"Invecchiare è il modo migliore che ho trovato

06 gennaio 2018 ore 16:07 segnala
"Invecchiare è il modo migliore che ho trovato, per vivere più a lungo..."(A. Einstein))

Sembra che, quando si raggiunge una certa età, ogni anno di più diventi come un peso da portarsi addosso, uno svantaggio inevitabile, proprio come se vengano puntati «dei fucili contro» a cui non ci si può sottrarre. Eppure si tratta solo di «qualche piega sulla pelle tua», ma l’animo della persona resta intatto, sebbene si tende a pensare più di quanto si parla («i pensieri tolgono / il posto alle parole»), perché la paura di restare soli ed essere abbandonati è forte («sguardi bassi alla paura / di ritrovarsi soli»). È una fase della vita in cui ci si consola con i propri ricordi, con la consapevolezza che la propria esistenza la si è già vissuta («e la curva dei tuoi giorni / non è più in salita / Scendi piano / dai ricordi in giù»).

Essere etichettati come trascurabili soltanto per la propria età anagrafica è degradante, fa persino rabbia («ti chiameranno vecchio / E tutta la tua rabbia viene su»); si vorrebbe ancora crescere come persone, dire la propria, esprimersi («vecchio sì / Con quello che hai da dire»), ed essere ascoltati in quanto persone, «ma vali quattro lire / dovresti già morire», perché ormai si è considerati al capolinea e «tempo non ce n’è più / Non te ne danno più».

Spalle al muro R.Zero
788339fe-025b-4b2b-9e60-7251fb1588a6
"Invecchiare è il modo migliore che ho trovato, per vivere più a lungo..."(A. Einstein)) « video » Sembra che, quando si raggiunge una certa età, ogni anno di più diventi come un peso da portarsi addosso, uno svantaggio inevitabile, proprio come se vengano puntati «dei fucili contro» a cui non ci...
Post
06/01/2018 16:07:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Attento a ciò che desideri... ..perchè potresti ottenerlo.

01 gennaio 2018 ore 16:39 segnala
Attento a ciò che desideri...
..perchè potresti ottenerlo.

C’è chi li realizza senza fatica, chi li vede passare come un tram che non riesce a prendere e chi pensa che debbano rimanere tali. Sono i desideri.

Nel III secolo a. C. Epicuro scriveva: "Per ogni desiderio ci si deve porre questa domanda: che cosa accadrà se il desiderio sarà esaudito, e che cosa se non lo sarà?"

Un altro filosofo dell'antichità, di cui non ricordo il nome, era convinto che "se tutti i desideri degli uomini potessero nello stesso momento essere esauditi, allora non esisterebbe più un solo uomo felice sulla faccia della terra".

Anche Oscar Wilde la pensava così: "Ci sono due tragedie nella vita: la prima è non riuscire a soddisfare i propri desideri, la seconda è riuscirci."

...i Metallica cantano "Careful what you wish, Careful what you say, Careful what you wish, you may regret it.. Careful what you wish, you just might get it "(Attento a ciò che desideri, Attento a ciò che dici , Attento a ciò che vuoi, Potresti pentirtene, Attento a ciò che vuoi, Potresti averlo)

Lo slogan del Film "Coraline" è "Be careful what you wish for" e addirittura Brandon Lee nel film "il Corvo" ci ammonisce dicendo "Devi stare attento a ciò che desideri, potresti ottenerlo"

Ancora.. Wilde: "quando Dio vuole punirci, esaudisce i nostri desideri, anche quelli migliori... "

E infine questo è quello che afferma Lacan (dal film "The life of David Gale"): " le fantasie non devono essere mai realistiche" poiché nel momento in cui otteniamo quello che cerchiamo, non lo vogliamo, non possiamo volerlo più;
Per poter continuare ad esistere, il desiderio deve avere i suoi oggetti.. eternamente... assenti.

Tratto dal film "The life of David Gale"

E.. non è "quella cosa" che noi vogliamo, ma la fantasia di quella cosa;
quindi il desiderio alimenta solo fantasie utopistiche.

Questo è ciò che intende Pascal quando dice che "Noi siamo veramente felici solo quando sogniamo ad occhi aperti la futura felicità"... o perché diciamo "Vale più la caccia che la preda" o "Sta attento a quello che desideri, non perché lo otterrai, ma perché sei destinato a non volerlo più una volta ottenuto"

Quindi l'insegnamento di Lacan é che vivere secondo i desideri non vi renderà mai felici.

Per essere pienamente umani bisogna cercare di vivere secondo le nostre idee e i nostri ideali, non certo misurando la vita in base a quanto avete raggiunto di quello desideravate, ma in base ai piccoli momenti di integrità, compassione, razionalità, a volte anche di sacrificio.

Perché alla fine, se vogliamo davvero misurare il significato della nostra vita, dobbiamo dare valore alla vita degli altri".
Ma davvero è così “rischioso” sperare che un desiderio si realizzi??

Si? E allora? cosa vogliamo fare?
Dai! Smettiamo tutti di sognare e di desiderare così non resteremo mai delusi!!

Facile No.?
FOLLE!

Io, smettere di desiderare?… Io, smettere di sognare?? Ahahah!!
Ohi!! Ma io sono fatta della stessa sostanza dei sogni!! Rinunciare a sognare significherebbe rinunciare a vivere!!
Rimarrò delusa? E Pazienza! Lo sono stata tante volte! Quel che non mi uccide mi renderà più forte.. magari migliore, vero Luca? ;-)

E poi come dice Paulo Coelho "Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni"
I sogni e i desideri ci aiutano a vivere, ci danno la forza di compiere scelte e prendere decisioni…
I sogni ci danno coraggio, speranza, fiducia…

Ci vuole coraggio a sognare, a desiderare qualcosa di grandioso.
Ci vuole coraggio ad amare i propri sogni e i propri desideri a tal punto da mescolarli al proprio cuore e alla propria anima, pur sapendo che ci sono alte probabilità di delusione.
Ci vuole coraggio anche ad accettare che a volte si può rimanere disillusi dalle nostre aspettative.
Su questo punto avrei una cosa da dire .. ma ne parliamo la prossima volta.

Ora vi lascio dicendovi: SOGNATE! DESIDERATE!
Correte il rischio di trasformare i vostri sogni in desideri, i desideri in progetti, e i progetti in realtà... esigete un mondo all’altezza dei vostri sogni!

Io lo farò! Si.. Si.. Chiaro…con i piedi ben saldi per terra… sognatrice si, ma anche razionale.
2df97c95-0572-4118-9755-2f803be733b0
Attento a ciò che desideri... ..perchè potresti ottenerlo. C’è chi li realizza senza fatica, chi li vede passare come un tram che non riesce a prendere e chi pensa che debbano rimanere tali. Sono i desideri. Nel III secolo a. C. Epicuro scriveva: "Per ogni desiderio ci si deve porre questa...
Post
01/01/2018 16:39:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    2

I bambini di corten

28 dicembre 2017 ore 14:25 segnala
“Salve sono un Mac! E io un PC!” dicono i due attori imitando la famosa pubblicità dei prodotti Apple, ma a differenza degli spot originali la coppia scopre di avere in effetti qualcosa in comune: gli apparecchi sono costruiti usando i metalli provenienti dalle aree di guerra dei paesi più disagiati dell’Africa. L’annuncio pubblicitario è stato realizzato da Raise Hope for Congo per ricordare a chi acquista prodotti tecnologici che alcuni componenti dei loro computer e cellulari potrebbero contenere minerali “insanguinati”, come i “blood diamond” (il commercio di diamanti usato per finanziare le guerre africane).

I minerali utilizzati per i componenti dei PC e degli smartphone provengono spesso dal Congo e da altre zone di violenza.

Uno dei più brutti paradossi del ventunesimo secolo è che alcuni dei simboli più eleganti della modernità – come smartphone, laptop e fotocamere digitali – sono costruiti con minerali che sembra riforniscano le grandi uccisioni di massa e gli stupri in Congo. Vista la ressa di persone in attesa in fila negli ultimi giorni per acquistare l’ultimo modello dell’iPhone, ho pensato: che cosa potremmo fare per sfruttare questa fame per le nuove tecnologie e aiutare a contrastare le stragi nell’Africa centrale? Non mi sono mai occupato di una guerra peggiore di quella del Congo, e mi ossessiona. In Congo, ho visto donne mutilate, bambini forzati a mangiare la carne dei loro genitori, ragazze vittime di stupri e distrutte nel loro io. I signori della guerra finanziano parte delle loro scorribande attraverso la vendita di minerali grezzi contenenti tantalio, tungsteno, stagno e oro. Per esempio, il tantalio dal Congo viene utilizzato per costruire i condensatori che vengono utilizzati nei telefoni, nei computer e nelle console dei videogiochi.

Ecco io sono il tuo smatphone

«Apple e gli altri produttori fanno affidamento sui loro fornitori per sapere se i minerali provengano o meno dal Congo. Credete davvero che i fornitori dicano la verità? Naturalmente non lo fanno».
bf8fe5ef-f1f7-469b-80da-4d3caa72a186
“Salve sono un Mac! E io un PC!” dicono i due attori imitando la famosa pubblicità dei prodotti Apple, ma a differenza degli spot originali la coppia scopre di avere in effetti qualcosa in comune: gli apparecchi sono costruiti usando i metalli provenienti dalle aree di guerra dei paesi più...
Post
28/12/2017 14:25:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

perche' liberi sognatori?

26 dicembre 2017 ore 12:43 segnala
Riprendo tutto da capo,ho intitolato il mio blog liberi sognatori! Liberi sognatori prende spunto dalle idee di 4 persone che non hanno mai smesso di sognare per la verita' e per le loro idee.

Libero Grassi, Renata Fonte, Mario Francese e Emanuela Loi saranno ricordati in quattro film della durata di cento minuti ciascuno, per permettere al grande pubblico di conoscere la vita di uomini che hanno pagato con la vita i loro ideali di onestà e verità.


Tutti liberi,tutti sognatori di un mondo migliore,libero da ricatti,libero da imposizioni,liberi di sognare,perche' un sogno e' un desiderio da realizzare. Ognuno di loro aveva un sogno Libero--Renato --Mario --Emanuela e tutti noi ne abbiamo ,ognuno a proprio modo vorrebbe realizzare un desiderio,un sogno..

Libero Grassi fu un imprenditore siciliano del settore tessile, ucciso dalla mafia il 29 agosto del 1991, esattamente 25 anni fa, per aver rifiutato di pagare il pizzo e per aver denunciato i suoi estorsori.

Il 31 marzo 1984 a Nardò (Lecce) due sicari uccidono con tre colpi di pistola Renata Fonte mentre ritornava nella sua abitazione. Dai tre livelli di giudizio sono stati individuati e condannati gli esecutori materiali, Giuseppe Durante e Marcello My, gli intermediari, Mario Cesari e Pantaleo Sequestro, e il mandante di primo livello, Antonio Spagnolo. Quest'ultimo, collega di partito di Renata e primo dei non eletti alle elezioni amministrative, avrebbe dato ordine di uccidere per risentimento nei confronti di Renata Fonte, ma questa affermazione è contestata.

Accanto ad una avversione personale di Spagnolo, la sentenza di primo grado della Corte d'Assise di Lecce dichiara la presenza di ulteriori personaggi, non identificati, che avrebbero avuto obiettivi non raggiungibili con l'elezione di Renata Fonte. Nello specifico, si ipotizza (come nel film "La posta in gioco") che Renata Fonte con la sua attività di difesa del territorio abbia potuto impedire la realizzazione di forti guadagni mediante speculazioni edilizie nell'area del parco di Porto Selvaggio, oggi dichiarato Parco naturale regionale insieme alla Palude del Capitano.

Risulta non del tutto conosciuto il movente dell'assassinio, ma l'ipotesi più accettata rimane quella di aver impedito la speculazione edilizia nel territorio di Porto Selvaggio.

Mario Francese (Siracusa, 6 febbraio 1925 – Palermo, 26 gennaio 1979) è stato un giornalista italiano, vittima di mafia.


Emanuela Loi (Sestu, 9 ottobre 1967 – Palermo, 19 luglio 1992) è stata un'agente di Polizia italiana, morta nella Strage di via D'Amelio (attentato di cosa nostra a Paolo Borsellino).

Fu la prima agente donna della Polizia di Stato a restare uccisa in servizio.

Morire per la verita' e la giustizia non sara' mai una morte inutile
7e2bbf6d-44fe-4e5e-b902-6aa34a81daae
Riprendo tutto da capo,ho intitolato il mio blog liberi sognatori! Liberi sognatori prende spunto dalle idee di 4 persone che non hanno mai smesso di sognare per la verita' e per le loro idee. http://funkyimg.com/view/2ADsb Libero Grassi, Renata Fonte, Mario Francese e Emanuela Loi saranno...
Post
26/12/2017 12:43:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    2