“Pecché m’aggia ‘nguaià?

15 aprile 2018 ore 14:37 segnala
0GGI 15 aprile 1967 veniva a mancare un grande con cui abbiamo riso,abbiamo imparato lezioni di vita,ci ha lasciato la sua grande voglia di amare una delle piu' belle citta' italiane NAPOLI...

Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio Gagliardi Focas di Tertiveri (brevemente Antonio de Curtis, in arte TOTO'..

E' stato un artista italiano.
Attore simbolo dello spettacolo comico in Italia,
soprannominato «il principe della risata»,
è considerato, anche in virtù di alcuni suoi ruoli drammatici,
uno dei maggiori interpreti nella storia del teatro
e del cinema italiani, campi dove si affermò particolarmente,
ma si distinse anche al di fuori della recitazione,
lasciando contributi come drammaturgo,
poeta, paroliere, cantante.

Maschera nel solco della tradizione
della commedia dell'arte,
accostato a comici come Buster Keaton
e Charlie Chaplin, ma anche ai fratelli Marx e a Ettore Petrolini,
adoperò una propria unicità interpretativa,
che risaltava sia in copioni puramente brillanti,
sia in parti più impegnate, sulle quali si orientò
soprattutto verso la fine della carriera.

Totò spaziò dal teatro (con oltre 50 titoli) al cinema
(con 97 pellicole) e alla televisione
(con 9 telefilm e vari sketch pubblicitari).
I suoi film, visti da oltre 270 milioni di spettatori,
(un primato nella storia del cinema italiano),
riscuotono ancora oggi grande successo,
e talune sue battute e gag sono diventate perifrasi
entrate nel linguaggio comune.
Concluse la sua vita in condizioni di quasi cecità
a causa di una grave forma di corioretinite
probabilmente aggravata dalla lunga esposizione
ai fari di scena.

« Al mio funerale sarà bello assai
perché ci saranno parole, paroloni,
elogi, mi scopriranno un grande attore:
perché questo è un bellissimo paese,
in cui però per venire riconosciuti qualcosa,
bisogna morire. »

(Franca Faldini, citando le parole del compagno Totò
Antonio De Curtis, in arte Totò)

“Pecché m’aggia ‘nguaià? / M’aggia spusà ‘na femmena / ca nun saccio chi è…”. Titolo della poesia, ‘O matrimonio. Tema, l’atteggiamento canzonatorio di un «ommo anziane», scapolo impenitente, di fronte alle nozze auspicate da mammà

‘O matrimonio

M ò songhe n’ommo anziane:

stonghe ‘nzurdenno ‘e recchie

e ‘a vista s’alluntana!

Ero ‘nu schiavuttiello:

mo songhe fumo ‘e Londra!

Zumpavo ‘a campaniello

e mò tutto me và contro.


S’allasca la memoria…

me scordo tutte cosa:

me faccio ‘o promemoria

si voglio fà quaccosa!

Mammà mi disse: «Sposati,

ormaie tiene ll’età!»

E m’abboffano ‘e chiacchiere

assieme ‘cu papà;


ma io songhe cuntrario,

nun me voglio ‘nzurà!

‘ J tengo tanta esempie,

pecche m’aggià ‘nguaià?

M’aggia spusà ‘na femmena

ca nun saccio chi è…

M’aggià ‘ngullà n’estranea… Chi m”o fa fà e pecchè?


Sapimmo ‘o matrimonio ch’effetto me pò fà?

E si caccio nu vizio

‘a chi ‘o vaco ‘a cuntà?

Può essere maniaca sessuale

e in una notte tragica

me pò fa pure ‘a pella…

‘A chi vaco ‘a recorrere?

‘O conto ‘a don Guanella?

‘J ‘a notte sò sensibile,

me pozzo scetà ‘e botto…

me veco chesta estranea

‘ca se fà sotto sotto!

Mettiamo un giorno a tavola pranzanno, st’assassina,

me mette ‘e barbiturice

dint”o bicchiere ‘e vino
8aceba12-4370-4303-ba01-49ed5cd50519
0GGI 15 aprile 1967 veniva a mancare un grande con cui abbiamo riso,abbiamo imparato lezioni di vita,ci ha lasciato la sua grande voglia di amare una delle piu' belle citta' italiane NAPOLI... Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio Gagliardi...
Post
15/04/2018 14:37:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. AbbaZuzzu09 15 aprile 2018 ore 15:55
    :rosa :rosa
  2. friar 15 aprile 2018 ore 19:38
    Ieri ho saputo una cosa inedita su alcuni suoi film fatti con Peppino De Filippo. Questi film, veri capolavori, lo sceneggiatore (mai menzionat) era Eduardo De Filippo. Era un accordo a tre tra De Laurentis, Peppino e Eduardo, ecco perché nei film di Totò e Peppino non è mai comparso il nome dello sceneggiatore. Praticamente De Laurentis finanziava in questo modo il Teatro San Ferdinando di proprietà di Eduardo De Filippo. Questa cosa è stata raccontata da Luigi De Filippo a suo cognato, l'avvocato Tibaldi, mio concittadino. A stringere questo patto era assente Totò. Peppino si assicurò di essere lui la spalla di Totò.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.