Reginella

03 dicembre 2017 ore 08:06 segnala



Reginella


Te si' fatta 'na veste scullata,
nu cappiello cu 'e nastre e cu 'e rrose...
Stive 'mmiezo a tre o quattro sciantose,
e parlave francese... è accussì?
Fuje l'autriere ca t'aggio 'ncuntrata?
Fuje l'autriere, a Tuleto, gnorsì...

T'aggio vuluto bene a te...
Tu m'è vuluto bene a me!
Mo nun 'nce amammo cchiù,
ma 'e vvote tu
distrattamente pienze a me!

Reginè, quanno stive cu mmico
non magnave ca pane e cerase,
nuie campavamo 'e vase! E che vase,
tu cantave e chiagnive pe' me...
E 'o cardillo cantava cu ttico:
Reginella 'o vuo' bene a 'stu rre

T'aggio vuluto bene a te...
Tu m'è vuluto bene a me!
Mo nun 'nce amammo cchiù,
ma 'e vvote tu
distrattamente pienze a me!

Oj cardillo, a chi aspiette stasera?
Nun 'o vide? aggio aperta 'a cajola,
Reginella è vulata, e tu vola!
Vola e canta, nun chiagnere ccà!
t'he' 'à truva' 'na patrona sincera
ca è cchiù degna 'e sentirte 'e cantà.

T'aggio vuluto bene a te...
Tu m'è vuluto bene a me!
Mo nun 'nce amammo cchiù,
ma 'e vvote tu
distrattamente pienze a me!


(testo di Libero Bovio - musica di Gaetano Lama) 1917






Reginella è una delle canzoni napoletane più famose di tutti i tempi.
Pubblicata dalla Casa editrice musicale La Canzonetta, è stata scritta nel 1917 da Libero Bovio (tra l'altro autore di moltissime altre canzoni napoletane di successo come Lacreme napulitane, Silenzio cantatore, Tu ca nun chiagne, ‘O Paese d'o sole, Zappatore, Chiove, Signorinella, Guapparia) e musicata da Gaetano Lama a tempo di valzer.

Lui ha rivisto il suo vecchio amore due giorni prima in via Toledo: lei era vestita con abiti scollati, portava un cappello con nastri e rose, era in compagnia di alcune sciantose e parlava francese.

Ricorda di quando stavano insieme, di quando non mangiavano che pane e ciliegie e vivevano di baci, di quando lei cantava e piangeva per lui, di quando il cardellino cantava insieme a lei: “Reginella vuole bene al suo re”.


Ma ora lui invita il cardellino a scappare dalla gabbia che ha volutamente aperto, a volare via come se n'è volata la sua Reginella, a non continuare a piangere la sua padrona che non c'è più ma a cercarsene un'altra più sincera.

Il ritornello evoca la flebile traccia che rimane dell'antica passione: «ora che non ci amiamo più, tu a volte distrattamente pensi a me».

Moltissimi artisti si sono cimentati nell'esecuzione Reginella.
Una delle prime incisioni è stata ad opera di Gilda Mignonette nel 1918, che la esportò all'estero, facendone uno dei suoi cavalli di battaglia.
Notevole l'interpretazione che ne diede in seguito Roberto Murolo, rendendola a sua volta un classico del suo repertorio.
Negli anni 80 sarà riproposta anche da Massimo Ranieri e negli anni 90 da Mia Martini.
c56df2fd-e4cf-4ed7-96e5-3f5af1a350af
« immagine » Reginella Te si' fatta 'na veste scullata, nu cappiello cu 'e nastre e cu 'e rrose... Stive 'mmiezo a tre o quattro sciantose, e parlave francese... è accussì? Fuje l'autriere ca t'aggio 'ncuntrata? Fuje l'autriere, a Tuleto, gnorsì... T'aggio vuluto bene a te... Tu m'è vuluto be...
Post
03/12/2017 08:06:55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10

Commenti

  1. antioco1 03 dicembre 2017 ore 09:34
    stupenda canzone bravo Ranieri ma bravo te ciao saf buona giornata
  2. oDiabolik 03 dicembre 2017 ore 10:19
    @antioco1 :

    Grazie Ale ciao

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.