Paura della solitudine...

09 giugno 2020 ore 08:52 segnala


Per alcuni, la solitudine è sinonimo di tranquillità e maturità...x altri, significa tristezza e abbandono... Io , di persona, ho paura di essere totalmente sola perché, nel mio profondo e x quanto pazzesca sembra la cosa, penso che se nessuno se ne accorge della mia esistenza, smetterò di esistere...semplice come scabroso...

Nella mia sventura di questi anni. ho già un problema con questa sensazione di sentirmi ignorata o abbandonata dalle persone che amo e dagli operatori sociali che dovrebbero vegliare, secondo loro, x la mia salute. Se nn c’è nessuno con me ad un certo punto, il mio modo di ragionare è pensare che se qualcuno volesse stare con me e farmi compagnia lo farebbe e basta.. allora dal momento che nn c’è nessuno, mi fa pensare che nessuno vuole stare con me....Poi c’è anche la questione che se non c'è qualcuno con cui parlare, alla fine finirò x parlare con me stessa, e nn voglio farlo, almeno nn sempre, perchè tutti bisogniamo confrontarci com gli altri e alla fine parlare con te stessa davanti allo specchio nn è che sia il massimo...

Essere sola soletta in un percorso doloroso è pericoloso x la mia vita, mi fa venire la pelle d’oca, x la sensazione e il dubbio di sentirmi isolata provoca paura , molta paura...ed ê vero che a livello esistenziale inizi col pensare che a nessuno gliene frega un cazzo che tu esista, è cominci a sentirti di nn esserci....di essere diventata un fantasma o zombi che sia..e ti senti incompresa e incapace di avvicinarti agli altri...perché se gli altri riconoscessero che tu esisti, identifichi il tuo posto nel mondo e che la propria vita ha più significati, che ha un impatto, un valore, un regalo. Per chi è solo in una guerra personale o quella che fose, Sentirsi soli significa perdersi nel baratro della dimenticanza..nel suicidio puro e crudo.

la solitudine è un'arma di doppio taglio...e va a seconda della persona, la solitudine può essere un'opportunità x stare con te stessa, passare il tempo in relax e crescere come persona... ma d'altro camto, può portarti a prendere decisioni sbagliate come cadere in una dipendenza o decisione fatale...perche nn sentirai il sostegno degli altri e sarà Dura e più probabile, ad esempio, consumare droghe o alcol, ( nn è il mio caso chiarisco subito eh) . Ma x quando tutto va bene ti perdi nel tuo mondo creativo interiore, ma quando sei triste e le cose vanno male, ancora rimani rinchiuso dentro te e nn esci ne parli con nessuno, allora quel bellissimo mondo interiore che ti sei creata, diventa un mondo triste e depresso da cui vorresti scappare.

d1b506b9-906a-42a3-88cd-6f1f477123ba
« immagine » Per alcuni, la solitudine è sinonimo di tranquillità e maturità...x altri, significa tristezza e abbandono... Io , di persona, ho paura di essere totalmente sola perché, nel mio profondo e x quanto pazzesca la cosa, penso che se nessuno se ne accorge della mia esistenza, smetterò di ...
Post
09/06/2020 08:52:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10

Commenti

  1. ombra.dargento 09 giugno 2020 ore 11:40
    In una calda notte di luglio di tanto tempo fa, un lupo, seduto sulla cima di un monte, ululava a più non posso. In cielo splendeva una sottile falce di Luna che ogni tanto giocava a nascondersi dietro soffici nuvole o danzava tra esse, armoniosa e lieve. Gli ululati del lupo erano lunghi, ripetuti, disperati. In breve arrivarono fino all'argentea regina della notte che, alquanto infastidita da tutto quel baccano, gli chiese: "Cos'hai da urlare tanto? Perché non la smetti almeno per un po'?" "Ho perso uno dei miei figli, il lupacchiotto più piccolo della mia cucciolata. Sono disperato... aiutami!", rispose il lupo.
    La luna allora cominciò lentamente a gonfiarsi. E si gonfio, si gonfiò, si gonfiò fino a diventare una grossa, luminosissima palla. "Guarda se riesci ora a ritrovare il tuo lupacchiotto", disse, dolcemente partecipe, al lupo in pena.
    Il piccolo fu visto, tremante di freddo e di paura sull'orlo di un precipizio. Con un gran balzo il padre afferrò il figlio, lo strinse forte forte a sé e, felice ed emozionato, ringraziò mille e mille volte la Luna. Poi sparirono tra il folto della vegetazione. Per premiare la bontà della Luna, le fate dei boschi le fecero un bellissimo regalo: ogni trenta giorni può ridiventare tonda, grossa e luminosa e i cuccioli del mondo intero, alzando nella notte gli occhi al cielo, possono ammirarla in tutto il suo splendore. I lupi lo sanno... e ululano festosi alla Luna piena. (Leggenda nativi americani)

    quando ci perdiamo nel bosco, anche se non ce ne rendiamo conto, qualcuno sente la nostra mancanza e ci viene a cercare... non dimenticarlo mai! :rosa
  2. SandMan.68 09 giugno 2020 ore 12:02
    Condivisibile. Ho bramato la solitudine, l'ho ottenuta, è stato bello ed è stato brutto: a volte era impagabile stare soli con se stessi, altre volte era "mortale". Poi vi ho rinunciato di nuovo e adesso..... a volte mi manca.
    Però capisco quello che vuoi dire.....
  3. fataindiavolata 09 giugno 2020 ore 12:02
    a volte star soli serve, si riflette , si realizza , si capiscono tante cose, ma ci sono dei momenti che avere una persona con cui parlare o che ci stia solo vicina ci aiuta ancor di più. Io sono una persona alquanto riservata, ascolto gli altri ma non parlo mai dei miei "problemi" o delle mie angosce, preferisco sempre magari sbagliando chiudermi in me stessa.
  4. No.moredrama 09 giugno 2020 ore 12:47
    Grazie amici per le vostre parole, vi ammiro e leggo sempre.
    Fata, ti stimo perche sei una dolcezza di donna, adoro le tue poesie eleganti ma realistiche. Ombra di argento, che dire, sei una DONNA con le maiuscole, un’anima limpida che ama, cura e ha rispetto per la natura eo suoi animali... cuori come il tuo nn si trovano facilmente... sadman68, grazie gentiluomo per le rue parole, vedo che come hai vissuto il bello e brutto della solitudine... spero che oggi ti vada meglio. Ciao amici, compagni di blog, vi saluti con affetto. :batabacio
  5. fataindiavolata 09 giugno 2020 ore 12:48
    grazie cara :kissy
  6. kavalierbrivido 09 giugno 2020 ore 14:17
    non sei sola cara, ti sembra di esserlo perchè vedi tutto nero ma sei circondata dal bene anche se non è troppo evidente, soprattutto c'è qualcuno che non ti molla mai, il tuo angelo e Dio che rappresenta. Non sentirti sola, non lo sei, e tutte le volte che magari ne senti il peso, l'ansia, l'angoscia tu chiama piano come diceva una canzone e vedrai animarsi il deserto di fiori e corsi d'acqua. tvb
  7. yoqu.iero 09 giugno 2020 ore 15:10
    La solitudine è brutta per tutti è distruttiva per l'anima ed il corpo ne risente. Ma ci sono gli amici su cui si può sempre confidare e trovare un sostegno
  8. No.moredrama 09 giugno 2020 ore 15:15
    Vi voglio bene , yoqui.ero e Sergio. Siete e sarete nel mio cuore come un grato ricordo del mio passaggio per il blog di chatta.
  9. yoqu.iero 09 giugno 2020 ore 15:16
    Grazie. Se ti fa piacere puoi contattarmi. Non chiedo nulla oltre l'amicizia
  10. No.moredrama 09 giugno 2020 ore 15:17
    Smack nella tua guancetta
  11. yoqu.iero 09 giugno 2020 ore 15:18
    Grazie, sei gentilissima e dolcissima
  12. leggendolamano 09 giugno 2020 ore 16:14
    La solitudine non è un mostro di cui aver paura, la solitudine è una fata che ti consente di ritrovare te stessa/o, cheti accarezza nei momenti in cui il tourbillon del mondo esterno sembra soverchiarti.
    La solitudine chiede solo di essere ascoltata e compresa perchè solo allora la potri abbandonare senza rimpianti pronta ad affrontare il mondo nella sua poliedricità cosiente che , a richiesta, lei (la solitudine) saprà sempre accoglierti fra le su braccia.
  13. rigoberta 09 giugno 2020 ore 16:17
    La solitudine per me è come una fonte di vita, parlare mi resta difficile il commentere i tuoi post ancora di più, ho neccessità di stare sola con la musica in cuffia cercando di dimenticare la futilità delle parole.
  14. vorreirinascereneve 09 giugno 2020 ore 21:24
    Sì, esistono diverse forme di solitudine e come ogni cosa, di per sè ha la sua forma di buio e di luce. Ho sempre pensato che la solitudine possa essere anche accettata per capire e conoscere noi stessi, perché permette di dare spazio a tante meravigliose sfumature interiori, ma dopo averne vissuto anche le aridità, rimango stordito, rimango abbandonato ad essa... per dirla in parole povere, più uno ci sta dentro e più uno ci si attacca, e la mia più grande paura è proprio quella di non riuscire a lasciarla andare via per vivere davvero ciò che sta al di fuori. Speriamo di riuscire a superare le nostre paure e far rifiorire di luce i nostri mondi. Buona serata!
  15. No.moredrama 09 giugno 2020 ore 21:39
    Vorreirinascereneve, un :cuore speciale per te , perché sei per me molto molto apprezzato. Fai parte di una bella generazione di bloggers, anni dolci e divertenti commentando nei blog, che tutto ti vada bene caro mio, tvb ti stimo davvero e ti ricordo ancora, grazie per il commento, besitos chico lindo,
  16. yoqu.iero 09 giugno 2020 ore 21:56
    Contattami. Potremo chiacchierare in amicizia.
  17. Elazar 14 giugno 2020 ore 00:20
    Non c'è nessuno. E' una doppia negazione, pensaci un attimo, se NON vi è NESSUNO allora c'è qualcuno. I paradossi delle espressioni nascondono precise verità. Vi è sempre qualcuno. Sempre

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.