'A casciaforte

18 novembre 2017 ore 07:39 segnala



'A casciaforte


Vaco truvanno 'na cascia forte!
E andevinate pe' ne fa che?.
Non tengo titoli...
Non vivo 'e rendita...
Non ci ho un vestito pe' ccuollo a me!
Ma 'a cascia mi necessita.
Pe' forza ll'haggì 'a tenè!
...Ce haggì' 'a mettere
tutt'è llettere
che mi ha scritto Rusina mia...
'nu ritratto (formato visita)
d"a bbuonanema 'e zi' Zofia,
'nu cierro 'e capille,
'nu como 'e corallo
ed il becco del pappagallo
che noi perdemmo nel ventitré!

Vaco truvanno 'na cascia forte!
Ma a qua' casciere ce 'o vvaco a dí?...
Certe reliquie...
certi cimeli
si 'e ttiene a fore, ponno sparí!...
San Casimiro martire,
'sta cascia, famm"a vení
...Ce haggì' 'a mettere
tutt"e llettere
che mi ha scritto Rusina mia...
'na cartella (di lire dodici)
rilasciata dall'agenzia,
'na maneca 'e sicchio,
'a crastula 'e specchio,
'na corteccia di cacio vecchio
e un fracchisciasso color cakì!

Sono ricordi che in cassaforte,
sulo llá ddinto, t"e ppuò astipà.
...Quando mi privano
del companatico
io 'ngotto e zitto senza sferrà...
Lo so! La vita è tragica!
Ma 'a cascia... mme ll'hann"a dá!
...Ce haggì 'a mettere
tutt"e llettere
che mi ha scritto Rusina mia...
Il mozzone d'una stearica
(conficcato nella bugia),
'na bambola 'e Miccio,
'na lente in astuccio
e una coda di cavalluccio
che mi ricorda la meglia etá!


'A casciaforte (testo di Alfonso Mangione - musica di Nicola Valente) 1928






Napoli è proprio uno scrigno, una cassaforte, ricolma di preziosi gioielli di inestimabile valore.
Ma la “Casciaforte” è talmente stivata, talmente zeppa, gremita di pietre preziose e gioie, che, spesso, ci sfugge qualcosa, inavvertitamente si può giungere addirittura a non essere neppure più a conoscenza di un monile o di un solitario, non ricordare di possederlo.

Renato Carosone dando voce a questa canzone ci ha donato grande emozione, per la musica vivace e per il testo, le parole che invece però sono malinconiche e alludono piuttosto ad un amante disilluso dalla sua innamorata, Rosina, che ci dice sconsolato…
Il nostro innamorato malinconico evidenzia così uno degli usi del forziere, contenere la memoria, i cimeli, le reliquie, degli affetti terreni…
Non viene a mancare però alla casciaforte, anche la funzione di custodia per beni di valore anche venale…
E quanto ci sia di vero in questi ultimi versi ciascuno lo sa.
Proseguendo nell’ascolto della canzone, si giunge a trattare un argomento che, nel meridione d’Italia, è sempre vivo: un vero e proprio punto di riferimento nei momenti di crisi…
E ciascuno ben intende che l’agenzia è quella del “Banco Pegni”che ha sottratto qualche briciola di valore in pegno di pochi spiccioli prestati.
Ed infine si ripiomba nelle memorie con un elenco devastante…
Molte sono state le voci che diversamente e con differente interpretazione ci hanno ricordato negli anni a seguire questa bella canzone.
Renato Carosone ne dava una lettura marchiata dalla sua forte vena artistica figurativa, facendo scaturire dinanzi ai nostri occhi, ascoltandolo con la sua band, una vera e propria “natura morta”, ma non come quelle del seicento, minuziose e sbalordenti per l’attenzione ai dettagli, piuttosto come quelle dipinte da Cezanne e da Braque, quando il mondo figurativo ha iniziato a percorrere la strada della modernità.
010eca24-bdbf-43d7-b12e-a7e359f45d38
« immagine » 'A casciaforte Vaco truvanno 'na cascia forte! E andevinate pe' ne fa che?. Non tengo titoli... Non vivo 'e rendita... Non ci ho un vestito pe' ccuollo a me! Ma 'a cascia mi necessita. Pe' forza ll'haggì 'a tenè! ...Ce haggì' 'a mettere tutt'è llettere che mi ha scritto Rusina mia...
Post
18/11/2017 07:39:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10

Commenti

  1. antioco1 18 novembre 2017 ore 09:45
    la cantavo molti anni fa ciao e buona giornata
  2. oDiabolik 18 novembre 2017 ore 10:49
    @antioco1 :

    Ciao Ale grazie

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.