Malafemmena

13 agosto 2017 ore 06:24 segnala



Malafemmena


Si avisse fatto a n'ato
chello ch'e fatto a mme
st'ommo t'avesse acciso,
tu vuò sapé pecché?
Pecché 'ncopp'a sta terra
femmene comme a te
non ce hanna sta pé n'ommo
onesto comme a me!...
Femmena
Tu si na malafemmena
Chist'uocchie 'e fatto chiagnere..
Lacreme e 'nfamità.
Femmena,
Si tu peggio 'e na vipera,
m'e 'ntussecata l'anema,
nun pozzo cchiù campà.
Femmena
Si ddoce comme 'o zucchero
però sta faccia d'angelo
te serve pe 'ngannà
Femmena,
tu si 'a cchiù bella femmena,
te voglio bene e t'odio
nun te pozzo scurdà
Te voglio ancora bene
Ma tu nun saie pecchè
pecchè l'unico ammore
si stata tu pe me
E tu pe nu capriccio
tutto 'e distrutto,ojnè,
Ma Dio nun t'o perdone
chello ch'e fatto a mme!


Malafemmena
Massimo Ranieri
Antonio De Curtis (Totò) 1951






Malafemmena è una canzone scritta da Totò nel 1951 in occasione del concorso di Piedigrotta La Canzonetta 1951 e fu assegnata a Mario Abbate che la incise su disco Vis Radio.
Fu, in seguito, portata al successo da Giacomo Rondinella.

Ne ebbe un grande successo anche l'interpretazione di Teddy Reno nel film Totò, Peppino e la... malafemmina di Camillo Mastrocinque (1956).

La canzone, scritta in napoletano, parla in termini drammatici di un amore contrastato per una malafemmena, che in questo caso assume il significato di donna affascinante e che fa soffrire, quasi insensibile, malvagia: indifferente alle pene d'amore che infligge al proprio innamorato.

Chi fosse la vera musa ispiratrice della canzone Malafemmena si è saputo decenni dopo grazie alle dichiarazioni di Liliana de Curtis, figlia dell'autore Totò.
A lungo era diffusa la credenza che Malafemmena fosse stata scritta per l'attrice Silvana Pampanini, conosciuta su set di 47 morto che parla, la quale aveva rifiutato la sua offerta di matrimonio.
Liliana de Curtis ha affermato che la canzone fu scritta in realtà per la madre, Diana Bandini Lucchesini Rogliani, moglie di Totò, come risulta anche dalla dedica acclusa al testo della canzone depositato dall'autore presso la SIAE: A Diana.
La moglie Diana sarebbe stata, infatti, colpevole di essere venuta meno a una promessa che i coniugi si erano scambiati: anche se ufficialmente separati avevano concordato di convivere nella stessa casa e condividere anche il talamo come fidanzati sino al raggiungimento del diciottesimo compleanno della figlia Liliana; ciò di fatto concedeva all'uomo Totò una situazione di considerevole vantaggio mentre alla ex moglie Diana una posizione di sudditanza anche per dover subire le infedeltà da parte del marito; dopo l'ennesimo tradimento Diana lasciò invece Totò per sposare l'avvocato Michele Tufaroli.

La canzone è considerata il maggior successo musicale di Totò ed è stata riproposta in una grande quantità di interpretazioni.
c29396f9-d9a7-425d-a787-2e15e38ce554
« immagine » Malafemmena Si avisse fatto a n'ato chello ch'e fatto a mme st'ommo t'avesse acciso, tu vuò sapé pecché? Pecché 'ncopp'a sta terra femmene comme a te non ce hanna sta pé n'ommo onesto comme a me!... Femmena Tu si na malafemmena Chist'uocchie 'e fatto chiagnere.. Lacreme e 'nfamità...
Post
13/08/2017 06:24:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9

Commenti

  1. xspirito.liberox 13 agosto 2017 ore 07:12
    hai sentito la versione cantata da Sal Da vinci?
  2. oDiabolik 13 agosto 2017 ore 07:16
    @xspirito.liberox : :rosa

    No, sinceramente.
  3. xspirito.liberox 13 agosto 2017 ore 07:20
    ascoltala ....
  4. antioco1 13 agosto 2017 ore 10:42
    bello il post la canzone e la storia d amore
  5. oDiabolik 13 agosto 2017 ore 13:20
    @antioco1 :

    Grazie ciao Ale
  6. Evelin64 13 agosto 2017 ore 13:50
    ...davvero molto bella e significativa.. :rosa
  7. Illumia1 13 agosto 2017 ore 15:20
    Un capolavoro :-))
  8. tex.965 13 agosto 2017 ore 17:38
    :rosa
  9. oDiabolik 13 agosto 2017 ore 19:05
    @Evelin64 : :rosa

    Si!
  10. oDiabolik 13 agosto 2017 ore 19:06
    @Illumia1 : :rosa

    Si!
  11. oDiabolik 13 agosto 2017 ore 19:06
    @tex.965 : :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.