LA DONNA

06 aprile 2014 ore 20:11 segnala


Un bambino chiede alla mamma: «Perché piangi?».
«Perché sono una donna» gli risponde.
«Non capisco» dice il bambino.
La mamma lo stringe a sé e gli dice: «E non potrai mai capire...»

Più tardi il bambino chiede al papà: «Perché la mamma piange?»
«Tutte le donne piangono senza ragione», fu tutto quello che il papà seppe dirgli.

Divenuto adulto, chiese a Dio: «Signore, perché le donne piangono così facilmente?»
E Dio rispose:
«Quando l'ho creata, la donna doveva essere speciale.
Le ho dato delle spalle abbastanza forti per portare i pesi del mondo, e abbastanza morbide per renderle confortevoli.
Le ho dato la forza di donare la vita, quella di accettare il rifiuto che spesso le viene dai suoi figli.
Le ho dato la forza per permetterle di continuare quando tutti gli altri abbandonano. Quella di farsi carico della sua famiglia senza pensare alla malattia e alla fatica.
Le ho dato la sensibilità di amare i suoi figli di un amore incondizionato, anche quando essi la feriscono duramente.
Le ho dato la forza di sopportare il marito nelle sue debolezze
e di stare al suo fianco senza cedere.
E finalmente, le ho dato lacrime da versare quando ne sente il bisogno.
Vedi figlio mio, la bellezza di una donna non è nei vestiti che porta, né nel suo viso, o nella sua capigliatura.
La bellezza di una donna risiede nei suoi occhi.
Sono la porta d'entrata del suo cuore, la porta dove risiede l'amore.
Ed è spesso con le lacrime che vedi passare il suo cuore».

Anonimo
0d4382c7-d075-4a78-bfa6-b55c91f40002
« immagine » Un bambino chiede alla mamma: «Perché piangi?». «Perché sono una donna» gli risponde. «Non capisco» dice il bambino. La mamma lo stringe a sé e gli dice: «E non potrai mai capire...» Più tardi il bambino chiede al papà: «Perché la mamma piange?» «Tutte le donne piangono senza...
Post
06/04/2014 20:11:05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Il Mio Amico

18 gennaio 2014 ore 22:40 segnala
Una storia racconta di due amici che camminavano nel deserto. In qualche momento del viaggio cominciarono a discutere, e l’amico diede uno schiaffo all’altro, questi addolorato, ma senza dire nulla, scrisse nella sabbia: Il mio migliore amico oggi mi ha dato uno schiaffo. Continuarono a camminare, finché trovarono un’oasi, dove decisero di fare un bagno. L’amico che era stato schiaffeggiato rischiò di affogare, ma il suo amico lo salvò. Dopo che si fu ripreso, scrisse su una pietra: Il mio migliore amico oggi mi ha salvato la vita. L’amico che aveva dato lo schiaffo e aveva salvato il suo migliore amico domandò: Quando ti ho ferito hai scritto nella sabbia, e adesso lo fai su una pietra. Perché? L’altro amico rispose: Quando qualcuno ci ferisce dobbiamo scriverlo nella sabbia, dove i venti del perdono possano cancellarlo. Ma quando qualcuno fa qualcosa di buono per noi, dobbiamo inciderlo nella pietra, dove nessun vento possa cancellarlo. Impara a scrivere le tue ferite nella sabbia e a incidere nella pietra le tue gioie!
dab14d23-44da-4db9-80cb-956dbfe05dff
Una storia racconta di due amici che camminavano nel deserto. In qualche momento del viaggio cominciarono a discutere, e l’amico diede uno schiaffo all’altro, questi addolorato, ma senza dire nulla, scrisse nella sabbia: Il mio migliore amico oggi mi ha dato uno schiaffo. Continuarono a camminare,...
Post
18/01/2014 22:40:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1

PENSIERINO

15 gennaio 2014 ore 21:56 segnala
Quanti di voi nei momenti più tristi si è rivisto in una canzone?
credo molti sapete perchè? la musica trasmette emozione a volte tristezza ma il più delle volte gioia e allegria.
vi lascio con un pensiero, se ti và commentalo se no è lo stesso ma lascia un segno del tuo passaggio.
PENSIERINO
Chiudi gli occhi e ascolta le note della tua anima... ognuno dentro ha uno "spartito"... fatto di tonalità alte e basse... che racconta attraverso la "musica", una vita intera.
by Moro.01
7ea0bb15-e99e-4c97-981f-40809824c737
Quanti di voi nei momenti più tristi si è rivisto in una canzone? credo molti sapete perchè? la musica trasmette emozione a volte tristezza ma il più delle volte gioia e allegria. vi lascio con un pensiero, se ti và commentalo se no è lo stesso ma lascia un segno del tuo...
Post
15/01/2014 21:56:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Racconto commovente

15 novembre 2013 ore 00:29 segnala
Leggila è bellissima .... tutta di un fiato...non ti fermare all'apparenza... grazie..

Questa e-mail mi è arrivata tramite un amico e mi ha commosso molto,
volevo che anche tu la leggessi. Ricordati che TU fai la differenza. Non
cercare mai mezzi termini: non ce ne sono.
La mia domanda è: tu avresti fatto la stessa scelta che ho fatto io?
Di renderla pubblica.
Se vuoi puoi prenderla e farla girare come ho fatto io.

Ad una cena di beneficenza per una scuola che cura bambini con problemi
di apprendimento, il padre di uno degli studenti fece un discorso che non
sarebbe mai più stato dimenticato da nessuno dei presenti.
Dopo aver lodato la scuola ed il suo eccellente staff, egli pose una domanda:
Quando non viene raggiunta da interferenze esterne, la natura fa il suo
lavoro con perfezione. Purtroppo mio figlio Shay non può imparare le
cose nel modo in cui lo fanno gli altri bambini. Non può comprendere
profondamente le cose come gli altri. Dov'è il naturale ordine delle
cose quando si tratta di mio figlio?'

Il pubblico alla domanda si fece silenzioso.

Il padre continuò: 'Penso che quando viene al mondo un
bambino come Shay, handicappato fisicamente e mentalmente, si presenta
la grande opportunità di realizzare la natura umana e avviene nel modo in
cui le altre persone trattano quel bambino.'

A quel punto cominciò a narrare una storia:

Shay e suo padre passeggiavano nei pressi di un parco dove Shay sapeva
che c'erano bambini che giocavano a baseball.
Shay chiese: 'Pensi che quei ragazzi mi faranno giocare?'
Il padre di Shay sapeva che la maggior parte di loro non avrebbe voluto
in squadra un giocatore come Shay, ma sapeva anche che se gli fosse stato
permesso di giocare, questo avrebbe dato a suo figlio la speranza di
poter essere accettato dagli altri a discapito del suo handicap, cosa di cui
Shay aveva immensamente bisogno.

Il padre si Shay si avvicinò ad uno dei ragazzi sul campo e chiese (non
aspettandosi molto) se suo figlio potesse giocare.
Il ragazzo si guardò intorno in cerca di consenso e
disse: 'Stiamo perdendo di sei punti e il gioco è all'ottavo inning.
Penso che possa entrare nella squadra: lo faremo entrare nel nono' Shay
entrò nella panchina della squadra e con un sorriso enorme, si mise su
la maglia del team.
Il padre guardò la scena con le lacrime agli occhi e con un senso di calore nel petto.
I ragazzi videro la gioia del padre all'idea che il figlio fosse
accettato dagli altri.
Alla fine dell'ottavo inning, la squadra di Shay prese alcuni punti ma
era sempre indietro di tre punti.
All'inizio del nono inning Shay indossò il guanto ed entrò in campo.
Anche se nessun tiro arrivò nella sua direzione, lui era in estasi solo
all'idea di giocare in un campo da baseball e con un enorme sorriso che
andava da orecchio ad orecchio salutava suo padre sugli spalti.
Alla fine del nono inning la squadra di Shay segnò un nuovo punto: ora,
con due out e le basi cariche si poteva anche
pensare di vincere e Shay era incaricato di essere il prossimo alla
battuta.

A questo punto, avrebbero lasciato battere Shay anche se significava
perdere la partita? Incredibilmente lo lasciarono battere. Tutti sapevano che
era una cosa impossibile per Shay che non sapeva nemmeno tenere in mano la
mazza, tantomeno colpire una palla.
In ogni caso, come Shay si mise alla battuta, il lanciatore, capendo che
la squadra stava rinunciando alla vittoria in cambio di quel magico momento
per Shay, si avvicinò di qualche passo e tirò la palla così piano e mirando
perché Shay potesse prenderla con la mazza.
Il primo tirò arrivò a destinazione e Shay dondolò goffamente mancando
la palla.
Di nuovo il tiratore si avvicinò di qualche passo per tirare dolcemente
la palla a Shay.
Come il tiro lo raggiunse Shay dondolò e questa volta colpì la palla che
ritornò lentamente verso il tiratore. Ma il gioco non era ancora finito.
A quel punto il battitore andò a raccogliere la palla: avrebbe potuto
darla all' uomo in prima base e Shay sarebbe stato eliminato e la partita
sarebbe finita. Invece... Il tiratore lanciò la palla di molto oltre l'uomo in
prima base e in modo che nessun altro della squadra potesse raccoglierla.
Tutti dagli spalti e tutti i componenti delle due squadre incominciarono
a gridare: 'Shay corri in prima base! Corri in prima base!'
Mai Shay in tutta la sua vita aveva corso così lontano, ma lo fece e
così raggiunse la prima base.
Raggiunse la prima base con occhi spalancati dall'emozione.
A quell punto tutti urlarono:' Corri fino alla seconda base!'
Prendendo fiato Shay corse fino alla seconda trafelato.
Nel momento in cui Shay arrivò alla seconda base la squadra avversaria
aveva ormai recuperato la palla..
Il ragazzo più piccolo di età che aveva ripreso la palla quindi sapeva
di poter vincere e diventare l'eroe della partita, avrebbe potuto tirare la
palla all'uomo in seconda base ma fece come il tiratore prima di lui, la
lanciò intenzionalmente molto oltre l'uomo in terza base e in modo che
nessun altro della squadra potesse raccoglierla.
Tutti urlavano: 'Bravo Shay, vai così! Ora corri!'
Shay raggiunse la terza base perché un ragazzo del team avversario lo
raggiunse e lo aiutò girandolo nella direzione giusta.
Nel momento in cui Shay raggiunse la terza base tutti urlavano di gioia.
A quel punto tutti gridarono:' Corri in prima, torna in base!!!!'
E così fece: da solo tornò in prima base, dove tutti lo sollevarono in
aria e ne fecero l'eroe della partita.
'Quel giorno' disse il padre piangendo 'i ragazzi di entrambe le squadre
hanno aiutato a portare in questo mondo un grande dono di vero amore ed
umanità'. Shay non è vissuto fino all'estate successiva.
E' morto l'inverno dopo ma non si è mai più dimenticato di essere l'eroe
della partita e di aver reso orgoglioso e felice suo padre... non
dimenticò mai l'abbraccio di sua madre quando tornato a casa le raccontò di aver
giocato e vinto.

ED ORA UNA PICCOLA NOTA AL FONDO DI QUESTA STORIA:

In internet ci scambiamo un sacco di giochi e mail scherzose senza che
queste ci facciano riflettere, ma quando si tratta di diffondere mail
sulle scelte della vita noi esitiamo.

Il crudo, il volgare e l'osceno passano liberamente nel cyber spazio, ma
le discussioni pubbliche sulla decenza sono troppo spesso soppresse nella
nostre scuole e nei luoghi di lavoro.

Se stai pensando di forwardare questo messaggio, c'è probabilità che
sfoglierai i tuoi contatti di rubrica scegliendo le persone
'appropriate' o 'inappropriate' a ricevere questo messaggio.

Bene: la persona che ti ha mandato questa e-mail pensa che TUTTI NOI
POSSIAMO FARE LA DIFFERENZA.

Tutti noi abbiamo migliaia di opportunità, ogni giorno, di aiutare il
'naturale corso delle cose' a realizzarsi.

Ogni interazione tra persone, anche la più inaspettata, ci offre una
opportunità: passiamo una calda scintilla d'amore e umanità o rinunciamo
a questa opportunità e lasciamo il mondo un po' più freddo?

Un uomo saggio una volta disse che ogni società è giudicata in base a
come tratta soprattutto i meno fortunati.

GRAZIE
13e837f4-8515-4f02-95c9-c64cd99efc3b
Leggila è bellissima .... tutta di un fiato...non ti fermare all'apparenza... grazie.. Questa e-mail mi è arrivata tramite un amico e mi ha commosso molto, volevo che anche tu la leggessi. Ricordati che TU fai la differenza. Non cercare mai mezzi termini: non ce ne sono. La mia domanda è: tu...
Post
15/11/2013 00:29:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Amicizia virtuale

13 novembre 2013 ore 00:06 segnala
Questa poesia lo trovata su un sito Francse scritta da un anonimo ed io l tradotta in italiano è BELLISSIMA merita di leggerla e di meditare.

L’AMICIZIA VIRTUALE

L’amicizia virtuale
non ha distanze nè frontiere

Ha un viso sconosciuto ed immaginario
con gran cuore
che tutti i giorni
s’occupa di te
si confida con te…
condivide con te le sue scoperte
e si augura le cose più belle per te.

La sera viene a portarti la buonanotte
ed a dirti… “A domani” e
spesso è la prima la mattina a darti
il buongiorno

E’ un’amicizia che senti… reale
benché virtuale..

BUONA SERATA A TUTTI
e88b718e-4f93-4ede-8975-b461667b1ef3
Questa poesia lo trovata su un sito Francse scritta da un anonimo ed io l tradotta in italiano è BELLISSIMA merita di leggerla e di meditare. « immagine » L’AMICIZIA VIRTUALE L’amicizia virtuale non ha distanze nè frontiere Ha un viso sconosciuto ed immaginario con gran cuore che tutti i...
Post
13/11/2013 00:06:26
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment

Lezione di vita di un bambino

09 novembre 2013 ore 01:00 segnala

Un bambino tutti i giorni si recava in spiaggia e scriveva sulla
spiaggia: “Mamma ti amo!”; poi guardava il mare cancellare la scritta e correva via sorridendo.Un vecchio triste passeggiava tutti i giorni su quel litorale, e lo vedeva giorno dopo giorno scrivere la stessa frase, e guardare felice il mare portargliela via. Fra sé e sé pensava: “Questi bambini, sono così stupidi ed effimeri.”Un giorno si decise ad avvicinare il bambino, non avrà avuto più di dieci anni, e gli chiese: “Ma che senso ha che tu scriva “Mamma ti amo!” sulla sabbia che poi il mare te la porta via. Diglielo tu che le vuoi bene.” Il bambino si alzò, e guardando l’ennesima scritta cancellata dall’acqua salata disse al vecchio: “Io non ce l’ho la mamma! Me l’ha portata via Dio, come fa il mare con le mie scritte. Eppure torno qui ogni giorni a ricordare alla mamma e a Dio che non si può cancellare l’amore di un figlio per la propria madre.”Il vecchio si inginocchiò, e con le lacrime agli occhi scrisse: “Nora. Ti amo!”; era il nome della moglie appena morta. Poi prese il bimbo per mano e assieme guardarono la scritta sparire
04eb5606-5075-4efa-b19c-ff3ed3bd8856
« immagine » Un bambino tutti i giorni si recava in spiaggia e scriveva sulla spiaggia: “Mamma ti amo!”; poi guardava il mare cancellare la scritta e correva via sorridendo.Un vecchio triste passeggiava tutti i giorni su quel litorale, e lo vedeva giorno dopo giorno scrivere la stessa frase, e gua...
Post
09/11/2013 01:00:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    2

PERCHE' STO SU CHATTA.IT

27 settembre 2013 ore 23:25 segnala
1) chatta è un mondo virtuale, ma questo non deve pregiudicare il rispetto, la buona educazione e la sincerità che, come nel reale, stanno alla base di qualsiasi tipo di rapporto
2) Non sono in cerca di avventure
3) Non mi interessa il sesso virtuale
4) Per me chatta è un'oasi di relax, gioco e passatempo quindi non farmi incazzare, che di rotture ce ne sono già abbastanza nella vita quotidiana
5) Odio profondamente i vigliacchi che si schermano dietro chatta perchè non hanno il coraggio di dire le cose in faccia. Per risolvere le controversie c'è il confronto diretto o, al limite, il telefono. Per tutto il resto c'è chatta.
6) Nei miei forum pubblici metto quello che mi pare, sempre nel rispetto del prossimo. Non devi per forza essere d'accordo con ciò che pubblico, puoi anche criticarmi, ma sempre con i dovuti modi, oppure sei libero/a di guardare altrove
7) I miei link, o quello che scrivo nello status, sono spesso dettati dallo stato d'animo del momento, non sono necessariamente rivolti a qualcuno in particolare. Quindi se soffri di manie di persecuzione e/o egocentrismo sei pregato/a di ignorare il mio profilo.
By Mario
9f7bcee2-ee8b-4386-a779-e014feb450b5
1) chatta è un mondo virtuale, ma questo non deve pregiudicare il rispetto, la buona educazione e la sincerità che, come nel reale, stanno alla base di qualsiasi tipo di rapporto 2) Non sono in cerca di avventure 3) Non mi interessa il sesso virtuale 4) Per me chatta è un'oasi di relax, gioco e...
Post
27/09/2013 23:25:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment
    8

Il Visibile e L'invisibile

30 aprile 2012 ore 23:56 segnala

Ti sarà tutto chiaro quando ti accorgerai che la sorgente
della Vita è l’Amore.
L’Amore si diffonde come la luce all’alba; i cui colori
sono quelli dell’armonia.
La felicità sprizza dalla coscienza di esistere e dallo
stupore di ogni giorno nel sentirsi in vita.
Gioia, Amore e Vita sono fuori dal tempo.
Essi nascono solo nella libertà.
661783e8-ce97-4ec5-b602-af3abed1d459
« immagine » Ti sarà tutto chiaro quando ti accorgerai che la sorgente della Vita è l’Amore. L’Amore si diffonde come la luce all’alba; i cui colori sono quelli dell’armonia. La felicità sprizza dalla coscienza di esistere e dallo stupore di ogni giorno nel sentirsi in vita. Gioia, Amore e V...
Post
30/04/2012 23:56:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment

RIFLESSIONE DI VITA

09 marzo 2012 ore 19:19 segnala
Da molto tempo sono stato assente dal mio blog oggi ritorno con una riflessione.
LEGGI E OSSERVA. TIRA LE TUE CONCLUSIONI.




































ec707c59-53fa-4ef1-afda-31d6a5de0250
Da molto tempo sono stato assente dal mio blog oggi ritorno con una riflessione. LEGGI E OSSERVA. TIRA LE TUE CONCLUSIONI. « immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine...
Post
09/03/2012 19:19:22
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

BABBO NATALE

22 dicembre 2011 ore 21:52 segnala
Chi crede a Babbo Natale?
lo so che non esiste,tutti lo sanno(tranne i piu piccini)
ma secondo voi potrebbe esistre davvero?
ci sarà ben qualcuno in un angolo nascosto del polo nord.
però penso che qualcuno c'è che ne pensate.....
se potessi ci crederei ancora oggi.
Credere in Babbo Natale è qualcosa per me di legato all'innocenza alla purezza dell'animo....
e se potessimo rimanere per sempre così saremmo tutti molto più felici.

l'importante è credere di poter sperare che sia cosi'.
non importa se ti sfottono per questo o se fanno le solite banali battute...
non è babbo natale in se stesso ma quella genuinità,
quella purezza e bontà d'animo che oramai è quasi in completa via d' estinzione.
continua a crederci nella consapevolezza che sia una cosa assurda talmente assurda da poter essere vera!!
ciao un salutone e Buon Natale

b2214f29-025d-458d-946d-c3fcc2c4939e
Chi crede a Babbo Natale? lo so che non esiste,tutti lo sanno(tranne i piu piccini) ma secondo voi potrebbe esistre davvero? ci sarà ben qualcuno in un angolo nascosto del polo nord. però penso che qualcuno c'è che ne pensate..... se potessi ci crederei ancora oggi. Credere in Babbo Natale è...
Post
22/12/2011 21:52:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1