per te anche se nn leggerai mai

18 gennaio 2017 ore 23:39 segnala
Ti ho sempre amata. Ti ho amata sin dal primo momento in cui ti ho vista, anche se non credo nell'amore a prima vista, e ti ho amata anche quando è tutto finito, anche se non posso dare una fine ad un sentimento che continua a vivermi dentro, in modo latente, nascosto, per poi farsi risentire quando ti vedo. Ti ho sempre amata e amata sempre, come se fosse il mio hobby preferito, quello che pratichi in modo costante senza mai lasciarlo andare. Ti ho amata per ogni più piccola cosa, ma davvero la più insignificante, all'apparenza, come il tuo scrutarmi da lontano, il tuo sorridermi quando ti guardavo, i tuoi abbracci ogni volta che ne avevo bisogno, i tuoi baci così dolci e delicati, il tuo regalo di compleanno, il mio voler partire il più tardi possibile per star con te, più tempo possibile. Ti ho amata soprattutto nei dettagli, nelle piccolezze, nelle più piccole forme d'attenzione che mi dedicavi, perché erano quelle a rendermi felice. Ti ho amata quando eravamo terribilmente felici assieme e anche quando non lo eravamo. Ti ho amata quando ne ho avuto più bisogno io e un po’ meno quando ne avevi bisogno tu. Ma ti ho comunque amata sempre, anche quando pensavi che non lo facessi, anche quando io ero convinto di non farlo più, in realtà ti ho amato con la stessa intensità di sempre, che man mano cresceva e si espandeva dentro di me; e più aumentava di volume e forza e più cercavo di soffocarlo, questo amore, ma non me ne sono mai separato del tutto. Mi autoconvincevo di non amarti più perché tu non mi ricambiavi, e invece nel mio stesso convincimento c'era una sorta di amore che trapelava da ogni negazione fatta ad occhi bassi, i denti stretti che mordevano le labbra, e il suono ripetitivo e invadente nella mia testa che, invece, faceva: “lo la  amo, la amo ancora”. Ti ho amata, per assurdo, quando mi facevi più male. Ti ho amata, sì, quando mi facevi sorridere fino ad avere lacrime di gioia, ma ti ho amata di più quando mi facevi provare il dolore, la rabbia, il timore di perderti e di non provarli più quei meravigliosi baci. Ti ho amata nei tuoi e nei miei difetti. Ti ho amato con le gambe molli, le sigarette, l'alcool, le sere a ballare con sconosciuti che mi ricordassero te in qualche modo; ti ho amata nelle canzoni che rimandavano a te e ai nostri ricordi e alle immagini che si creavano nella mia testa quando provavo a non pensarti e invece più ci provavo e più ,invece, mi innamoravo. Ti ho amata, credo, in tutti i modi possibi, il mio amore rimaneva sempre forte, sempre determinato, insistente, quasi ossessivo. E mi chiedo se possa esserci mai una fine a quest'amore, perché anche se ora parlo al passato ci sono ancora le volte in cui ti guardo e mi scoppia il cuore nel petto, perché non sono ancora capace di resistere ai tuoi occhi e al tuo sorriso, e a tutte quelle piccole attenzioni che non so se me le dedichi davvero o esistono solo nella mia testa. So solo che ti ho amata e ti amo ancora perdutamente; come prima e come sempre, ti amo e non posso farci niente.”
bf94c90a-f0b5-4778-87e3-97b25063a885
Ti ho sempre amata. Ti ho amata sin dal primo momento in cui ti ho vista, anche se non credo nell'amore a prima vista, e ti ho amata anche quando è tutto finito, anche se non posso dare una fine ad un sentimento che continua a vivermi dentro, in modo latente, nascosto, per poi farsi risentire...
Post
18/01/2017 23:39:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7

Commenti

  1. vagarsenzameta 19 gennaio 2017 ore 09:18
    Complimenti bella casa e bel porch.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.