LE CHIAVI DEL SUCCESSO (PROGRESSO?).

08 giugno 2019 ore 01:40 segnala

Dunque,stanotte intendo sottoporre agli amici bloggers e non di chatta il mio angoscioso quesito: "la meritocrazia,prima di non esistere nello Stato,esiste nelle singole persone?".
Vi pongo tale sanguinoso dilemma,per quanto possa sembrare noioso,futile ed in qualche modo sterile,perchè molti fra di noi,fra di voi,nella società,sono vittime della mafia interiore degli interessi di qualcuno. Certamente, evocare l'aggregazione criminale che contraddistingue spesso il nostro paese nel mondo,vuol dire già rispondere al quesito;temo però di potermi sbagliare,poichè accecato da uno scoramento nei confronti dell'uomo, che rappresenta (per me) la più grande sconfitta personale.
Ho visto molti di voi dare risposte intelligenti,colte,a volte raffinate all'interno dei blogs. Mi sono chiesto, quindi, per quale motivo illustri cretini siedono in parte nelle istituzioni,nei sindacati,nella politica,occupano posizioni di prestigio,fanno i giornalisti,gli opinionisi televisivi,gli attori e via dicendo pur essendo delle evidenti nullità in termini umani e culturali,mentre qualche mente che ho letto qui dentro,qualche amicizia con cui trascorro qualche ora fuori da questo luogo,mi hanno sorpreso per le loro immense doti e capacità pur svolgendo essi lavori e professioni normalissime ed a volte addirittura umili.
L'immediata percezione delle ragioni,ovvero l'impressione, è che l'italiano medio sia sostanzialmente un idiota ammalato di normalità,innamorato del futile,il quale non è interessato a perdere un poco del suo tempo per capire quello che sta accadendo nella nostra società;conseguentemente,in considerazione del fatto che le decisioni politiche e sociali sono prese dalla maggioranza dei cittadini ( i quali delegano per insipienza o mediocrità ai politici) coloro che spiccano per capacità sono sostanzialmente un numero esiguo,incapace di influenzare la massa cialtrona.
Ne discende ovviamente un arresto del progresso che pone seri limiti alla civiltà. Ora,tutto questo bel discorso che può apparire antipatico ed inopportuno,potrebbe essere contraddetto semplicemente dal fatto che,coloro che sono cime ( o appaiono come tali) in realtà non sfondano perchè,semplicemente,non ne hanno le qualità,che la mafia non c'entra nulla( anzi è una comoda scusa per gli sconfitti) e che la legge del successo si basa semplicemente sul fatto ( in ogni campo) di trascinare il più aalto numero di persone verso un interesse e quindi verso una emozione.
Voi che ne pensate?
Buona notte o buon giorno

Moscan.
sx
172a724e-8e95-49b5-84a0-06a2fcf49c40
« immagine » Dunque,stanotte intendo sottoporre agli amici bloggers e non di chatta il mio angoscioso quesito: "la meritocrazia,prima di non esistere nello Stato,esiste nelle singole persone?". Vi pongo tale sanguinoso dilemma,per quanto possa sembrare noioso,futile ed in qualche modo sterile,perc...
Post
08/06/2019 01:40:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. crenabog 08 giugno 2019 ore 08:42
    bello ma devo uscire e cerco di scrivere un commento quando posso, saluti!
  2. LINTERDIT 09 giugno 2019 ore 17:43
    i politici devono essere cio' che sono ,chi comanda davvero non sono loro

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.