RODOLFO VALENTINO

19 novembre 2016 ore 17:23 segnala


Io volevo fare il giardiniere. Mi piaceva piantare, seminare, sostenere le piante deboli, vederle crescere, lottare contro le intemperie per difenderle. Mi piaceva davvero tanto. Il destino però ha voluto che diventassi un attore.

Sono nato a Castellaneta, in provincia di Taranto. Da giovane partii per New York perché in Puglia non c’era lavoro. Feci un po’ di tutto: fattorino, lavapiatti, cameriere e anche ballerino di tango a pagamento per le ricche signore newyorkesi. Scusate se mi lodo, ma molte di loro persero la testa per me. Il marito di una di esse però voleva uccidermi e fui costretto a lasciare New York per Los Angeles.

Fu una donna che mi fece entrare nel mondo del cinema. Al tempo c’erano solo due parti: quella del buono e quella del cattivo. Io che avevo un aspetto latino non potevo fare altro che il cattivo. Fu poi una mia amante che mi suggerì per la parte di protagonista ne “I 4 cavalieri dell’apocalisse.”

Beh, posso assicurarvi che da quel momento le donne americane si stufarono del ragazzo della porta accanto e anelarono all’amore latino. Fu con me che nacque la locuzione “Latin lover”.

Il maschio americano, che nei film fa sempre il buono ma che nella realtà spesso è uno stronzo patentato, si sentì minacciato e provò a screditarmi. Per fare solo un esempio, io portavo un braccialetto al polso, dono di una fan. Adesso è normale che un uomo possa portare un braccialetto, ma a quel tempo non si usava. Posso dire quindi di aver precorso i tempi. Beh, cosa fece il maschio americano? Mi tacciò di omosessualità.

L'invidia verso di me, un italiano emigrante, crebbe a livelli parossistici. Un giornalista mi soprannominò “Piumino da cipria”. Sfidai quel son of bitch a duello a pugni nudi, per dimostrargli chi tra loro due era più uomo. Non mi rispose naturalmente. Erano leoni dietro una macchina da scrivere.


Valentino fu ucciso da una peritonite. Aveva 31 anni. La notizia della sua morte generò episodi d’isteria e fanatismo nel pubblico, fino alla commissione di almeno una trentina di suicidi nei giorni a ridosso del suo corteo funebre.
Ecco cosa successe quel giorno:

https://www.youtube.com/watch?v=4Y_zA-AYVPg
3eaba059-2b99-4836-9721-4f37e3752694
« immagine » Io volevo fare il giardiniere. Mi piace piantare, seminare, sostenere le piante deboli, vederle crescere, lottare contro le intemperie per difenderle. Mi piace proprio. Il destino però ha voluto che diventassi un attore. Sono nato a Castellaneta, in provincia di Taranto. Da giovane...
Post
19/11/2016 17:23:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.