3 dicembre" Giornata internazionale disabilità"

03 dicembre 2016 ore 18:11 segnala

Il fiore della vita Frida kahlo

Quando gli occhi sono aperti,
il risultato è la vista.
Quando la mente è aperta,
il risultato è la sapienza.
Quando è aperto lo spirito,
il risultato è l’Amore.
Proverbio cinese





:rosa
“Per quanto difficile possa essere la vita, c’è sempre qualcosa che è possibile fare. Guardate le stelle invece dei vostri piedi”...

“Il più grande nemico della Conoscenza non è l’ignoranza, ma l’illusione della Conoscenza.”
Stephen Hawking
:rosa
La disabilità non è una coraggiosa lotta o il coraggio di affrontare le avversità. La disabilità è un’arte. È un modo ingegnoso di vivere”.
Neil Marcus, drammaturgo americano.



Stesso cuore in diversa abilità

Mi domando perché tu e non io
in questa terra a volte straniera
sotto questo cielo a volte in lacrime
ma spesso chiaro nello stupore.
Quante volte hai sorriso alla gente
quante volte hai chiamato tua madre nel sonno piangendo.
Come me ammiri il tramonto
come me sogni un domani che racconti.
Cosa vorresti fare nelle sere fredde
quando magari riusciresti a creare
un momento sereno guardando altri occhi.
Sei una luce rabbiosa e mite
in un prato da mille colori giochi come un bambino
e non hai paura di chi ha paura di te,
attendendo la mia stessa risposta.
Mi domando perché tu e non io

Dante Pagnanelli
da poesie e racconti.it



Sedia a rotelle

Sono immobile eppure mi muovo,
corro, volo, salto,
m’innalzo con la mia fantasia
e raggiungo vette altissime.

Da lì vedo la mia voglia di rivincite,
l’autenticità di essere me stesso,
lontano da quel che sono
ma vicino alla mia pura sensibilità.

A volte vedo gli altri
correre da fermi con i pensieri inariditi,
che fingono di capirmi
con il loro falso compianto
di chi non vola più o, peggio, non ha mai volato.

Dalla mia sedia a ruote spuntano le ali,
faccio capriole nella mente,
mi piaccio e capisco:
che è meglio avere un corpo senza corpo
che una testa senza testa.
Ermanno Eandi


Mondo surreale di Jacek Yerka

Ti porterei nel mio mondo

dove il bene è una sfumatura del male
ove vi è una guerra perenne tra demoni e angeli
dove la luce dell’insicurezza illumina i paesaggi
dove la luce delle stelle illumina le notti
questo mondo è dentro me

Ti porterei con me
per farti vedere che anche nel mio mondo crescono fiori
per farti sentire i pianti dei bambini che nascono anche qui
per mostrarti che anche un angelo ed un demone possono amarsi
per mostrarti quel che c’è dentro me
solo dentro me

Ti porterei con me
per farti sentire il freddo di questo mondo
per farti vedere le distese di ghiaccio di qui
per farti vedere che in queste lande ghiacciate una fiaccola c’è
una piccola luce di speranza c’è
il tepore di questo piccolo fuoco ti farei assaporare
il tepore che è dentro me
solo dentro me

Non potrai mai spegnerlo
perché è dentro me
solo dentro me…


Queste due poesie sono state tratte
dal sito : abilitychannel per una disabilità positiva .

"Non si nomina mai più volentieri, né più volentieri si sente nominare in altro modo chiunque ha qualche riconosciuto difetto o corporale o morale, che pel nome dello stesso difetto. Il sordo, il zoppo, il gobbo, il matto tale. Anzi queste persone non sono ordinariamente chiamate se non con questi nomi, o chiamandole pel nome loro fuor della loro presenza, è ben raro che non vi si ponga quel tale aggiunto. Chiamandole o udendole chiamar così, pare agli uomini d’esser superiori a questi tali, godono dell’immagine del loro difetto, sentono e si ammoniscono in certo modo della propria superiorità, l’amor proprio n’è lusingato e se ne compiace."
Giacomo Leopardi, Zibaldone.

Spesso un handicap, proprio perché impedisce ai sensi d’intromettersi, finisce col dare più spazio all'immaginazione. Valgono per tutti gli esempi di cantanti non vedenti quali Ray Charles o Steevie Wonder, o di musicisti immensi, come Beethoven, che era addirittura sordo quando si accinse a comporre la Nona sinfonia.
Luciano De Crescenzo

Sono poche le famiglie italiane che non abbiano o non abbiano avuto tra i loro parenti una persona disabile o un anziano non autosufficiente. Perciò non impegnarsi a costruire un habitat giuridico, fisico e culturale amico della disabilità significa ignorare una grande questione di umanità e civiltà....
Le persone con disabilità non devono solo superare barriere materiali e pratiche, ma anche barriere di indifferenza e di ignoranza, devono affrontare anche esplicite offese e persino aggressioni fisiche. È importante impegnarci ad abbattere tutte le barriere materiali ed immateriali di questa discriminazione.

Giorgio Napolitano, discorso per la Giornata Internazionale delle persone con disabilità, Roma, 2007

657a4568-73e0-4371-bed9-e35dbc395bae
« immagine » Il fiore della vita Frida kahlo Quando gli occhi sono aperti, il risultato è la vista. Quando la mente è aperta, il risultato è la sapienza. Quando è aperto lo spirito, il risultato è l’Amore. Proverbio cinese « video » « immagine » :rosa “Per quanto difficile possa essere ...
Post
03/12/2016 18:11:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.