Solo di notte

10 marzo 2017 ore 10:36 segnala


Questo è un giorno senza sole, e non serve che ora splenda alto, perchè non ci sarà altro che buio d'ora in avanti.
Non mi appartengo più , se smetti di appartenere smetti anche di essere tuo, è qualcosa di così difficile da spiegare che si corre il rischio di attorcigliare parole su parole in una spirale delirante di cui ora proprio non sento il bisogno, ma continuano a dimenarsi nella mia testa è chiedono insistentemente voce, così o rischiano di esplodere nella mia mente, oppure resisto e racconto di quel giorno.......quel giorno in cui..
Sarà mi aspetta, mi aspetta sempre ed io un po ci gioco con quelle attese, a volte tardo volontariamente proprio per raccogliere quello sguardo un po arrabbiato che non regge mai più dello spazio di un sorriso, quello che subito dopo mi accoglie e che le illumina il viso e gli occhi, perchè Sara sorride sempre ed io spesso mi scopro a pensare che sia un dono, e non so cosa mai abbia potuto fare per meritarmelo .
Quando posso sentire il suo respiro sul viso, mi getta le braccia attorno al collo e mi da un bacio a stampo che se non fosse così plateale sarebbe anche eccitante, io faccio un teatrale gesto a pulirmi le labbra e lei ride con tutto il corpo, ci diamo spesso appuntamento sul terrazzo perchè quello è l'unico posto in cui si possa fumare in pace, sono i soliti 20 minuti di ogni giorno ma sembrano sempre così brevi, veloci, ingiusti, ma in fondo sono sempre ricchi di pezzi di vita e viscerali confessioni, due anni scanditi da un rito ormai irrinunciabile ed in questi due anni è stato impossibile non innamorarmi di lei, la forma peggiore che il mondo conosca, quello che scava giorno dopo giorno ed una notte ti impedisce di addormentarti e va avanti così per almeno una settimana nella quale non sai far altro che chiederti cosa mai stia facendo o pensando, un vero e proprio rincoglionimento fatto di un dolcissimo malessere.
Stà frequentando un ragazzo da qualche mese, ho abbozzato vigliaccamente sperando in silenzio che muoia come è nata, lei mi racconta di questa storia, mi racconta anche di quando fanno l'amore, mi chiede consigli di quelli che può dare solo un uomo, ed io lo faccio, mi mordo le labbra e lo faccio, ed ogni volta lei ride e mi dice che sono un genio, che lo ha fatto impazzire e mi chiede se sono così bravo a metterle anche in pratica queste perle di saggezza erotiche, mentre mi strizza l'occhio ed ammicca provocante, e tutte le volte che lo fa sento i pantaloni esplodermi e mi darei un pugno in faccia da solo per quanto sono stupido.
Ad un tratto sento il vento forte che mi accarezza il viso, i suoi capelli volano leggeri e vedo le sue labbra muoversi, sento le prime parole poi " matrimonio " , " chiesto " , " ed io ho detto si " , è poi non capisco più nulla, mi rimbomba sempre e solo quella parola " matrimonio ", e sento il fegato spappolarsi, il cuore fermarsi, la fronte mi suda, e lei è così felice che non fa altro che saltare come quando la tua ragazza scopre di aver ricevuto un buono di acquisto per quelle scarpe che non vedeva l'ora di comprare.
Ha smesso di sorridere, mi chiede se mi sento bene, no , non stò affatto bene, non sento più le gambe e non le comando nemmeno più, mi muovo e la supero, l'ho persa e non per un mese, un anno, l'ho persa !
Lei si volta e mi guarda, credo abbia capito che la notizia non mi ha entusiasmato, mi chiama, ma io non la sento, sento solo il vento sul viso e la balaustra tra le mani, il ferro è freddo e vi premo lo stomaco contro come se potesse in qualche modo alleviare la sensazione che ho nella pancia, mi muovo e penso e tutto succede in un attimo, non ho nemmeno deciso, è solo successo, non ho nemmeno scelto e sono volato giù.
Non so cosa sia successo dopo, non so se ha urlato se ha pianto se è svenuta, non lo so, prima che potessi riavvicinarmi a lei è passato un po di tempo, ma ho fatto la scelta giusta, perchè ora posso starle accanto, non c'è più sole per me e tutto ora è solo buio, ma ogni volta che scende la sera ed il sole scompare dietro l'orizzonte, posso starle accanto, ho scelto di non andare, ho scelto di restare con lei per tutta la morte .
6dcfe9da-3f13-4bdd-b620-e62b173fd5b4
« immagine » Questo è un giorno senza sole, e non serve che ora splenda alto, perchè non ci sarà altro che buio d'ora in avanti. Non mi appartengo più , se smetti di appartenere smetti anche di essere tuo, è qualcosa di così difficile da spiegare che si corre il rischio di attorcigliare parole su...
Post
10/03/2017 10:36:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.