Libri

22 gennaio 2010 ore 23:52 segnala

Tutti i libri del mondo
non ti danno la felicità,
però in segreto
ti rinviano a te stesso.

Lì c'è tutto ciò di cui hai bisogno,
sole stelle luna.
Perché la luce che cercavi
vive dentro di te.

La saggezza che hai cercato
a lungo in biblioteca
ora brilla in ogni foglio,
perché adesso è tua.

 


Herman Hesse

 

Déjà vu

21 gennaio 2010 ore 22:45 segnala

Appendersi ad un respiro udito in lontananza, fare appello ai sensi che governano invisibili, fieri, indomiti.
E continuare ad apparire impassibili, tranquilli, innocui.
Questo sono io, questo il mio sorriso, questi i frutti segreti.
Amo perdermi nei dettagli, sperare di venirne colpito e sanguinare senza esser veduto.

Destarsi dai propri pensieri per farne posto ad altri, sorti da dettagli, invisibili ai più,
e contrarsi per le onde ritmiche quasi pulsanti delle emozioni che ne nascono da essi,
ed ascoltare e vedere i mille rivoli che partono da ogni dove del mio essere
e star loro dietro e davanti cercando di porre un minimo di ordinato equilibrio per comprenderli, per domarli, per assorbirli,
con occhi curiosi,
con occhi feriti a volte...

 

Se torno qui...

20 gennaio 2010 ore 22:34 segnala

Se torno qui ancora
è solo per confondermi
è tardi e ormai
che importa perché
se torno qui
è solo per nascondermi...


[alla radio, una canzone che ascoltavo...]

Resina

19 gennaio 2010 ore 23:09 segnala
La resina è il prodotto di un dolore, una lacrima che cola dall’albero ferito, facce dorate, gialle come il miele, che non scappano via, non sfuggono come l’acqua, non abbandonano l’albero. Rimangono incollate al tronco, per tenergli compagnia, per aiutarlo a resistere, a crescere ancora...
11374610
La resina è il prodotto di un dolore, una lacrima che cola dall’albero ferito, facce dorate, gialle come il miele, che non scappano via, non sfuggono come l’acqua, non abbandonano l’albero. Rimangono...
Post
19/01/2010 23:09:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Il numero selezionato...

19 gennaio 2010 ore 11:14 segnala

Il numero selezionato, dice la solita voce, non è al momento raggiungibile.
Chissà se quella persona, quella che ha registrato il messaggio il numero selezionato non è al momento raggiungibile, quella persona ha registrato il messaggio senza grosso sforzo, immagino, meccanicamente, un lavoro come un altro, ecco.
Chissà se quella persona s'immaginava a quante bestemmie, improperi, maledizioni e cornette sbattute sarebbe stato associato, nel tempo e nello spazio, quel messaggino registrato senza grosso impegno...


L'era del porco, Gianluca Morozzi

Cambia...

18 gennaio 2010 ore 00:00 segnala

Certe volte penso che quando alzi la testa, e cominci a muovere le cose e a chiedere, invece di subire tutto praticando il minimo sindacale di resistenza, la realtà ti nota. Acquista un po' di stima nei tuoi confronti e ti rende la vita più facile. Ecco perchè all'improvviso capita che trovi posto sotto casa, o una donna ti guarda, o ti offrono un lavoro.
[...]
E' che la realtà s'informa, sul conto delle persone. Quando concede questi bonus, procede ad una apertura di credito. Ti dice: eccolo, è tuo, ma non fare la cafonata di sperperarlo per tornare pezzente domani mattina. Non l'hai trovato per terra: l'ho dato proprio a te. Dimostrami che non ho sbagliato sul tuo conto. Continua così: cambia.


Non avevo capito niente, Diego De Silva

Chi sono ?

17 gennaio 2010 ore 18:52 segnala
- Sai, sei un tipo strano... Mi piacerebbe sapere chi sei veramente.

- Sono quello che vedi.

- Però oggi sembri un altro. Non so, ho sempre avuto la sensazione che tu abbia... una seconda personalità nascosta.

- Beh, non ci pensare. Ognuno vive nel mondo che si costruisce, e nel tuo mondo io ho un'altra personalità, tutto qui.


Il meglio che possa capitare a una brioche, Pablo Tusset