmi felice, per capire quella parte di me che non ho mai...
Post
11/05/2017 18:36:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

La raccontastorie

11 maggio 2017 ore 12:24 segnala
Essere una donna è avere sempre poco spazio nella borsa ma costantemente un angolo libero nella testa, anche quando i pensieri apparentemente non ci entrerebbero più.
Essere una donna è camminare spesso su tacchi molto alti
e non avere paura di cadere perché in bilico hai ormai imparato a viverci ogni giorno.
Essere una donna è guardarsi allo specchio mettendosi
il rossetto sapendo che il trucco coprirà il tuo volto ma mai le tue paure.
Essere una donna è immaginare sempre mille spiegazioni possibili per motivare un gesto per poi scoprire che la risposta
più semplice è, ogni volta, matematicamente, quella vera.
Essere una donna è amare il complesso o banalmente complicarsi la vita, se no, forse, l'esistere avrebbe tutto un altro sapore.
Essere una donna è guardare un film, di qualunque genere esso sia, pensando che finirà bene per poi ritrovarsi sul divano con un pacchetto di fazzoletti se il finale era diverso.
Essere una donna è pentirsi di un errore e prontamente rifarlo constatando poi però che forse tutto è necessario per imparare meglio a non sbagliare più.
Essere una donna è dire sempre "Ho smesso di credere..."
ma in realtà non smettere mai.
Alle bambine alle elementari insegnano che loro hanno le bambole e il grembiule rosa mentre i maschi il pallone e il grembiule blu.
Le bambine sotto sotto se la ridono perché quel grembiule rosa se lo colorano ogni mattina in modo diverso nella loro testa, perché la mente di una donna viaggia in continuazione su binari inattesi, all'incessante velocità dei battiti del cuore.
Essere una donna è soprattutto sapere molto bene di esserlo
e che non servirà mai un giorno sul calendario
per ricordare che esisti al resto del mondo
perché nonostante le cadute e le ginocchia sbucciate ieri, oggi, domani, dopodomani, in ogni istante che saprà di vita,
una donna sarà sempre regina del suo piccolo mondo imperfetto.

SEMPRE

10 maggio 2017 ore 10:39 segnala
Ci sono momenti che non puoi lasciare andare.
Non importa se non ci sono più le persone con cui hai condiviso tanto, con cui pensavi di vivere altro.
Non puoi cancellarli e non sarebbe neanche giusto.
Han disegnato la persona che sei adesso, con tutte le sfumature che ti contraddistinguono. Certi momenti vanno conservati e basta, spolverati ogni tanto, come si fa quando tiri fuori dalle scatole gli addobbi di Natale. Non li tiri fuori spesso, e quando lo fai non è mai nostalgia: sono solo ritagli di te che si sono trasformati in ricordi. Li tieni lì, al riparo dal mondo, pronta a condividerli solo con chi sa ascoltarti.
Li tieni lì ma sai che faranno parte di te, sempre.
a60d1622-8367-43b7-aeff-3080b17798e7
Ci sono momenti che non puoi lasciare andare. Non importa se non ci sono più le persone con cui hai condiviso tanto, con cui pensavi di vivere altro. Non puoi cancellarli e non sarebbe neanche giusto. Han disegnato la persona che sei adesso, con tutte le sfumature che ti contraddistinguono....
Post
10/05/2017 10:39:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Per te....

19 novembre 2016 ore 14:13 segnala
Ho ricevuto un messaggio privato oggi che mi ha fatto venire i brividi. Sembra impossibile, ma leggendomi alcuni di voi hanno capito esattamente chi sono.
In pochi, ma è successo.
E non ho parole.Non dirò grazie.
Grazie per un aiuto del genere non basta.
d3cb0ce5-a7d4-4b29-a217-a27767f9be42
Ho ricevuto un messaggio privato oggi che mi ha fatto venire i brividi. Sembra impossibile, ma leggendomi alcuni di voi hanno capito esattamente chi sono. In pochi, ma è successo. E non ho parole.Non dirò grazie. Grazie per un aiuto del genere non basta.
Post
19/11/2016 14:13:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Parole...

09 novembre 2016 ore 08:30 segnala
Quelle come me , se le ami, devi fare i conti con tante cose.
Ti diranno che valgono meno di zero, non lasciarle in quella condizione , non stancarti di ripetergli che valgono la pena, che possono essere amate. Perché te lo chiederanno solo per sentirselo ripetere.
E diglielo che scegli lei, diglielo sempre, anche senza un motivo, perché ha paura, paura di tutto, anche di te.
E non le dire , con cattiveria, che sbaglia. Diglielo sottovoce, in modo che nessuno al mondo lo sappia, ma diglielo. E non urlarle in faccia la tua rabbia, hanno paura, quelle come me, della rabbia.
A quelle come me , se cambi tono di voce o una minima inclinazione, se ne accorgono e gli crolla un mondo.
Quelle come me sono bambole di porcellana, si incrinano, si impauriscono, si accovacciano dentro sé stesse.
Di quelle come me è difficilissimo innamorarsi, credo, figuriamoci amarle. Perché è strano che, quelle come me, hanno bisogno di conferme sempre e di sorrisi dolci e ti danno sé stesse. Anche se tu non te ne accorgi.
68eddd03-a8ce-40be-87e2-2aa79d7f3ecd
Quelle come me , se le ami, devi fare i conti con tante cose. Ti diranno che valgono meno di zero, non lasciarle in quella condizione , non stancarti di ripetergli che valgono la pena, che possono essere amate. Perché te lo chiederanno solo per sentirselo ripetere. E diglielo che scegli lei,...
Post
09/11/2016 08:30:42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Rosso...

07 novembre 2016 ore 06:20 segnala
Chissà dove finiscono i baci persi, le stelle cadenti che nessuno ha mai guardato. Chissà dove finiscono le parole sprecate, le lacrime invisibili al resto del mondo,i sogni mai realizzati. Chissà dove finisce l’amore debole quando non nasce nemmeno, dove va ad urlare il dolore quando nessuno lo ascolta, dove si perde l’aria mossa dalle mani che stavano per raggiungere altre mani. Chissà dove finisce la forza inutile dei pugni stretti per rabbia, l’appartenersi quando si promette “per sempre” e per sempre non è stato. Chissà dove finiscono le canzoni sotto la doccia, i dispetti delle dita che non si intrecciano per orgoglio, i pensieri nascosti che nessuno sospetta mai. Chissà dove finiscono i sussurri quando non si avvicina neppure un orecchio a raccoglierli, le carezze mai date e le scuse mai fatte. Chissà dove finisce il coraggio che non è più servito, la dolcezza mielosa che non fa carattere, il silenzio di un applauso timido di ciglia innamorate.Chissà dove va a finire il sole quando tramonti prima tu.Tu che nemmeno sapevi di saper fare il rosso.
01385e51-f613-4969-bdde-c8b07b7ffb37
Chissà dove finiscono i baci persi, le stelle cadenti che nessuno ha mai guardato. Chissà dove finiscono le parole sprecate, le lacrime invisibili al resto del mondo,i sogni mai realizzati. Chissà dove finisce l’amore debole quando non nasce nemmeno, dove va ad urlare il dolore quando nessuno lo...
Post
07/11/2016 06:20:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    2