Fenesta vascia

29 agosto 2018 ore 06:05 segnala



Fenesta vascia


Fenesta vascia 'e padrona crudele,

quanta suspire mm'haje fatto jettare!...

Mm'arde stu core, comm'a na cannela,

bella, quanno te sento annommenare!

Oje piglia la 'sperienza de la neve!

La neve è fredda e se fa maniare...

e tu comme si' tanta aspra e crudele?!

Muorto mme vide e nun mme vuó' ajutare!?...

Vorría addeventare no picciuotto,

co na langella a ghire vennenn'acqua,

Pe' mme ne jí da’ chisti palazzuotte:

Belli ffemmene meje, ah! Chi vó' acqua...

Se vota na nennella da llá 'ncoppa:

Chi è 'sto ninno ca va vennenn'acqua?

E io responno, co parole accorte:

Só' lacreme d'ammore e non è acqua!...


Finestra bassa (o misera)


Finestra bassa di una padrona crudele,

quanti sospiri mi hai fatto sprecare!.....

Questo mio cuore arde come una candela,

bella, se sento il tuo nome pronunciare!

Orsù prendi esempio dalla neve!

La neve è fredda ma si fa accarezzare….

Ma tu sei così aspra e crudele?!

Mi vedi morire e non mi vuoi aiutare!?....

Vorrei diventare un bel garzone,

che con la brocca va vendendo l’acqua,

e poter gridar tra questi caseggiati

“Mie belle donne, ah! chi vuole l’acqua…..”

Si volge una ragazza in su dall’alto:

“Chi è il bel garzone che vende l’acqua?”

Le risponderei con parole dosate:

“Sono lacrime d’amore, non è acqua!.....”


Canto popolare di Anonimo del '500 (trascrizione di G.Genoino - G.Cottreau 1828)









http://gruppi.chatta.it/diabolik-and-friends/forum/principale/2549258/fenesta-vascia-la-canzone-napoletana-che-sfida-i-secoli/tutti.aspx?pcount=3
09e90eff-4ac6-4de4-ae4a-45ad55a6ab46
« immagine » Fenesta vascia Fenesta vascia 'e padrona crudele, quanta suspire mm'haje fatto jettare!... Mm'arde stu core, comm'a na cannela, bella, quanno te sento annommenare! Oje piglia la 'sperienza de la neve! La neve è fredda e se fa maniare... e tu comme si' tanta aspra e crudele?!...
Post
29/08/2018 06:05:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    21

Commenti

  1. leggendolamano 29 agosto 2018 ore 08:38
    bel testo non la conoscevo
  2. leggendolamano 29 agosto 2018 ore 08:41
    ma padrona di cosa ? della finestra o del cuore del ragazzo ?
  3. oDiabolik 29 agosto 2018 ore 11:51
    @leggendolamano :

    Nella prima delle due ottave di endecasillabi, in rima alternata AB, il poeta definisce la fanciulla come la “crudele padrona” della finestra a causa dell’indifferenza che ella mostra nei confronti del suo sentimento.
    Il suo cuore (quello del poeta) arde come una candela – si consuma – e trasale al solo sentirla nominare.

    Buona giornata :bye
  4. Evelin64 29 agosto 2018 ore 20:01
    molto molto bella e metaforica ... :rosa
  5. oDiabolik 30 agosto 2018 ore 06:04
    @Evelin64 : :rosa

    Si molto bella. Ciao, buona giornata...

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.