Cuorio re l'ati...

03 novembre 2018 ore 06:41 segnala



Cuorio re l'ati...


Cuorio re l'ati, correia longa.

Pelle degli altri, cinghia lunga.






Si riesce a campare di più sulla pelle degl'altri che con la propria...

Il proverbio rispecchia un po' quella che è la filosofia di vita dei napoletani...
96b8ceb5-0eb0-48a9-baf1-a13ead6c9c64
« immagine » Cuorio re l'ati... Cuorio re l'ati, correia longa. Pelle degli altri, cinghia lunga. « video » Si riesce a campare di più sulla pelle degl'altri che con la propria... Il proverbio rispecchia un po' quella che è la filosofia di vita dei napoletani...
Post
03/11/2018 06:41:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    18
  • commenti
    comment
    Comment

Buongiorno vita!

13 ottobre 2018 ore 05:42 segnala



Buongiorno vita!


Buongiorno a voi
nuvole,

cieli turchesi,
colline e mari azzurri.

Buongiorno a te terra mia
che custodisci i miei sogni
e il mio cuore di bambina.

Tutto di me ti appartiene,
non più solo ricordi,
ma anche il mio domani.

In questo giorno di primavera
vedo il verde del tuo grano
ondeggiare al soffio della
brezza

che ci racconta storie di
passati amori e tradizioni
mai dimenticate.

Vedo i cipressi, in fila come
soldati, pronti a proteggere
culture millenarie;

vedo te vita, regina del mio mondo,
figlia di questa terra che ac-
carezzi e ami, e... mentre avanzi

mi accingo a scrivere con te
questa poesia, raccontando
la storia della nostra vita!

Antonietta Mennitti



ab5197de-b692-4dc5-868b-68d08550e5fb
« immagine » Buongiorno vita! Buongiorno a voi nuvole, cieli turchesi, colline e mari azzurri. Buongiorno a te terra mia che custodisci i miei sogni e il mio cuore di bambina. Tutto di me ti appartiene, non più solo ricordi, ma anche il mio domani. In questo giorno di primavera vedo il ver...
Post
13/10/2018 05:42:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    20
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Tuppe tuppe, Marescià!

30 settembre 2018 ore 05:33 segnala



Tuppe-tuppe, Mariscià!


Nisciuno cchiù fatica a 'stu paese,
Songo arze 'e tterre, 'e ppiante sò seccate.
'A ggente nun ragiona, è già 'nu mese.
'Sta cosa nun pò ghì,
No, nun pò ghì, no,
E si nisciuno parla, mò parl'i'.

Tuppe-tuppe, mariscià!
Arapite, sò 'n'amico!
Mò ve conto, mò ve dico
Pecché sò venuto ccà.
Tuppe-tuppe, mariscià,
Arapite, mariscià!

'A sapite a Carmelina
Ca sta 'e casa 'ncopp' â scesa?
È 'na mala chiappa 'e 'mpesa,
Vuje ll'avit' 'a fà arrestà.
Mò ve dico, mariscià,
Mò ve conto, mariscià!

Nisciun'ommo 'e 'stu paese
Da Carmela s'è salvato.
Ogneduno è affatturato
Cu 'nu vaso ch'essa da.
Jammo, ja', mariscià!

Pe' capriccio e no p'ammore,
Cu 'nu vaso 'e ffuoco ardente,
Avvelena a tanta gente:
Nun 'e fa cchiù raggiunà.
E 'na legge nun ce sta?
Pruvvedite, mariscià!

'Ntuono 'e Cuncetta, Mineco, Pascale,
Vicienzo, Ciro, sò arredutte mieze.
'O farmacista e 'a giunta comunale,
Nun sanno cchiù parlà,
No, cchiù parlà, no,
Che guajo pe' 'stu paese, mariscià!

Tuppe-tuppe, mariscià!
Arapite, sò 'n'amico!
Mò ve conto, mò ve dico
Pecché sò venuto ccà.
Tuppe-tuppe, mariscià,
Arapite, mariscià!

Mariscià, vuje nun parlate?
Ma pecché nun rispunnite?
Mariscià, che ve sentite?
Nun 'ngarrate cchiù a parlà?
Pure vuje v'it' 'a curà.
Bonanotte, mariscià!


Toc-toc, maresciallo!


Nessuno lavora più in questo paese,
Le terre sono arse, le piante sono seccate.
La gente non ragiona, è già un mese.
Questa cosa non può andare,
No, non può andare, no,
E se nessuno parla, ora parlo io.

Toc-toc, maresciallo!
Aprite, sono un amico!
Ora vi racconto, ora vi dico
Perché sono venuto qua.
Toc-toc, maresciallo,
Aprite, maresciallo!

Conoscete Carmelina
Che vive a casa sulla discesa?
È una ragazza scellerata,
Voi dovete arrestarla.
Ora vi dico, maresciallo,
Ora vi racconto, maresciallo!

Nessun uomo di questo paese
Da Carmela si è salvato.
Ognuno è stregato
Con un bacio che lei da.
Andiamo, dai, maresciallo!

Per capriccio e non per amore,
Con un bacio appassionato,
Avvelena tanta gente:
Non li fa più ragionare.
E una legge non c'è?
Provvedete, maresciallo!

Antonio di Concetta, Domenico, Pasquale,
Vincenzo, Ciro sono mezzi ridotti.
Il farmacista e la giunta comunale
Non sanno più parlare,
No, più parlare, no,
Che guaio per questo paese, maresciallo!

Toc-toc, maresciallo!
Aprite, sono un amico!
Ora vi racconto, ora vi dico
Perché sono venuto qua.
Toc-toc, maresciallo,
Aprite, maresciallo!

Maresciallo, voi non parlate?
Ma perché non rispondete?
Maresciallo, come vi sentite?
Non riuscite più a parlare?
Anche voi vi dovete curare.
Buonanotte, maresciallo!


(testo di Ettore De Mura - musica di Domenico Aracri, Marcello Gigante) 1958






La canzone ha ispirato il film Permesso Maresciallo? (Tuppe, tuppe marescià) (1958).
Maria, la proprietaria del bar del paese, è contesa sentimentalmente da un giovane e timido maresciallo dei carabinieri e da un ex muratore arricchitosi durante la sua permanenza in Francia.
Quest’ultimo per vincere le resistenze di Maria decide di aprire un altro bar in paese.
Come barista fa poi arrivare da Roma la bella Carmelina, una conturbante ragazza che sconvolgerà la tranquilla vita dei paesani.
Nel ruolo del giovane maresciallo troviamo l’attore Roberto Risso, già famoso per avere interpretato un ruolo quasi identico, quello del carabiniere timido Pietro Stelluti, nei film Pane amore e fantasia (1953) e Pane amore e gelosia (1954) con Gina Lollobrigida e Vittorio de Sica.
Maria invece è interpretata dall’attrice Giovanna Ralli.
Tra gli attori anche Peppino De Filippo, Aroldo Tieri e Memmo Carotenuto.



http://gruppi.chatta.it/diabolik-and-friends/forum/principale/2555603/tuppe-tuppe-marescia-/tutti.aspx?pcount=1
91124a34-54fa-460b-8b1d-14ef0a108ae4
« immagine » Tuppe-tuppe, Mariscià! Nisciuno cchiù fatica a 'stu paese, Songo arze 'e tterre, 'e ppiante sò seccate. 'A ggente nun ragiona, è già 'nu mese. 'Sta cosa nun pò ghì, No, nun pò ghì, no, E si nisciuno parla, mò parl'i'. Tuppe-tuppe, mariscià! Arapite, sò 'n'amico! Mò ve conto, mò v...
Post
30/09/2018 05:33:06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    20
  • commenti
    comment
    Comment
    6

L'amore che...

17 settembre 2018 ore 06:37 segnala



L'amore che...


L'amore che non ho mai trovato
Forse perché non l'ho mai cercato
Ma non si cerca mai l'amore
Anche se ti sbatte forte il cuore
Perché ti dà solo sofferenza
E ti abitui a vivere senza
Come naufrago su un’isola deserta
Che vive di giorno e ogni notte è incerta



1549a333-508b-4d68-81b4-80eb148aba28
« immagine » L'amore che... L'amore che non ho mai trovato Forse perché non l'ho mai cercato Ma non si cerca mai l'amore Anche se ti sbatte forte il cuore Perché ti dà solo sofferenza E ti abitui a vivere senza Come naufrago su un’isola deserta Che vive di giorno e ogni notte è incerta ...
Post
17/09/2018 06:37:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    22
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Fenesta vascia

29 agosto 2018 ore 06:05 segnala



Fenesta vascia


Fenesta vascia 'e padrona crudele,

quanta suspire mm'haje fatto jettare!...

Mm'arde stu core, comm'a na cannela,

bella, quanno te sento annommenare!

Oje piglia la 'sperienza de la neve!

La neve è fredda e se fa maniare...

e tu comme si' tanta aspra e crudele?!

Muorto mme vide e nun mme vuó' ajutare!?...

Vorría addeventare no picciuotto,

co na langella a ghire vennenn'acqua,

Pe' mme ne jí da’ chisti palazzuotte:

Belli ffemmene meje, ah! Chi vó' acqua...

Se vota na nennella da llá 'ncoppa:

Chi è 'sto ninno ca va vennenn'acqua?

E io responno, co parole accorte:

Só' lacreme d'ammore e non è acqua!...


Finestra bassa (o misera)


Finestra bassa di una padrona crudele,

quanti sospiri mi hai fatto sprecare!.....

Questo mio cuore arde come una candela,

bella, se sento il tuo nome pronunciare!

Orsù prendi esempio dalla neve!

La neve è fredda ma si fa accarezzare….

Ma tu sei così aspra e crudele?!

Mi vedi morire e non mi vuoi aiutare!?....

Vorrei diventare un bel garzone,

che con la brocca va vendendo l’acqua,

e poter gridar tra questi caseggiati

“Mie belle donne, ah! chi vuole l’acqua…..”

Si volge una ragazza in su dall’alto:

“Chi è il bel garzone che vende l’acqua?”

Le risponderei con parole dosate:

“Sono lacrime d’amore, non è acqua!.....”


Canto popolare di Anonimo del '500 (trascrizione di G.Genoino - G.Cottreau 1828)









http://gruppi.chatta.it/diabolik-and-friends/forum/principale/2549258/fenesta-vascia-la-canzone-napoletana-che-sfida-i-secoli/tutti.aspx?pcount=3
09e90eff-4ac6-4de4-ae4a-45ad55a6ab46
« immagine » Fenesta vascia Fenesta vascia 'e padrona crudele, quanta suspire mm'haje fatto jettare!... Mm'arde stu core, comm'a na cannela, bella, quanno te sento annommenare! Oje piglia la 'sperienza de la neve! La neve è fredda e se fa maniare... e tu comme si' tanta aspra e crudele?!...
Post
29/08/2018 06:05:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    21
  • commenti
    comment
    Comment
    5

L'infanzia dei popoli

17 agosto 2018 ore 06:26 segnala



L'infanzia dei popoli


Non esiste l’infanzia dei popoli;
tutti i popoli nascono già adulti,
anche quelli che non hanno conservato il diario
con i ricordi della loro infanzia e della loro adolescenza...

(Claude Lévi-Strauss)



b21c5c6e-72c7-43ce-88e2-04162ef0efb5
« immagine » L'infanzia dei popoli Non esiste l’infanzia dei popoli; tutti i popoli nascono già adulti, anche quelli che non hanno conservato il diario con i ricordi della loro infanzia e della loro adolescenza. (Claude Lévi-Strauss) « video »
Post
17/08/2018 06:26:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    29
  • commenti
    comment
    Comment
    6

Perdere l'amore

04 agosto 2018 ore 06:02 segnala



Perdere l'amore


E adesso andate via
Voglio restare solo
Con la malinconia
Volare nel suo cielo
Non chiesi mai chi eri
Perchè segliesti me
Me che fino a ieri
Credevo fossi un re
Perdere l'amore quando si fa sera
Quando tra i capelli un po' di argento li colora
Rischi di impazzire può scoppiarti il cuore
Perdere una donna e avere voglia di morire
Lasciami gridare rinnegare il cielo
Prendere a sassate tutti i sogni ancora in volo
Li farò cadere ad uno ad uno
Spezzerò le ali del destino
E ti avrò vicino
Comunque ti capisco
E ammetto che sbagliavo
Facevo le tue scelte
Chissà che pretendevo
E adesso che rimane
Di tutto il tempo insieme
Un uomo troppo solo
Che ancora ti vuole bene
Perdere l'amore quando si fa sera
Quando sopra il viso c'è una ruga che non c'era
Provi a ragionare fai l'indifferente
Fino a che ti accorgi che non sei servito a niente
E vorresti urlare
Soffocare il cielo
Sbattere la testa mille volte contro il muro
Respirare forte il suo cuscino
Dire è tutta colpa del destino
Se non ti ho vicino
Perdere l'amore
Maledetta sera
Che raccoglie i cocci di una vita immaginaria
Pensi che domani è un giorno nuovo
Ma ripeti non me l'aspettavo
Non me l'aspettavo
Saxophon
Prendere a sassate tutti i sogni ancora in volo
Li farò cadere ad uno ad uno
Spezzerò le ali del destino
E ti avrò vicino
Perdere l'amore


Perdere l'amore
Massimo Ranieri
Perdere l'amore 1988






Perdere l'amore è un brano musicale cantato da Massimo Ranieri, vincitore del Festival di Sanremo 1988.
Negli anni in cui il voto del Festival era legato al concorso del Totip, questa canzone si aggiudicò il maggior numero di preferenze e il migliore distacco dalla seconda classificata.
La canzone fu anche prima in classifica in Italia per cinque settimane consecutive.

È stata scritta da Marcello Marrocchi e Giampiero Artegiani.
Presentata alle selezioni del Festival dell'anno precedente, nell'interpretazione di Gianni Nazzaro, fu scartata; Nazzaro polemizzò negli anni seguenti su questa decisione, che ritenne contraddittoria e parziale.

La canzone, unitamente alla vittoria, ebbe modo di rilanciare Ranieri nell'ambito musicale, dopo che aveva dedicato almeno gli ultimi due lustri all'attività teatrale.
L'interpretazione, non solo vocale ma anche mimica, che ne diede durante le esibizioni sanremesi, risentì della sua vena attoriale ed aiutò ad esprimere il tema trattato dalla canzone stessa, che parla di una separazione dolorosa vissuta da un uomo non più giovane.
Il successo nel corso degli anni fece di questa canzone forse la più acclamata dal pubblico, durante i suoi concerti dal vivo, a detta dello stesso Ranieri.

Il lato B del singolo era Dove sta il poeta, scritta dagli stessi autori, ed anch'essa parte dell'album che sarebbe uscito di lì a un mese, con lo stesso titolo del singolo.

L'introduzione al pianoforte, divenuta celebre in quanto riprende già il tema del ritornello, è suonata da Sergio Conforti, vero nome di Rocco Tanica, tastierista degli Elio e le Storie Tese.
L'arrangiamento del brano, come dell'intero album Perdere l'Amore, è di Lucio Fabbri.
L'assolo di sax prima dell'ultimo ritornello è suonato da Paolo Panigada, vero nome di Feiez, sassofonista e polistrumentista degli stessi Elio e le storie tese.

Lara Fabian e Di Quinto Rocco hanno inciso due versioni cover di Perdere l'amore.



http://gruppi.chatta.it/diabolik-and-friends/forum/principale/2545462/il-significato-di-perdere-l-amore-di-massimo-ranieri-tra-sofferenza-e-commozione/tutti.aspx?pcount=2
bc8118d4-120f-4676-abc7-c3c632a89b79
« immagine » Perdere l'amore E adesso andate via Voglio restare solo Con la malinconia Volare nel suo cielo Non chiesi mai chi eri Perchè segliesti me Me che fino a ieri Credevo fossi un re Perdere l'amore quando si fa sera Quando tra i capelli un po' di argento li colora Rischi di i...
Post
04/08/2018 06:02:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    23
  • commenti
    comment
    Comment
    2

E’ sempre così...

28 luglio 2018 ore 06:13 segnala



E’ sempre così...


Purtroppo ci si ricorda delle persone
solo quando ne abbiamo bisogno…
E’ sempre così, c’è poco da fare…
E’ così nel mondo reale...
E’ così anche nel mondo virtuale...
Siamo solo buoni a pensare a noi stessi...

Buona giornata a tutti...






P.S.
Il mio pensiero vuole essere uno sfogo nei confronti
di ciò che quasi sempre accade nella vita reale e
non è rivolto ad alcuna persona di questa chat o
di altro social network...
695cb6bd-b1cd-4477-ba94-2550d7fef214
« immagine » E’ sempre così... Purtroppo ci si ricorda delle persone solo quando ne abbiamo bisogno… E’ sempre così, c’è poco da fare… E’ così nel mondo reale... E’ così anche nel mondo virtuale... Siamo solo buoni a pensare a noi stessi... Buona giornata a tutti... « video » P.S. Il mi...
Post
28/07/2018 06:13:12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    26
  • commenti
    comment
    Comment
    6

Il gioco delle tre carte

21 luglio 2018 ore 06:14 segnala



Il gioco delle tre carte


C’era una volta una abile giocatore di carte
tanto bravo che riusciva a vincere sempre
specialmente nel famoso gioco delle tre carte.
Non c’era passante che non fosse attratto
dalla sua abile maestria con cui maneggiava le carte.
Nessuno sapeva resistere dal non scommettere
sulla carta che riteneva vincente, ma puntualmente
quella carta risultava sempre perdente.
Un giorno passava da quelle parti un misero uomo
vestito di stracci, senza neppure un soldo in tasca,
e si mise a guardare da lontano quel movimento e quel gioco.
Incuriosito si avvicinò al tavolino e quando il giocatore
gli chiese di scoprire la carta vincente senza esitare
rovesciò quella giusta tra la sorpresa di tutta la gente.
Alla domanda del giocatore che sbalordito
gli chiese come ci fosse riuscito,
lui rispose semplicemente:
Ho pensato solo a come gira la vita!



7859bf6f-0c68-4897-adde-954ae46d61eb
« immagine » Il gioco delle tre carte C’era una volta una abile giocatore di carte tanto bravo che riusciva a vincere sempre specialmente nel famoso gioco delle tre carte. Non c’era passante che non fosse attratto dalla sua abile maestria con cui maneggiava le carte. Nessuno sapeva resistere d...
Post
21/07/2018 06:14:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    25
  • commenti
    comment
    Comment
    8

Chi vole: va...

15 luglio 2018 ore 06:56 segnala



Chi vole: va...


Chi vole: va, e chi no' bbole: manna.

Chi vuole qualcosa va a prenderla, Chi non vuole la manda a prendere.

Sicuramente vi sarà capitato qualche volta di sentire pronunciare questa frase, soprattutto dalle persone più anziane, nel classico dialetto campano.
Significa "Chi vuole qualcosa va a prenderla, chi non vuole la manda a prendere"

In altri termini, se si vuol fare veramente qualcosa bisogna farla personalmente.



3fa1e69c-ea8e-4174-bfc1-429b2b1a08d1
« immagine » Chi vole: va... Chi vole: va, e chi no' bbole: manna. Chi vuole qualcosa va a prenderla, Chi non vuole la manda a prendere. Sicuramente vi sarà capitato qualche volta di sentire pronunciare questa frase, soprattutto dalle persone più anziane, nel classico dialetto campano. Sign...
Post
15/07/2018 06:56:09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    21
  • commenti
    comment
    Comment
    9