Passare oltre a tutto ciò... Ma, chi li piangerà?

02 marzo 2018 ore 19:15 segnala


Questa ondata di freddo, al suo passaggio ha lasciato una scia di morti. Sono i senzatetto.
In Europa più di cinquanta clochard sono morti di freddo, tra cui uno a Milano e uno a Ferrara. Non è possibile che in un mondo che si considera civile, lasci degli esseri umani perire così soli e senza risorse per la loro vita. Il mondo porge lo sguardo da un'altra parte, piccoli trafiletti giornalistici che si leggono e si va oltre.


Storie di solitudini che nessuno conosce, che per la società sono invisibili. La beneficenza non basta, sono solo elemosine che non risolvono la loro vita. Dove sono i familiari? Chi li piange? E perchè lo stato permette che si riducano così? Domande senza risposta che non fa notizia, per cui se ne sono andati così in silenzio in una notte gelida dopo una vita di stenti.



Voglio solo credere che la loro anima abbia bussato ad una porta che si sia spalancata a loro conducendoli in un posto migliore di questo. Tutto questo dovrebbe far pensare tutti noi.


315fa2a1-21c2-457c-bdf0-e249abef1492
« immagine » Questa ondata di freddo, al suo passaggio ha lasciato una scia di morti. Sono i senzatetto. In Europa più di cinquanta clochard sono morti di freddo, tra cui uno a Milano e uno a Ferrara. Non è possibile che in un mondo che si considera civile, lasci degli esseri umani perire così so...
Post
02/03/2018 19:15:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. Relax.Beach 02 marzo 2018 ore 19:42
    Uno stato che si dica civile non può permettere che delle persone siano ridotte così, e sono molti che non hanno scelto questa vita, ma sono stati costretti da questa società che trita tutto, perdendo il lavoro e perdendo gli affetti, non trova altre alternative.
  2. vagarsenzameta 02 marzo 2018 ore 22:10
    Bellissimo e toccante,spesso la nostra insensibilità verso certe persone è il vero abisso che ci rende anonimi e tristemente falsi. :rosa
  3. ninfeadelnilo 03 marzo 2018 ore 16:09
    @Relax.Beach: Quello che mi rattrista è l'impotenza contro un sistema sbagliato. Uno stato che non aiuta i sui cittadini più deboli. Non c'è competenza e se qualcuno è all'altezza, viene inghiottito dalla negligenza comune. Sono sempre in crescita i nuovi poveri proprio perchè non siamo tutelati ma solo derubati di tutti i nostri diritti. Le elezioni vorrei capire a cosa servono. Solo a passare da un ladro all'altro. Siamo tutti sfiduciati e arrabbiati. Solo un miracolo può cambiare le cose. :-(
  4. ninfeadelnilo 03 marzo 2018 ore 16:17
    @vagarsenzameta: Hai perfettamente ragione, ognuno di noi si sente colpevole di non poter fare nulla. Io stessa mi vergogno di essere italiana, anche se tutto ciò accade in molti altri paesi. La falsità è nel genere umano rendendo il sistema disumano. :rosa
  5. Relax.Beach 03 marzo 2018 ore 16:55
    Francamente anche io ho difficoltà a scegliere tra chi votare, ma ci andrò più che per il dovere, per esercitare un mio diritto, non sono un credulone che s'imbocca quello che ti raccontano, ma ognuno di quelli che sono candidati hanno delle cose che per me possono andare bene ed altre che rovinano le prime, tranne uno a cui non crederò mai perché le spara troppo grosse.
  6. vagarsenzameta 03 marzo 2018 ore 17:04
    Sono persone che in fondo hanno moltissima umanità ed è un vero rompicapo il fatto che debbano essere proprio loro a pagare con una vita disumana mentre al contrario uomini ignobili governano il sistema e godono di vite peien di premi
    e comodità.....c'è da darsi molto da fare se vogliamo cambiare le cose,lo stato
    i governi e gli enti alla fine vanno sempre verso dove c'è il profitto e non
    guardano a certe categorie di persone che per lo più sono scartate a priori da tutti con indifferenza.Anche io mi vergogno di me,e francamente mi sento
    impotente....e incapace di puntare la rabbia verso la causa di certe ingiustizie perché è quasi impossibile individuarla.
  7. ninfeadelnilo 03 marzo 2018 ore 17:51
    @Relax.Beach: Immagino chi.... :-) Promettere non costa niente, so solo che sono sempre gli stessi che si passano la palla e durante il loro mandato si gonfiano le tasche e dopo arrivederci. Sarebbe ora di fare i fatti e tornare a poter vivere tutti serenamente, solo allora si tornerà a votare tutti fiduciosi. Finchè vedrò poveri per le strade e l'impoverimento della popolazione mi asterrò al voto. Facevano bene i francesi con le barricate. Se dobbiamo tornare indietro almeno torniamoci come si deve in piazza. Buon pomeriggio.
  8. Relax.Beach 03 marzo 2018 ore 18:03
    Promettono perché nessuno di loro avrà una maggioranza tale da poter governare da soli, per cui non avranno la possibilità di mantenere le promesse, e se mai si mettessero con altri avrebbero la scusa che se non l'hanno fatto e perché gli altri non glie lo hanno concesso. Beh stiamo a vedere che cosa riusciranno a combinare.
  9. ninfeadelnilo 03 marzo 2018 ore 18:04
    @vagarsenzameta: Ci rimettono i più deboli, e più sfortunati. Il lavoro è la dignità dell'essere umano. Ma lo stato toglie anche quello. Abolire l'art. 18 è stato uno dei peggiori errori, permettendo alle aziende di sfruttare e schiavizzare i lavoratori, guarda quanti licenziamenti e famiglie sulla strada. Anche se poi ci sono dei lavoratori che si approfittano dei privilegi, non sempre sul posto di lavoro. Come anche chi evade le tasse perchè uno stato ladro prende più del dovuto. E' tutto un sistema che si rivolta senza via d'uscita. Ecco poi come ci riduciamo. Siamo tutti colpevoli. E le persone buone sono le prime a pagare. Il discorso è troppo lungo e contorto, il bando della matassa ce l'abbiamo tutti noi con il nostro comportamento sbagliato. Buon pomeriggio. :rosa
  10. ninfeadelnilo 03 marzo 2018 ore 18:08
    @Relax.Beach: Incrociamo le dita positivamente, chissà che il miracolo accada. :-)
  11. tulipanoner.0 03 marzo 2018 ore 18:43
    Ribadisco, i poveri non dovrebbero esserci.
  12. ninfeadelnilo 03 marzo 2018 ore 18:45
    @tulipanoner.0: Pienamente d'accordo. Ancora grazie. :-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.