La promessa

19 aprile 2021 ore 11:44 segnala



Zittisci il vento, allontana il freddo, consola tenera, ardita vita nuova. Avvolgi di tepore lanugine nelle tane e piumino nei nidi, girini frettolosi e crisalidi impazienti di volare... accorda lieve batter d'ali, sibilo di serpenti, sbuffare di ricci, suadente cinguettio tra smeraldine gemme... accarezza lunghe ciglia di caprioli, soffici code di volpi, buffe orecchie di lepri, fragranti corolle tra i rami.
Asciuga alla memoria le lacrime del duro inverno, cancella il beffardo sorriso di sangue del nemico ormai sazio, l'orrore delle prede. Nascondi le nuvole al cielo e al cuore, convincimi a credere che il buio non ci sorprenderà, una volta ancora, vulnerabili.
Portami il suo profumo e la sua musica nell'aria, la brezza dei suoi pensieri, fiero aquilone da inseguire, da trattenere. Sguardi d'ambra e frutti selvatici, nere pupille, voragini tra iridi di primule per perderci. Sulla pelle bramati grappoli di morsi e baci, rivoli di nettare, briciole di luna per ritrovarci.
Mantieni la promessa, l'arcaico patto con streghe e dei, ricama ai tramonti il leggiadro, zaffiro volo delle rondini.
09a83f2f-ef53-4179-a3cd-d3ac408104db
« immagine » Zittisci il vento, allontana il freddo, consola tenera, ardita vita nuova. Avvolgi di tepore lanugine nelle tane e piumino nei nidi, girini frettolosi e crisalidi impazienti di volare... accorda lieve batter d'ali, sibilo di serpenti, sbuffare di ricci, suadente cinguettio tra...
Post
19/04/2021 11:44:12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    19
  • commenti
    comment
    Comment
    15

Un'altra alba

29 marzo 2021 ore 17:07 segnala
Intingo nell'indelebile nero inchiostro della notte le parole da rileggere quando saremo lontani... quando la bassa marea si prenderà gioco di me, scoglio assetato... quando il vento mi eviterà, vela ammainata, barca legata alla terra tradita dal destino come una sirena senza coda né gambe, senza ossigeno. Contendo agli astri luccicante argento per raccontare i contorni del mio muso sul tuo petto, delle tue braccia, forti ali di gabbiano che trattengono attimi di cielo sereno e tempesta, desiderio e paura. Asciugo le lacrime rosse della Luna, annodo tristezza e pagine buie, riscrivo la speranza con gocce di vivace, chiara spuma.            
Spilli di luce tormentano il crepuscolo e nuda pelle, torturano gli occhi, costringono a cercare, a piegarsi al primo raggio del Sole tra la falesia e la magia di un nuovo giorno. Un'altra alba brilla sulle onde, illumina ed inebria, toglie il respiro, soffoca la voce, inchioda al presente... alla vita che, dolce di sale e divertita, fugge ancora, come il mio mare, tra le dita.
cf78d8e3-b4b3-4099-9ba2-07878d4bd44f
« immagine » Intingo nell'indelebile nero inchiostro della notte le parole da rileggere quando saremo lontani... quando la bassa marea si prenderà gioco di me, scoglio assetato... quando il vento mi eviterà, vela ammainata, barca legata alla terra tradita dal destino come una sirena senza coda...
Post
29/03/2021 17:07:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    25
  • commenti
    comment
    Comment
    17

Semplicemente amore

15 febbraio 2021 ore 11:32 segnala
Lui si sedette, aggrottò la fronte, sospirò un poco e disse: "E' la meraviglia della benevola luna piena, la gioia del melodioso cinguettio tra i rami, lo stupore degli uccelli per la vastità del cielo, la commozione per l'ultimo volo delle farfalle, la gratitudine di ogni nuova vita nei bozzoli, negli stagni, nei nidi, nelle tane... il calore del nostro branco quando sei stata male, le segrete lacrime dei tuoi genitori, il conforto dei tuoi fratelli e delle tue sorelle che, a turno, ti tenevano compagnia... gli spintoni di Macchianera..."
Lei strabuzzò gli occhietti nocciola, imbarazzata chinò la testolina da un lato. Lui sorrise e ribadì: "Gli spintoni di Macchianera... per farti inciampare, per poi ridere di te e farti arrabbiare... per i ringhi da lupetta feroce, per i tuoi bronci così colmi di tenerezza... per donarti una pigna ricca di pinoli, la più grossa della pineta, per farsi perdonare, per farti felice."
"L'amore è tutto questo e tanto di più, cucciola mia... il cuore che scoppia per una carezza inaspettata, un bacio rubato, un sogno che si realizza, un nome... è il color miele delle iridi della mia sposa che ritrovo nei nostri figli, in un fiume di ricordi, in ogni respiro del nostro bosco."
Liquido dolore velò lo sguardo del vecchio saggio. Lei si avvicinò, ringraziò e commossa gli baciò il canuto muso.
Aveva la risposta alla sua domanda, aveva capito, quel sentimento che le pervadeva l'anima era amore, semplicemente amore. Imboccò il viottolo verso casa, tra i tronchi degli alberi le ombre della sera danzavano con gli ultimi raggi di sole.
3d9fc075-3147-4eb6-a8fa-1e8587abb7c4
« immagine » Lui si sedette, aggrottò la fronte, sospirò un poco e disse: "E' la meraviglia della benevola luna piena, la gioia del melodioso cinguettio tra i rami, lo stupore degli uccelli per la vastità del cielo, la commozione per l'ultimo volo delle farfalle, la gratitudine di ogni nuova vita...
Post
15/02/2021 11:32:40
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    25
  • commenti
    comment
    Comment
    28

Scrivimi

01 febbraio 2021 ore 10:34 segnala
Scrivimi tra le pagine innevate di questo lungo inverno con sette matite intinte nel cuore dell'arcobaleno. Parole che dipingano il desiderio di labbra socchiuse, la bontà delle arance, il primo volo del canarino, il brulicante bosco di primavera, il mare che brama tempesta, il sereno crepuscolo, la fragranza dei ciclamini. Traccia i contorni dell'incanto dei nove cieli, d'oscura energia, plasma e vento stellare, del cosmo che, come un gatto sornione, si stiracchia, acchiappa prede, lacrime e sogni e li tramuta in astri. Intreccia pensieri e poesia alla carta, raccontami la pioggia che colpisce, rimbalza, ricade, disseta la terra... maestosi alberi fieri custodi del tempo, antica corteccia, profumata chioma generosa di foglie e nidi... canti d'amore alla Luna, corse a perdifiato nel gelo inseguendo un'altra stagione, soffi di nuova vita nel tepore della tana. Svelami l'ultima riga, geometria di sfumata grafite tra il nulla e l'infinito, epilogo di ciò che è stato, neonata trama di ciò che sarà.
c2e03768-b17a-4ab3-8fe6-ea49e7bf6436
« immagine » Scrivimi tra le pagine innevate di questo lungo inverno con sette matite intinte nel cuore dell'arcobaleno. Parole che dipingano il desiderio di labbra socchiuse, la bontà delle arance, il primo volo del canarino, il brulicante bosco di primavera, il mare che brama tempesta, il sere...
Post
01/02/2021 10:34:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    25
  • commenti
    comment
    Comment
    22

L'incanto di un sorriso

11 gennaio 2021 ore 13:45 segnala
Non abbassare lo sguardo, non ignorare il liquido velo che m'illumina le iridi e s'affaccia incontenibile tra le ciglia. Non cancellare con le dita, con l'indifferenza la goccia di sale che intraprende il suo viaggio, riga la guancia, vela lungo la costa selvaggia.
Sii come l'oceano che conosce ogni sua fiera stilla, la pietà, la tenerezza, la gioia e i doni della vita, il canto del delfino per il branco e le stelle, la pazienza del corallo, la fame saziata dell'albatros... che custodisce i segreti sospiri d'orme e castelli di rena dimenticati, d'inutili messaggi in bottiglia, di brezze troppo deboli per rinascere... che culla disperazione e sofferenza, la piccola balena straziata, strappata all'amore della madre... che consola la donna che stringe al petto il corpo della sua creatura, là dove l'onda rivela la fine dell'umana ragione, la morte della giustizia, della compassione, della speranza.
Sii alchimia di rotta d'astri, vento, alghe e poesia. Non permettere a nessuna lacrima di scivolare dalle labbra e perdersi nel silenzio. Sorprendimi con la dolcezza di un bacio salato, con la magia che, una volta ancora, dipingerà sul mio viso l'incanto di un sorriso.
af2cf3ac-b496-4ae0-89dc-ff06405d25be
« immagine » Non abbassare lo sguardo, non ignorare il liquido velo che m'illumina le iridi e s'affaccia incontenibile tra le ciglia. Non cancellare con le dita, con l'indifferenza la goccia di sale che intraprende il suo viaggio, riga la guancia, vela lungo la costa selvaggia. Sii come l'oceano ...
Post
11/01/2021 13:45:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    24
  • commenti
    comment
    Comment
    18

Musica

07 dicembre 2020 ore 10:58 segnala
Tiepidi raggi di sole sciolgono la mia coperta di neve, donano calore ad ovattati pensieri e taciute, immobili parole, consolano il lento avanzare del tempo scandito dall'assenza. Leggera brezza desta il silenzio del cuore, vibrare di sartie, tintinnio di drizze sugli alberi di barche dormienti, lo stridere malinconico del gabbiano che insegue il suo stormo, il frusciare e il dissolversi delle vitree minute creste. Nella melodia del vento riconosco il respiro del bosco, allegra acqua dolce, figlia del gelo, promessa sposa del sale, armoniosi fischi e trilli tra i rami, sospiri d'arbusti e fili d'erba feriti. Nel mio vortice dei battiti danzano gemiti di pelle nuda. Fredde gocce m'imperlano il viso, scivolano sulle labbra socchiuse, soffio un bacio salmastro. Un ululato lontano fende l'aria, scuote l'anima.
Mi lascio alle spalle scogli d'alghe e paure, la carezzevole voce del mare si spegne, nell'aria suoni distorti, frenetici, virtuosi, s'accende un sentiero di note.
bf640fb4-68b6-4efe-a9ec-1666ded3486e
Tiepidi raggi di sole sciolgono la mia coperta di neve, donano calore ad ovattati pensieri e taciute, immobili parole, consolano il lento avanzare del tempo scandito dall'assenza. Leggera brezza desta il silenzio del cuore, vibrare di sartie, tintinnio di drizze sugli alberi di barche dormienti, lo...
Post
07/12/2020 10:58:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    29
  • commenti
    comment
    Comment
    8

Favola d'inverno

23 novembre 2020 ore 13:07 segnala
Silenzio glaciale e pesanti nuvole coprono il segreto d'Orione e l'argentea Luna, la magia della notte tramuta le lacrime in preziosi petali. L'alba sfoglia pagine imbiancate, svela il simmetrico mistero di minuscoli, perfetti fiocchi, mostra la bianca coperta e i suoi ostinati decori, piccoli fiori dal giallo cuore... la candida cornice del pettirosso col suo tesoro di dolci briciole... i giochi, i dispetti, i baci di lupi innamorati. I primi raggi del Sole accarezzano la spessa coltre sul sangue innocente, tributo dei boschi, sulle rosse mura alzate tra gli affetti... sciolgono la paura attorno ai salti del capriolo, alle tane di vecchi e cuccioli, le note ghiacciate tra i capelli. La limpida luce del giorno illumina liquida neve, accompagna rivoli d'acqua, il loro cammino, favola d'inverno da raccontare, dove il fiume si perde nel mare.
45d32a4b-13e5-4ad5-a06c-8d2e39ffc108
« immagine » Silenzio glaciale e pesanti nuvole coprono il segreto d'Orione e l'argentea Luna, la magia della notte tramuta le lacrime in preziosi petali. L'alba sfoglia pagine imbiancate, svela il simmetrico mistero di minuscoli, perfetti fiocchi, mostra la bianca coperta e i suoi ostinati deco...
Post
23/11/2020 13:07:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    27
  • commenti
    comment
    Comment
    8

Tempesta

09 novembre 2020 ore 11:02 segnala
Riempi il vuoto che hai lasciato, ricami di spuma di mare sulla pelle nuda e acqua salata che, inevitabilmente, scivola tra le dita, la profondità della pozzanghera e l'Oceano, goccia a goccia. Portami profumo di mele caramellate dei giorni di festa, dolcezza di fragole mature, di cielo che sembra panna... visi tatuati dal tempo, riccioli di bimbi, soffici piume, cuori di cani d'accarezzare. Accendi la musica, dissolve il frastuono della morte, il silenzio della paura imbavagliata... danza coi Bardi nella foresta, canta la canzone d'amore che più gli assomiglia. Donami la fantasia, cancella le sbarre di ogni prigione, il dolore e le sue battaglie vinte... riscrivi nomi ed affetti ignorati sostituiti dai numeri... svela i volti celati degli eroi, di chi ci tiene per mano senza sfiorarci... illumina i sorrisi di occhi fatti a pezzi che ingoiano altre lacrime. Torna con me, aggomitolati una volta ancora all'anima, placa la tempesta, dispettosa Ombra d'argento, vela d'orgoglio e forza temuta dal nostro vento.
4a5965f5-5ae2-4a3a-8d1b-aca7b8838f3c
« immagine » Riempi il vuoto che hai lasciato, ricami di spuma di mare sulla pelle nuda e acqua salata che, inevitabilmente, scivola tra le dita, la profondità della pozzanghera e l'Oceano, goccia a goccia. Portami profumo di mele caramellate dei giorni di festa, dolcezza di fragole mature, di c...
Post
09/11/2020 11:02:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    27
  • commenti
    comment
    Comment
    10

Preda d'amore

24 ottobre 2020 ore 11:40 segnala
Percorrimi, sentiero prigioniero dell'incantesimo d'autunno... fiutami, molecole d'ombra sul muschio... avvicinami, sii pensiero, sentore, presenza.
Rubami al branco e alla Luna. Ascoltami, indifesa foglia sotto i tuoi passi... vegliami come Sirio e il suo gelido cielo... salvami dalle tagliole, dai proiettili, dal sangue, rosso virus della paura. Sfiorami, brividi d'ululati lontani... abbracciami come Madre Terra... baciami, timido cerbiatto, cacciatore del sogno di libertà... stringimi, impetuoso vento dell'Est. Prendimi, sguardo di brace, insaziabile ambra fonde salati cristalli tra le ciglia... fiamma di luce arde nel petto, scioglie la neve d'inverni dimenticati.
Liberami, goccia di rugiada trafitta dal primo raggio di Sole, ferita d'istinto e d'ardore, preda d'amore.
be576f44-6a4e-4693-8008-39d60257aefa
« immagine » Percorrimi, sentiero prigioniero dell'incantesimo d'autunno... fiutami, molecole d'ombra sul muschio... avvicinami, sii pensiero, sentore, presenza. Rubami al branco e alla Luna. Ascoltami, indifesa foglia sotto i tuoi passi... vegliami come Sirio e il suo gelido cielo... salvami da...
Post
24/10/2020 11:40:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    23
  • commenti
    comment
    Comment
    6

11 ottobre

11 ottobre 2020 ore 19:33 segnala
Il mio gomitolo di fusa appiccicato al cuore, una finestra che sbatte, gelido vento dell'Est che prima non c'era, temuta pioggia. Insonnia di profumo d'autunno a picco sul mare, di rincorrersi di tuoni, di garriti d'inquieti gabbiani, di canzoni che respingono il timore. Pensieri in pezzi, tessere di un puzzle, incastro d'amore... indelebili affetti che tracciano nuove rotte oltre l'orizzonte. Guerra d'eroi, sopravvissuti e sognatori... abbracci soffocati nei pugni... piccole vele gonfie di parole e sospiri, colorate mascherine distanti dal Carnevale, vicine alle silenti risa degli occhi. La notte che, sorniona, si stiracchia, s'illumina, s'arrende al crepuscolo. Fumo d'ardesia ammanta il cielo di Venere.

A Giorgio, a Sandro.

:cuore ~~~

"Il bravo marinaio salva la barca e il suo equipaggio nella tempesta, l’ottimo marinaio ha scelto di non uscire e dalla finestra guarda il bravo marinaio in mare, mentre lotta per salvare la barca e l'equipaggio."
a24ff82f-5550-4873-abc7-a04d06928b55
Il mio gomitolo di fusa appiccicato al cuore, una finestra che sbatte, gelido vento dell'Est che prima non c'era, temuta pioggia. Insonnia di profumo d'autunno a picco sul mare, di rincorrersi di tuoni, di garriti d'inquieti gabbiani, di canzoni che respingono il timore. Pensieri in pezzi, tessere...
Post
11/10/2020 19:33:26
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    23
  • commenti
    comment
    Comment
    4