Atti Eroici dei Centurioni Romani

18 novembre 2018 ore 22:06 segnala
Marco Cassio Sceva, centurione di Cesare, si battè fino allo stremo durante la battaglia di Durazzo del 48 a.C. contro i pompeiani, che vide i cesariani quasi sul punto di essere sconfitti. Alla fine della battaglia il suo scudo fu portato a Cesare: c'erano ben 120 fori di frecce ma il centurione, seppure ferito, era riuscito a sopravvivere. Simili atti di eroismo non erano insoliti per i centurioni romani: nella stessa battaglia la metà dei centurioni che vi prese parte morì combattendo, mentre nella battaglia del fiume Sabis contro i nervii, durante la campagna gallica, nel 57 a.C., tutti i 6 centurioni della IV coorte della XII legione erano caduti in battaglia. Famoso anche è il centurione Giuliano che durante l'assedio di Gerusalemme del 70 d.C., capovolse l'andamento dello scontro saltando giù dalla torre Antonia e gettandosi nella mischia. Mentre respingeva e inseguiva i giudei da solo, mettendoli in fuga, cadde sul pavimento liscio a causa delle caligae chiodate: accerchiato, continuò a combattere per molto tempo finché non venne massacrato.

e2406c57-9aa8-4c48-8aa9-13141c144232
Marco Cassio Sceva, centurione di Cesare, si battè fino allo stremo durante la battaglia di Durazzo del 48 a.C. contro i pompeiani, che vide i cesariani quasi sul punto di essere sconfitti. Alla fine della battaglia il suo scudo fu portato a Cesare: c'erano ben 120 fori di frecce ma il centurione,...
Post
18/11/2018 22:06:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. scolpireilvento 19 novembre 2018 ore 19:05
    I Romani erano un popolo di Guerrieri, poi si ingentilirono attraverso la cultura etrusca prima e in secondo tempo soprattutto quella greca e alla fine arrivò anche la decadenza e la fiacchezza, come spesso accade quando un popolo raggiunge l'apice, ma alle radici erano uomini veramente duri.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.