Reginella

03 dicembre 2017 ore 08:06 segnala



Reginella


Te si' fatta 'na veste scullata,
nu cappiello cu 'e nastre e cu 'e rrose...
Stive 'mmiezo a tre o quattro sciantose,
e parlave francese... è accussì?
Fuje l'autriere ca t'aggio 'ncuntrata?
Fuje l'autriere, a Tuleto, gnorsì...

T'aggio vuluto bene a te...
Tu m'è vuluto bene a me!
Mo nun 'nce amammo cchiù,
ma 'e vvote tu
distrattamente pienze a me!

Reginè, quanno stive cu mmico
non magnave ca pane e cerase,
nuie campavamo 'e vase! E che vase,
tu cantave e chiagnive pe' me...
E 'o cardillo cantava cu ttico:
Reginella 'o vuo' bene a 'stu rre

T'aggio vuluto bene a te...
Tu m'è vuluto bene a me!
Mo nun 'nce amammo cchiù,
ma 'e vvote tu
distrattamente pienze a me!

Oj cardillo, a chi aspiette stasera?
Nun 'o vide? aggio aperta 'a cajola,
Reginella è vulata, e tu vola!
Vola e canta, nun chiagnere ccà!
t'he' 'à truva' 'na patrona sincera
ca è cchiù degna 'e sentirte 'e cantà.

T'aggio vuluto bene a te...
Tu m'è vuluto bene a me!
Mo nun 'nce amammo cchiù,
ma 'e vvote tu
distrattamente pienze a me!


(testo di Libero Bovio - musica di Gaetano Lama) 1917






Reginella è una delle canzoni napoletane più famose di tutti i tempi.
Pubblicata dalla Casa editrice musicale La Canzonetta, è stata scritta nel 1917 da Libero Bovio (tra l'altro autore di moltissime altre canzoni napoletane di successo come Lacreme napulitane, Silenzio cantatore, Tu ca nun chiagne, ‘O Paese d'o sole, Zappatore, Chiove, Signorinella, Guapparia) e musicata da Gaetano Lama a tempo di valzer.

Lui ha rivisto il suo vecchio amore due giorni prima in via Toledo: lei era vestita con abiti scollati, portava un cappello con nastri e rose, era in compagnia di alcune sciantose e parlava francese.

Ricorda di quando stavano insieme, di quando non mangiavano che pane e ciliegie e vivevano di baci, di quando lei cantava e piangeva per lui, di quando il cardellino cantava insieme a lei: “Reginella vuole bene al suo re”.


Ma ora lui invita il cardellino a scappare dalla gabbia che ha volutamente aperto, a volare via come se n'è volata la sua Reginella, a non continuare a piangere la sua padrona che non c'è più ma a cercarsene un'altra più sincera.

Il ritornello evoca la flebile traccia che rimane dell'antica passione: «ora che non ci amiamo più, tu a volte distrattamente pensi a me».

Moltissimi artisti si sono cimentati nell'esecuzione Reginella.
Una delle prime incisioni è stata ad opera di Gilda Mignonette nel 1918, che la esportò all'estero, facendone uno dei suoi cavalli di battaglia.
Notevole l'interpretazione che ne diede in seguito Roberto Murolo, rendendola a sua volta un classico del suo repertorio.
Negli anni 80 sarà riproposta anche da Massimo Ranieri e negli anni 90 da Mia Martini.
c56df2fd-e4cf-4ed7-96e5-3f5af1a350af
« immagine » Reginella Te si' fatta 'na veste scullata, nu cappiello cu 'e nastre e cu 'e rrose... Stive 'mmiezo a tre o quattro sciantose, e parlave francese... è accussì? Fuje l'autriere ca t'aggio 'ncuntrata? Fuje l'autriere, a Tuleto, gnorsì... T'aggio vuluto bene a te... Tu m'è vuluto be...
Post
03/12/2017 08:06:55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Innamorati

02 dicembre 2017 ore 08:03 segnala



Innamorati


Vi sono innamorati che guardano
nell’amore come nel sole,
e divengono semplicemente ciechi;
mentre ve ne sono altri che con stupore
scoprono per la prima volta la vita
quando l’amore la illumina.

Robert Musil
bf0ed16f-589e-4a67-a8e4-18326fb52ff2
« immagine » Innamorati Vi sono innamorati che guardano nell’amore come nel sole, e divengono semplicemente ciechi; mentre ve ne sono altri che con stupore scoprono per la prima volta la vita quando l’amore la illumina. Robert Musil
Post
02/12/2017 08:03:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Chi sta male

01 dicembre 2017 ore 08:13 segnala



Chi sta male


Chi sta male veramente
Soffre non solo per il dolore fisico,
ma soffre anche dentro l'anima.
Chi sta male sa che in un modo o nell'altro
cambia il modo di vivere di chi gli sta vicino.
Chi sta male sa che per colpa sua
devono adeguarsi a lui,
alle sue esigenze e alle sue problematiche.
Chi sta male in qualche modo si allontana
dagli amici perché non si sente in grado
di relazionarsi con loro.
Chi sta male soffre perché non vive
la vita che vorrebbe vivere.



58a3f3e9-69e4-4052-b4f8-b8509d5fffce
« immagine » Chi sta male Chi sta male veramente Soffre non solo per il dolore fisico, ma soffre anche dentro l'anima. Chi sta male sa che in un modo o nell'altro cambia il modo di vivere di chi gli sta vicino. Chi sta male sa che per colpa sua devono adeguarsi a lui, alle sue esigenze ...
Post
01/12/2017 08:13:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    16
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Notti selvagge

28 novembre 2017 ore 07:23 segnala



Notti selvagge


Se io fossi con te
notti selvagge sarebbero
nostra voluttà!

Futili - i venti -
per un cuore in porto -
niente più bussola -
niente più carta!

Remando nell'Eden -
Ah! il mare!
se in te stanotte
potessi ancorare!


Emily Dickinson



1cfa4421-b95c-49cc-9ae9-94ec6afd7469
« immagine » Notti selvagge Se io fossi con te notti selvagge sarebbero nostra voluttà! Futili - i venti - per un cuore in porto - niente più bussola - niente più carta! Remando nell'Eden - Ah! il mare! se in te stanotte potessi ancorare! Emily Dickinson « video »
Post
28/11/2017 07:23:08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Nun mannà bbene...

27 novembre 2017 ore 07:28 segnala



Nun mannà bbene...


Nun mannà bbene ô pezzente ca nce ‘o ppierde!
Ad litteram: Non far del bene ad un povero ché lo perdi.
Id est: Il bene fatto a chi è veramente povero è irrimediabilmente perduto;
infatti in caso di prestito il povero non sarà mai in grado di restituire la cosa avuta in prestito, in caso di liberalità non si otterrà nemmeno riconoscenza: chi è povero, veramente povero per il suo stesso status è purtroppo proclive all’invidia anche del proprio benefattore!



370d9f47-ae86-460b-bb49-489f6a0d3d5d
« immagine » Nun mannà bbene... Nun mannà bbene ô pezzente ca nce ‘o ppierde! Ad litteram: Non far del bene ad un povero ché lo perdi. Id est: Il bene fatto a chi è veramente povero è irrimediabilmente perduto; infatti in caso di prestito il povero non sarà mai in grado di restituire la cosa...
Post
27/11/2017 07:28:22
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14
  • commenti
    comment
    Comment
    12

'O sarracino

26 novembre 2017 ore 07:54 segnala



'O sarracino


'O sarracino, 'o sarracino
Bellu guaglione
'O sarracino, 'o sarracino
Tutt''e ffemmene fa 'nnammurá

Tene 'e capille ricce ricce
Ll'uocchie 'e brigante e 'o sole 'nfaccia
Ogne figliola s'appiccia si 'o vede 'e passá
Na sigaretta 'mmocca, sa mana dint''a sacca
E se ne va, smargiasso, pe' tutt''a cittá

'O sarracino, 'o sarracino
Bellu guaglione
'O sarracino, 'o sarracino,
Tutt''e ffemmene fa suspirá

E' bello 'e faccia, è bello 'e core
Sape fá 'ammore, E' malandrino, è tentatore
Si 'o guardate ve fa 'nnammurá

E na bionda s'avvelena
E na bruna se ne more, E' veleno o calamita?
Chisto a 'e ffemmene che lle fa?

'O sarracino, 'o sarracino
Bellu guaglione, E' bello 'e faccia, è bello 'e core
Tutt''e ffemmene fa 'nnammurá

'O sarracino, 'o sarracino
Bellu guaglione
'O sarracino, 'o sarracino
Tutt''e ffemmene fa suspirá

E' bello 'e faccia, è bello 'e core
Sape fá 'ammore, E' malandrino, è tentatore
Si 'o guardate ve fa 'nnammurá

Ma na rossa, ll'ata sera
Cu nu vaso e cu na scusa
T'ha arrubbato anema e core
Sarracino nun si' cchiù tu

'O sarracino, 'o sarracino
Bellu guaglione
'O sarracino, 'o sarracino
Tutt''e ffemmene fa 'nnammurá

Sarracino, sarracino


(testo di Nicola Salerno - musica di Renato Carosone) 1958






'O sarracino (it.: Il saraceno) fu scritta nel 1958 da Renato Carosone (musica) e Nisa, pseudonimo di Nicola Salerno (parole).

Con il termine saraceno si utilizzava indicare i musulmani provenienti dall'oriente, o più in generale gli arabi.
Inizialmente l'idea del brano era proprio quella di uno sbarco di un affascinante uomo orientale di colore desiderato da tutte le donne.
In seguito gli autori del brano preferirono che il protagonista della canzone fosse semplicemente il napoletano villano, abbronzato, con la collana d'oro e sciupafemmine che camminava per il lungomare di Napoli, lasciando il nome di sarracino più come parodia, che come effettiva provenienza geografica.
Tuttavia le influenze orientali rimasero nella melodia di "'O sarracino", che rimase negli anni uno dei più celebri brani di Carosone.
0e7c1f28-c336-43b9-bdc9-da53cdf513a3
« immagine » 'O sarracino 'O sarracino, 'o sarracino Bellu guaglione 'O sarracino, 'o sarracino Tutt''e ffemmene fa 'nnammurá Tene 'e capille ricce ricce Ll'uocchie 'e brigante e 'o sole 'nfaccia Ogne figliola s'appiccia si 'o vede 'e passá Na sigaretta 'mmocca, sa mana dint''a sacca E se ne ...
Post
26/11/2017 07:54:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    16
  • commenti
    comment
    Comment
    6

In amore…

25 novembre 2017 ore 07:23 segnala



In amore…


In amore bisogna essere senza scrupoli,
non farsi condizionare da nessuna regola;
all’occorrenza, essere capaci di
andare a letto anche con la propria moglie…

Ennio Flaiano



f9d399c3-783e-421d-96d6-9b074f29e626
« immagine » In amore… In amore bisogna essere senza scrupoli, non farsi condizionare da nessuna regola; all’occorrenza, essere capaci di andare a letto anche con la propria moglie… Ennio Flaiano « video »
Post
25/11/2017 07:23:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
  • commenti
    comment
    Comment
    12

Il saluto è di Dio

24 novembre 2017 ore 08:00 segnala



Il saluto è di Dio


Ci risiamo di nuovo.
Ancora maestre che maltrattano i bambini dell'asilo.
Nuovamente anziani maltrattati nelle case di riposo.
Un’altra volta bulli che scaricano la loro violenza
contro i più deboli siano essi professori o compagni di classe.
Di nuovo tanta violenza contro persone indifese.
Eppure viviamo in uno Stato dove per il 71%
della popolazione si dichiara di fede cristiana.
Gesù disse ai suoi discepoli: "Amerai il prossimo tuo come te stesso".
Qui siamo in un campo di quelli che vai per zappare e ti si rompe la zappa!
Lo ammetto è difficile amare il prossimo,
soprattutto se non si riesce ad amare se stessi.
Già perché chi abusa dei più deboli non ama nemmeno se stesso.
Ma il rispetto? Che fine ha fatto? Almeno quello dico io.
Mi rendo sempre più conto che anche quello ormai è andato a farsi benedire.
Questo si evince ormai non solo attraverso
gli atti sciagurati che spesso vediamo in TV,
ma anche nel nostro vivere quotidiano;
basta andare a fare un giro per strada e
ci si rende conto di quanta indifferenza c’è nel mondo,
infatti difficilmente un ragazzo o un giovane di oggi ti rivolge il saluto.
Sembrerà una sciocchezza ma i miei genitori,
i miei nonni mi hanno sempre detto che bisogna sempre salutare le persone e
quelle più anziane e le donne salutare per prima.
Il saluto non si nega a nessuno, il saluto è di Dio mi dicevano.

Buona giornata a tutti.



40dbda48-5dca-41c2-a9ad-e85bfa3541ba
« immagine » Il saluto è di Dio Ci risiamo di nuovo. Ancora maestre che maltrattano i bambini dell'asilo. Nuovamente anziani maltrattati nelle case di riposo. Un’altra volta bulli che scaricano la loro violenza contro i più deboli siano essi professori o compagni di classe. Di nuovo tanta...
Post
24/11/2017 08:00:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    15
  • commenti
    comment
    Comment
    13

Tramonto rosso

23 novembre 2017 ore 08:01 segnala



Tramonto rosso


Il sole disegna le colline lontano
le colora di un rosso speciale,
si cala dietro quei monti,
per poi nascondersi del tutto,
lasciando nell’aria i suoi raggi.
Rossi come il fuoco che arde
dentro il mio impavido cuore,
speranza di un domani migliore,
restano per sempre nella mia anima.



0525d863-b200-4bf2-b295-49f477ec498c
« immagine » Tramonto rosso Il sole disegna le colline lontano le colora di un rosso speciale, si cala dietro quei monti, per poi nascondersi del tutto, lasciando nell’aria i suoi raggi. Rossi come il fuoco che arde dentro il mio impavido cuore, speranza di un domani migliore, restano per sem...
Post
23/11/2017 08:01:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    14
  • commenti
    comment
    Comment
    6

Libertà

22 novembre 2017 ore 12:06 segnala



Libertà


Credo fermamente nella libertà!
Credo che ognuno sia libero di esprimere,
senza ledere la libertà altrui,
il proprio modo di essere.
Credo che sia lecito accettarlo o meno.
Credo che sia giusto esternarlo e non nasconderlo.



b8881940-d37c-48d7-bcfe-4ec0479a6c9f
« immagine » Libertà Credo fermamente nella libertà! Credo che ognuno sia libero di esprimere, senza ledere la libertà altrui, il proprio modo di essere. Credo che sia lecito accettarlo o meno. Credo che sia giusto esternarlo e non nasconderlo. « video »
Post
22/11/2017 12:06:22
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    8