Un cane ferito al collo viene lasciato

04 gennaio 2018 ore 16:26 segnala
al suo destino, a salvarlo un messaggio su Facebook

«C’è un cane coricato nel giardino dei vicini da almeno tre giorni. È ferito, non mangia e non beve acqua. Se qualcuno lo riconosce per favore mi avverta o se qualcuno può portarlo in un rifugio lo faccia perché probabilmente morirà. Non vogliono chiamare l’Animal Control perché sarebbe sottoposto a eutanasia. Scrivetemi per info e indirizzo». Questo accorato messaggio scritto su Facebook da un utente probabilmente ha salvato la vita a Salvatore.



Lui è Salvatore, un cane abbandonato alla catena. Per due settimane ha dovuto lottare per sopravvivere, con una profonda ferita sul suo collo. Come se tutto questo non bastasse, probabilmente era anche stato investito da un’auto. «Salvatore sta combattendo per vivere a causa di una profonda ferita, con lacerazioni sul collo e sulle orecchie. Ha una zampa rotta e penzolante quando cammina. Una situazione che gli provoca fortissimi dolori» scrivono su Facebook i volontari del Rescue Dogs Rock di New York che si stanno prendendo cura di lui. Per loro il primo salvataggio del nuovo anno: «Nulla può impedirci di salvare un animale, nemmeno nelle vacanze... Non riposiamo mai, siamo sempre attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7» scrivono i volontari orgogliosi del loro lavoro.





Ora Salvatore dovrà essere sottoposto a un delicato e costoso intervento alla gamba per permettergli di tornare a vivere normalmente. Ma il peggio sembra davvero essere passato. Salvato da un messaggio lanciato sul web.



Fonte LaZampa.it - LA STAMPA -
7f251596-76ca-44d6-b8fa-079b641359f4
al suo destino, a salvarlo un messaggio su Facebook «C’è un cane coricato nel giardino dei vicini da almeno tre giorni. È ferito, non mangia e non beve acqua. Se qualcuno lo riconosce per favore mi avverta o se qualcuno può portarlo in un rifugio lo faccia perché probabilmente morirà. Non vogliono...
Post
04/01/2018 16:26:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.