'A tazza 'e cafè

23 settembre 2017 ore 07:33 segnala



'A tazza 'e cafè


Vurría sapé pecché si mme vedite,
facite sempe 'a faccia amariggiata...
Ma vuje, quanto cchiù brutta ve facite,
cchiù bella, a ll'uocchie mieje, v'appresentate...
I' mo nun saccio si ve n'accurgite!
Ma cu sti mode, oje Bríggeta,
tazza 'e café parite:
sotto tenite 'o zzuccaro,
e 'ncoppa, amara site...
Ma i' tanto ch'aggi''a vutá,
e tanto ch'aggi''a girá...
ca 'o ddoce 'e sott''a tazza,
fin'a 'mmocca mm'ha da arrivá!...

Cchiù tiempo passa e cchiù v'arrefreddate,
'mméce 'e ve riscaldá..."Caffè squisito!..."
'o bbello è ca, si pure ve gelate,
site 'a delizia d''o ccafé granito...
Facenno cuncurrenza â limunata...
Ma cu sti mode, oje Bríggeta,
tazza 'e café parite:
sotto tenite 'o zzuccaro,
e 'ncoppa, amara site...
Ma i' tanto ch'aggi''a vutá,
e tanto ch'aggi''a girá...
ca 'o ddoce 'e sott''a tazza,
fin'a 'mmocca mm'ha da arrivá!...

Vuje site 'a mamma d''e rrepassatore?...
E i', bellezza mia, figlio 'e cartaro!...
Si vuje ve divertite a cagná core,
i' faccio 'e ccarte pe' senza denare...
Bella pareglia fóssemo a fá 'ammore!
Ma cu sti mode, oje Bríggeta,
tazza 'e café parite:
sotto tenite 'o zzuccaro,
e 'ncoppa, amara site...
Ma i' tanto ch'aggi''a vutá,
e tanto ch'aggi''a girá...
ca 'o ddoce 'e sott''a tazza,
fin'a 'mmocca mm'ha da arrivá!...


Vittorio Fassone (musica)
Giuseppe Capaldo (testo)
Anno 1918 Casa Editrice La Canzonetta





Questa famosissima canzone e' stata scritta da Giuseppe Capaldo, un ex cameriere che lavorava al caffè Portoricco in via Sanfelice al centro di Napoli.
La cassiera di questo locale, una certa Brigida, era di carattere assai scontroso ma affascinava molti uomini, tra questi il giovane Giuseppe.
Venne composta nel 1918 e musicata dal Cavalier Vittorio Fassone, un appassionato di canzoni napoletane che spesso vi si dedicava componendo musiche.
Il Capaldo ci dice che le donne vanno prese per il verso giusto.
Alcune le paragona ad una tazzina di caffè: amare sopra ma dolcissime in fondo. Basta girare e vedrete che prima o poi la dolcezza depositata sul fondo toccherà le vostre labbra.
ae069676-86b3-45d6-b1ae-3fe8ce6543ec
« immagine » 'A tazza 'e cafè Vurría sapé pecché si mme vedite, facite sempe 'a faccia amariggiata... Ma vuje, quanto cchiù brutta ve facite, cchiù bella, a ll'uocchie mieje, v'appresentate... I' mo nun saccio si ve n'accurgite! Ma cu sti mode, oje Bríggeta, tazza 'e café parite: sotto tenite ...
Post
23/09/2017 07:33:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11

Commenti

  1. antioco1 23 settembre 2017 ore 10:51
    bello rileggerti ciao buona giornata saf Ale
  2. s.hela 23 settembre 2017 ore 14:09


    In ricordo di un Mito , Pino Daniele.

    Giulia :rosa :-))

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.