Gocce del Tuo veleno

17 aprile 2018 ore 12:24 segnala


Hai lasciato credere di amore e passioni ormai lontane, di colpe non tue, dovute alla lontananza. Hai nascosto la tua vera identità come per proteggere il tuo mondo ferito, cercando consenso nelle parole della tua inutile ragione, dispersa come sabbia nel vento. Senza mai lasciare che altri rivelassero le loro scelte di allontanarsi da te.

Sembrava di cuore, polmone e poesia essere fatta la tua anima candida, che raccontavi come impressa nel sangue che sgorga da fonte di verità, l’unica che portava il tuo nome. Lacrime e fiducia spezzata, di questo parlavi nell'agorà che ti eri costruita su misura, per essere la sola regina del dolore.

Poi quelle tue parole, di cui ti eri circondata, ti hanno tradita. Hai dovuto parlare di te, della tua vera natura, delle TUE distanze, quelle di cuore che non hai, quelle di un pegno restituito perché immeritato. Chissà quante di quelle spine di cui parlavi, omologate al copione che ti eri scritta e che recitavi abilmente, da interprete e da regista, persino da curiosa e disattente spettatrice, hai disperso al vento solo per essere capita, compiaciuta e scelta.

E di quei tuoi inutili racconti, intrisi in oscure Gocce del Tuo veleno, di quel millantato disegno di martirio che sembrava essere cosi dolcemente sopportato, dipinto di quell'inchiostro striato di nero, che hai usato per dissimulare il tuo mondo, ti sei fatta scudo. Così finalmente svelata, hai dovuto rivelare di te davvero salvo poi mostrare la tua vile natura con l’uso della censura, togliendo la risposta a chi tentava di scoprire il tuo (ormai) fallimentare gioco.

Ma ormai sei svelata e nessuno crederà alle tue falsità e menzogne perché tu sei così, veleno che nasconde e che distrugge.
966674cf-238b-473c-8520-99ecfaf6e41b
« immagine » Hai lasciato credere di amore e passioni ormai lontane, di colpe non tue, dovute alla lontananza. Hai nascosto la tua vera identità come per proteggere il tuo mondo ferito, cercando consenso nelle parole della tua inutile ragione, dispersa come sabbia nel vento. Senza mai lasciare ch...
Post
17/04/2018 12:24:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. leggendolamano 17 aprile 2018 ore 12:36
    E damme stu veleno,
    nun aspettà dimane...
    ca, indifferentemente,
    si tu mm'accide nun te dico niente......
    canzone bellissima
  2. OpzioneA 17 aprile 2018 ore 12:40
    cercherò di ascoltarla....promesso!
  3. NnSnUnAngelo 18 aprile 2018 ore 09:40
    questo post ... duro! scrivi benissimo, è un piacere leggerti!
  4. OpzioneA 18 aprile 2018 ore 14:13
    Grazie sei gentile. Scrivere è sempre liberatorio e quando qualcuno mi censura mi manca di rispetto. Cerco di comportarmi diversamente da chi si comporta cosi con me....distinguendomi e facendo capire quello che mi ha ferito. Me se qualcuno si oppone al dialogo questo fa degenerare i rapporti. Gli umani dovrebbero dialogare sempre anche nelle contraddizioni e nella contrarietà di opinioni. Quando non lo fanno ... arrivano i problemi. Sempre
  5. LUNA.2404 23 aprile 2018 ore 20:28
    Non tutti hanno la capacità di dialogare, i più si nascondo, rimangono muti, spariscono ... purtroppo è così!
  6. OpzioneA 23 aprile 2018 ore 20:32
    Tutto dipende, alcuni spariscono perché hanno paura altri perché non possono reggere quel dialogo. Ciascuno ha i proprio demoni da sconfiggere e spesso siamo da questi dominati. Purtroppo e per fortuna.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.