Un sogno vecchio per uno nuovo.......

09 luglio 2018 ore 18:17 segnala
Emigrati. Economici, politici, bianchi e di colore : emigrati. Gente che parte con la speranza di una vita migliore e che non ha fatto i conti su quanto sia difficile andare e cominciare da capo, per di più in un paese straniero. Hanno una cosa in comune : sono emigrati. Gente che non sa più dov’è il suo posto, dove si trova la sua casa. Fisicamente vivono e lavorano in un paese straniero ma l’anima e il cuore li hanno lasciati nel loro. Il sogno di una vita migliore presto finisce, la vita è dura da per tutti, i problemi sono relativi. Per di più rimani sempre straniero. Un uomo senza un passato che ti sostiene, un eterno infido, a cui manca il fiato tutte le volte che sente che è successo qualcosa, tutte le volte che vede in tv i crimini causati da emigrati. Su di te si può pensare e dire ogni cosa, sei un straniero, uno sconosciuto, e dello sconosciuto la gente ha sempre paura. Allora stringi i denti e tiri avanti. E chi non lo farebbe? Torna per le vacanze nel suo paese, con una montagna di malinconia nel cuore e spera di trovare i suoi amici che ha lasciato là, quel piccolo bar, la dolce vicina di casa con la quale ha condiviso per anni e anni i suoi problemi e preoccupazioni. E trova … cambiamenti. Gli amici non hanno più tempo per te, il bar non c’è più, al suo posto c’è un altro edificio alto, il ritmo della vita e cambiata. Ti dicono che qualcuno è diventato ricco, e qualcuno fa la fame. Ancora peggio qualcuno non c’è più tra i vivi… Ci sono così poche le cose che non le trovi cambiate, cosi poche, che cominci a sentirti straniero nel tuo paese e non vedi l’ora che i giorni di vacanza, oramai pieni di rabbia, passino in fretta per ritornare al tuo lavoro e che la vita prenda i suoi ritmi. Ti senti uno straniero che lascia il tuo paese per tornare di nuovo straniero in un paese straniero. L’aereo decolla e tu giri la testa per vedere anche una volta indietro, e tutta la tua rabbia svanisce e la malinconia ricomincia a crescere dentro la tua anima, di nuovo pesante come una montagna e hai l’occhi pieni di lacrime e di disperazione mentre il cuore ti dice : questo è il tuo paese. L’aereo continua a alzarsi e tu sei sopra il mare. Fai una promessa a te stesso, un giorno ritornerò per sempre. Adesso sei sopra le nuvole, in alto, molto in alto, e la promessa diventa desiderio e il desiderio cresce, e la mente torna a quella città che hai appena lasciato, alle sue strade, a quegli amici e a quel bar che non hai trovato, e il desiderio si trasforma in un sogno. Un nuovo sogno, che prende forma ogni giorno e comunque sia sei consapevole che più passa il tempo più diventa difficile realizzarlo. Allora lassù, più su, nel confine tra i due paesi, ti rendi conto che ormai non appartieni più totalmente a nessuno dei due, sei rimasto senza patria, sei un emigrato, sei un uccello migratorio che si muove non secondo le stagioni dell’anno ma secondo le possibilità finanziarie e le stagioni della malinconia del cuore. E da quà un urlo silenzioso si solleva dalla tua anima, come una bestia ferita caduta nella trappola, nella trappola ingannatrice di un sogno nuovo e di uno vecchio che cambiano i posti continuamente.
86d2f4d0-c29d-40de-a7e4-a0bc53277a61
Emigrati. Economici, politici, bianchi e di colore : emigrati. Gente che parte con la speranza di una vita migliore e che non ha fatto i conti su quanto sia difficile andare e cominciare da capo, per di più in un paese straniero. Hanno una cosa in comune : sono emigrati. Gente che non sa più dov’è...
Post
09/07/2018 18:17:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. F.alco10 09 luglio 2018 ore 18:30
    Mi hai commosso, Angelo: io sono stato fuori per lavoro otto anni, ma sempre in Italia e ho vissuto sensazioni simili alle tue. Ma per chi è straniero, deve essere terribile non ritrovare nulla nel paese d'origine e non sentirsi integrato del tutto nel nuovo. Sarebbe come se qualcuno ti avesse estirpato il cuore della tua identità... Vedrai comunque che qui i veri amici li troverai, pronti a tenderti una mano... Il finale della tua riflessione è altamente poetico e denso di significato.
    Un caro saluto.
  2. Offline74 09 luglio 2018 ore 18:36
    Grazie per avermi capito, e proprio quello che volevo esprimermi. Un caro saluto, Daniele, questi 6 mesi di lontananza dall'Italia, mi stanno devastando, mi sento peggio di un immigrato, non mi prolungo tu mi hai capito cosa intendo.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.