così inizio...

02 gennaio 2018 ore 12:32 segnala
Fino a ieri erano tutti sorrisi e strette di mano, passi frettolosi e braccia cariche di pacchi, tappi di prosecco e champagne che saltavano, bollicine che davano alla testa. Stamattina vuoto cosmico, accorgersi che l'ennesimo giorno, e che importa se 2018 o 2017, quello che importa che oggi marted...che fare che ho fatto e che devo fare, innanzitutto spegnere la sveglia, restare ancora a letto e illudersi che il tour de force finito, basta tirare fuori tovaglie, lucidare posate, smacchiare cristalli da lavaggi imperfetti di una lavastoviglie che chiede tregua agitando bandiera bianca,basta fare conti su porzioni e invitati, distruggersi con il dilemma di sempre: meglio qualcosa in pi o fare il giusto senza strafare?
Intanto scorrono le immagini dell'ennesimo tripudio di giorni inutili ma che per tradizione si devono onorare.
Intanto oggi non sai come cominciare questa sonnecchiosa e ventosa giornata, lui mi dorme ancora accanto e io che sogno il mio latte e caff caldo da bere in perfetta solitudine come faccio sempre tutte le mattine, finalmente oggi non devo fare presto.
Cos mi alzo e mi viene una gran voglia di scrivere, prendo il diario e mi accorgo che non scrivo da tanto, quest'anno non ho molto, ma oggi voglio riassumere tutto e scrivere a penna...comincio.
Finalmente le mie famose pagine croccanti, si croccanti, perch quando scrivo godo, prendo la penna e la spingo sul foglio come se stessi solcando un terreno gonfio, scrivo e lascio che l'inchiostro scenda denso e morbido sulla riga bianca che aspetta di essere bagnata, scrivo fino a sfinirmi, assaporo la penna rotonda e grossa tra le dita, quasi mi stanco e penso che non scrivevo da tanto sul mio libro della vira...sfinita mi accorgo che mezzogiorno, intanto intorno a me sono tutti svegli e quasi con vergogna mi ritrovo in mezzo a loro senza pudore, quasi nuda io e il mio diario, e non mi importa se hanno sbirciato...chiudo, mi sento appagata, ma non ho finito..continuo domani..mi piace avevo dimenticato il piacere che si prova a solcare le pagine bianche con l'inchiostro caldo.
Sar che non sono ancora sazia...ma volevo scriverlo anche qui danzando questa volta sui tasti..
Buon anno a tutti!
ef5ad285-5307-4c01-a193-a045bd5bc4c3
Fino a ieri erano tutti sorrisi e strette di mano, passi frettolosi e braccia cariche di pacchi, tappi di prosecco e champagne che saltavano, bollicine che davano alla testa. Stamattina vuoto cosmico, accorgersi che l'ennesimo giorno, e che importa se 2018 o 2017, quello che importa che oggi ...
Post
02/01/2018 12:32:18
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. xspirito.liberox 18 gennaio 2018 ore 11:02
    scrivere e' un po come raccontarsi
    raccontarsi per chi sa leggere fra le righe
    per chi ha la sensibilita' di comprendere ...
    scrivere vuol dire far dono dei propri pensieri
    o volersene un po liberare quando stringono troppo il cuore ..
  2. menoscurone 24 gennaio 2018 ore 12:21
    buon anno anche a te...seppur auguri con ritardo

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.