Noi alberi

20 aprile 2012 ore 22:17 segnala
Noi alberi viviamo di piogge
di rugiade eterne e delle brume
dei fiumi e degli oceani
di mattutini vapori
e delicate nebbie.

Durante il giorno il calore
dei raggi del sole
dilata i nostri corpi sublunari
che assorbono cosi, nel profondo,
la soavissima rugiada notturna.

-----------------------
Marcia Theophilo
71af94ac-87b8-4c9b-b802-9794f9c32a02
Noi alberi viviamo di piogge di rugiade eterne e delle brume dei fiumi e degli oceani di mattutini vapori e delicate nebbie. Durante il giorno il calore dei raggi del sole dilata i nostri corpi sublunari che assorbono cosi, nel profondo, la soavissima rugiada...
Post
20/04/2012 22:17:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Considero valore

12 aprile 2012 ore 23:37 segnala
Considero valore ogni forma di vita,
la neve, la fragola, la mosca.
Considero valore il regno minerale, l’assemblea delle stelle.
Considero valore il vino finchè dura il pasto,
un sorriso involontario, la stanchezza di chi non si e’ risparmiato,
due vecchi che si amano.
Considero valore quello che domani non varra’ piu’ niente,
e quello che oggi vale ancora poco.
Considero valore tutte le ferite.
Considero valore risparmiare acqua,
riparare un paio di scarpe,
tacere in tempo,
accorrere a un grido,
chiedere permesso prima di sedersi,
provare gratitudine senza ricordarsi di che.
Considero valore sapere in una stanza dov’e’ il nord,
qual’e’ il nome del vento che sta asciugando il bucato.
Considero valore il viaggio del vagabondo,
la clausura della monaca,
la pazienza del condannato, qualunque colpa sia.
Considero valore l’uso del verbo amare
e l’ipotesi che esista un creatore.
Molti di questi valori non ho conosciuto.

------------------------------------------------------------------------------------------
Erri De Luca, Considero valore, da “Opera sull’acqua e altre poesie”
3346a830-68af-41ff-968b-430789279be1
Considero valore ogni forma di vita, la neve, la fragola, la mosca. Considero valore il regno minerale, l’assemblea delle stelle. Considero valore il vino finchè dura il pasto, un sorriso involontario, la stanchezza di chi non si e’ risparmiato, due vecchi che si amano. Considero valore quello che...
Post
12/04/2012 23:37:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    2

La Vita...

28 marzo 2012 ore 23:19 segnala
La vita non è in ordine alfabetico come credete voi. Appare... un po’ qua e un po’ là, come meglio crede, sono briciole, il problema è raccoglierle dopo, è un mucchietto di sabbia, e qual è il granello che sostiene l’altro? A volte quello che sta sul cocuzzolo e sembra sorretto da tutto il mucchietto, è proprio lui che tiene insieme tutti gli altri, perché quel mucchietto non ubbidisce alle leggi della fisica, togli il granello che credevi non sorreggesse niente e crolla tutto, la sabbia scivola, si appiattisce e non ti resta altro che farci ghirigori col dito, degli andirivieni, sentieri che non portano da nessuna parte, e dai e dai, stai lì a tracciare andirivieni, ma dove sarà quel benedetto granello che teneva tutto insieme... e poi un giorno il dito si ferma da sé, non ce la fa più a fare ghirigori, sulla sabbia c’è un tracciato strano, un disegno senza logica e senza costrutto, e ti viene un sospetto, che il senso di tutta quella roba lì erano i ghirigori.

---------------------------------------------
Antonio Tabucchi, Tristano muore
a61593f9-0d4a-4e75-ba3b-f16e3670738c
La vita non è in ordine alfabetico come credete voi. Appare... un po’ qua e un po’ là, come meglio crede, sono briciole, il problema è raccoglierle dopo, è un mucchietto di sabbia, e qual è il granello che sostiene l’altro? A volte quello che sta sul cocuzzolo e sembra sorretto da tutto il...
Post
28/03/2012 23:19:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Non ti stancare...

25 marzo 2012 ore 23:48 segnala
Non ti stancare di strappare spine,
di seminare all’acqua e al vento,
la storia non miete a giugno,
non vendemmia a ottobre,
ha una sola stagione
il tempo.

--------------------
Ignazio Buttitta
f1bd8f07-eb18-42e9-acbe-b1b7af479d5f
Non ti stancare di strappare spine, di seminare all’acqua e al vento, la storia non miete a giugno, non vendemmia a ottobre, ha una sola stagione il tempo. ---------------- Ignazio Buttitta
Post
25/03/2012 23:48:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Il mio sguardo è nitido come un girasole

25 marzo 2012 ore 17:05 segnala


Il mio sguardo è nitido come un girasole.
Ho l’abitudine di camminare per le strade
guardando a destra e a sinistra
e talvolta guardando dietro di me...
E ciò che vedo a ogni momento
è ciò che non avevo mai visto prima,
e so accorgermene molto bene.
So avere lo stupore essenziale
che avrebbe un bambino se, nel nascere,
si accorgesse che è nato davvero...
Mi sento nascere a ogni momento
per l’eterna novità del Mondo...

Credo al mondo come a una margherita,
perché lo vedo. Ma non penso ad esso,
perché pensare è non capire...
Il Mondo non si è fatto perché noi pensiamo a lui,
(pensare è un’infermità degli occhi)
ma per guardarlo ed essere in armonia con esso…

Io non ho filosofia: ho sensi.
Se parlo della Natura, non è perché sappia ciò che è,
ma perché l’amo, e l’amo per questo
perché chi ama non sa mai quello che ama,
né sa perché ama, né cosa sia amare...

Amare è l’eterna innocenza,
e l’unica innocenza è non pensare.

------------------------
Fernando Pessoa
b7894f47-a90e-4ccb-87cd-725639f99416
« immagine » Il mio sguardo è nitido come un girasole. Ho l’abitudine di camminare per le strade guardando a destra e a sinistra e talvolta guardando dietro di me... E ciò che vedo a ogni momento è ciò che non avevo mai visto prima, e so accorgermene molto bene. So avere lo stupore essenziale che...
Post
25/03/2012 17:05:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Attesa...

25 marzo 2012 ore 16:10 segnala
Se tu sarai capace di stare senza attesa, vedrai cose che gli altri non vedono

----------------------------------------------
Erri De Luca, da “Non ora non qui”

Tutto

20 marzo 2012 ore 23:52 segnala
Tutto -
una parola sfrontata e gonfia di boria.
Andrebbe scritta tra virgolette.
Fa finta di non tralasciare nulla,
di concentrare, includere, contenere e avere.
E invece è soltanto
un brandello di bufera.

-------------------------------------------
Wislawa Szymborska, da Attimo

Tela

18 marzo 2012 ore 15:24 segnala
Ogni giorno cerco di ridisegnarmi il volto.
Prendo pennello e pastelli,
penne e matite, tempere e colori
in polvere, e dipingo un volto.
Lo dipingo sopra il volto che ho di già,
come una tela che volessi cancellare.
Non che non mi piaccia il volto
donatomi da Dio,
ma a vederlo sembra triste,
la bocca all’ingiù.
Sopra questo, dipingo un altro volto
che sorride.
Poi lo strofino via. Non lo voglio
quel sorriso mite e sciocco sul
mio volto.
Un giorno me lo disegnerò interessante, pericoloso,
crudele.

-------------------
Imtiaz Dharker
7d3ee5c9-fcdc-4f57-abd2-78c84a7f337f
Ogni giorno cerco di ridisegnarmi il volto. Prendo pennello e pastelli, penne e matite, tempere e colori in polvere, e dipingo un volto. Lo dipingo sopra il volto che ho di già, come una tela che volessi cancellare. Non che non mi piaccia il volto donatomi da Dio, ma a vederlo sembra triste, la...
Post
18/03/2012 15:24:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    3

Dall’immagine tesa

26 dicembre 2011 ore 23:45 segnala
Dall’immagine tesa
vigilo l’istante
con imminenza di attesa -
e non aspetto nessuno:
nell’ombra accesa
spio il campanello
che impercettibile spande
un polline di suono -
e non aspetto nessuno:
fra quattro mura
stupefatte di spazio
più che un deserto
non aspetto nessuno:
ma deve venire,
verrà, se resisto
a sbocciare non visto,
verrà d’improvviso,
quando meno l’avverto:
verrà quasi perdono
di quanto fa morire,
verrà a farmi certo
del suo e mio tesoro,
verrà come ristoro
delle mie e sue pene,
verrà, forse già viene
il suo bisbiglio.

------------------------
Clemente Rebora
42179116-aa30-4ecf-ace6-0730d12db73d
Dall’immagine tesa vigilo l’istante con imminenza di attesa - e non aspetto nessuno: nell’ombra accesa spio il campanello che impercettibile spande un polline di suono - e non aspetto nessuno: fra quattro mura stupefatte di spazio più che un deserto non aspetto nessuno: ma deve venire, verrà, se...
Post
26/12/2011 23:45:05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    2