...le parole che si dicono

02 aprile 2011 ore 23:10 segnala
Bisogna assomigliare alle parole che si dicono.
Forse non parola per parola, ma insomma ci siamo capiti.

------------------------------------
Stefano Benni, Saltatempo
a39f9c0c-e956-49e6-b99b-6ae42e12ad67
Bisogna assomigliare alle parole che si dicono. Forse non parola per parola, ma insomma ci siamo capiti. ------------------------------------ Stefano Benni, Saltatempo
Post
02/04/2011 23:10:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. calypte 03 aprile 2011 ore 17:01
    Noi siamo le nostre parole!
    Se fossimo sinceri si!

    Le parole sono espressione dello stato.
    Le parole sono conseguenza di uno stato........


    :staff
  2. M.Luce 04 aprile 2011 ore 13:59
    Le parole sono coraggio... ma spesso siamo tutti un po' codardi..
    ;-) :rosa
    Luce
  3. galizius 04 aprile 2011 ore 21:44
    "....Quando scoprirai che non sono cosi',che non sono quello che sembro,forse non mi vorrai piu' come amico"...avevo ventidue o ventitre anni e chi disse quella frase era un amico di allora,che sciocco,sapevo benissimo che non era cosi',o meglio, che era solo una parte di lui,sapevo bene che inizialmente stava con me per la mia competenza nel lavoro che facevo in quel periodo,sapevo anche che casualmente avevamo cose in comune e altre no,lui era estremamente ambizioso,aveva un fine,io lavoravo per il solo piacere di farlo,lui aveva un modo di fare che conquistava le donne,non manco' mai, che io sappia il suo scopo in quel campo,io ero e sono rimasto un "frolloccone",forse fu' anche per le nostre differenze che eravamo amici, chissa', a volte si ammira l'opposto.reciprocamente,ognuno da' "lezioni" all'altro...mi e' rimasta in testa quella frase,spesso capita di pensare di non essere sinceri,di non essere quel che si dice e in fondo e' cosi',perche' si hanno molte facce,la presunta linearita' di comportamento secondo me e' un mito e basta,forse si assomiglia a quel che si dice,si tenta perlomeno,ma rimane in un angolo della mente il sospetto che si pecchi comunque per non aver mostrato il tutto,ma solo la parte che in quel momento si crede di essere,rimane nell'anima se si e' sinceri un piccolo rimorso e si spera che l'interlocutore "arrivi" in quello che non si e' detto.
    Ps. ho a volte notizie di quel mio amico tramite terze persone,a quanto ne so' e' riuscito ad arrivare dove voleva..mi chiedo se e' felice adesso.
  4. solopa 04 aprile 2011 ore 23:02
    Oddio..non vorrei proprio assomigliare a certe parole che dico al mio ex marito..ahaha:-))
  5. calypte 05 aprile 2011 ore 21:19
    Gali...
    "...e' cosi',perche' si hanno molte facce,la presunta linearita' di comportamento secondo me e' un mito e basta,forse si assomiglia a quel che si dice,si tenta perlomeno,ma rimane in un angolo della mente il sospetto che si pecchi comunque per non aver mostrato il tutto..."

    Perche' si dovrebbe mostrare il tutto?
    Avere un angolino per se'...riservato, intimo, discreto, magari che hai condiviso con persone speciali.......e' un male?
    E poi credi davvero che le persone...negli atteggiamenti, nei comportamenti,. nelle scelte...INDIRETTAMENTE non scoprono il loro lato oscuro?
    Bene............nessun mito!
    Non sempre le domande sono indispensabili....le risposte le puoi trovare ovunque!

    Gali :rosa
    Pablito :rosa
  6. nessun.attesa 07 aprile 2011 ore 12:35
    Talvolta sono loro che dovrebbero assomigliare a noi, a quello che abbiamo dentro e non palesiamo.

    Ciao
  7. May.BE 08 aprile 2011 ore 17:24
    che altro aggiungere? hai detto tutto. :sniffa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.