Biscotti al cioccolato...

17 novembre 2017 ore 21:33 segnala
In un giorno non tanto lontano. In un pianeta, in cui tutti parlavano e nessuno sapeva ascoltare, si verificò un evento inaspettato.
Una fanciulla di nome Nica si ritrovò nello stesso luogo dove poc'anzi s'era consumata la sua semi disfatta. Difatti, la tempesta che l'aveva travolta era quasi riuscita a distruggerla. Era a pezzi, ma non completamente abbattuta. Si fece forza.
Così con occhi diversi e con un animo nuovo e battagliero, riprese a passeggiare in quei luoghi che un tempo le erano tanto cari ma che l'avevano ingannata.
Il suo solo fine era quello di distarsi da un momento che stava vivendo.
E fu così, che lungo il suo cammino qualcuno catturò la sua attenzione.
Questo qualcuno si chiamava Mr Yellow. Lui aveva un modo unico di rappresentare la realtà, così cinico, ironico e sibillino, che però lei riusciva a comprendere. Un giorno Nica prese coraggio e iniziò ad interagire con lui, restandone molto sorpresa e divertita.
I giorni si susseguirono piacevolmente. E come i primi raggi di un sole primaverile che s'impongono prepotentemente dopo un gelido inverno, lei iniziò a beneficiare di quella compagnia e dei sorrisi che le venivano donati da quello sconosciuto che incontrava sempre più spesso.
Nella sua testa cominciò ad apprezzarlo e stimarlo sempre più.
Nica aveva tanto da imparare da Mr Yellow.
I giorni divennero mesi, in un'altalena di eventi ed emozioni tra paletti, "litigate", fiammate di Grisù, e ancora risate, supercazzole, giramenti di pale e puntini sulle "i".
I due giunsero alle porte dell'autunno. Lei si aprì maggiormente raccontandosi con naturalezza. Fu allora che conobbe un altro lui, l'amicone capace di metterla sempre in guardia e allo stesso tempo complice e un po’ protettivo, tutto questo sempre con rispetto, ironia e ilarità.
Nella mente di lei balenò più volte un pensiero. "Quella gioviale sintonia poteva essere traslata altrove?"
Impavida ci provò. Ma la fretta ed altre circostanze le indicarono che non era il tempo. Ne fu comunque felice. In fondo, come aveva sempre detto a lui, da quella situazione non aveva mai preteso niente, ne tantomeno lui le doveva qualcosa.
Tutto le era arrivato come un dono inaspettato ed era davvero colma di gratitudine.
In cuor suo era grata a Mr Yellow: per i momenti di spensieratezza che aveva ricevuto e sperava di continuare a ricevere, per il tempo che avevano condiviso (per lei mai perso ma ben investito), per i racconti, le discussioni, le risate, le incazzature e la comprensione reciproca.
Un mattino, con l'arrivo della stagione fredda, Mr Yellow salutò, a suo modo, Nica e si ritirò in letargo con i suoi adorati biscotti al cioccolato, di cui era ghiotto. Fine.

Morale della favola, apprezzate sempre ciò che la vita vi regala in modo spontaneo e inaspettato. Siate " ingordi". Perché dietro l'angolo c'è sempre un biscotto al cioccolato "tentatore"...
Naturalmente scherzo!

Comunque Mr Yellow e Nica non esistono.
Ma sono certa che se fossero reali sarebbero due gran rompiballe. E due rompiballe insieme risulterebbero decisamente troppi!
74b1e693-5760-4904-853f-e640dff7fc5e
In un giorno non tanto lontano. In un pianeta, in cui tutti parlavano e nessuno sapeva ascoltato, si verificò un evento inaspettato. Una fanciulla di nome Nica si ritrovò nello stesso luogo dove poc'anzi s'era consumata la sua semi disfatta. Difatti, la tempesta che l'aveva travolta era quasi...
Post
17/11/2017 21:33:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. ofme 03 dicembre 2017 ore 01:39
    Altrochè scherzi tu dici il vero, questo racconto, me sa che tappartiene e bene scritto, tu, penso abbia vissuto questo tuo dire, complimenti per la chiarezza nel tuo racconto o storiella, ma io ci vedo tanta verità in ciò che dici, te sai scrivere molto bene, complimenti chiunque te sia.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.