E' qui che ti aspetto

17 giugno 2008 ore 18:32 segnala

E' qui che ti aspetto

qui dove il cielo incontra il mare

qui dove i colori si confondono 

E' qui che ti aspetto

dove il tempo lo decidiamo noi

dove il custode delle chiavi è il cuore

dove si può baciare il destino

dove posso stringerti a me.

E' qui che ti aspetto

dove il sole passa quando arriva

e quando se ne va e lascia il suo calore

e i suoi colori nelle mie mani

ed emozioni da donarti

E' qui che ti aspetto,

dove si può passare dalle pieghe del cuore ai risvolti dell'anima

dove tu mi troverai senza cercarmi

perché quando arriverai diverremo una sola entità.

Quella Notte

31 maggio 2008 ore 08:01 segnala

 

 

Quella notte,
impetuoso e titubante
fra calpestii di braci ardenti,
metalli fusi in lega,
ruscello sciolto al mare,
rugiada ascesa al cielo
a fondersi col sole,
t'ho amata e l'anima tua rubai.
Mai dimenticar potrei
d'esser stato tuo,
ne' tu potrai scordar
d'essere stata mia
sono adesso
di rose le catene
ai nostri cuori avvinte,
di spine e petali intrecciate.
Mai tu potrai sperar
che alcun angelo celeste,
nel mio pungente ardito
fermo amare,
possa un dì venir a te
spezzando rovi
distruggendo coltri in fiore
a liberare il cuore
per ridonare a te l'anima tua.

DIMENTICA.....

22 maggio 2008 ore 10:50 segnala

 

 

Vorrei che tu venissi da me senza passato, non truccarti gli occhi il viso le labbra, perché anche i colori hanno un ricordo,  perché anche le forme riempiono un vuoto. Lascia il cappello sul tappeto all’ingresso, come fosse un cane che docile aspetta, lascia il vestito sopra il vaso di rame, come fosse un ombrello che anonimo giace. Perché quando vieni s’alzerà forte il vento, e porterà pioggia come Dio la manda, e porterà una donna con la tempesta nel cuore, con l’anima in mano e i brividi accanto. Bussa alla porta e chiamami se non t’apro, bussa di nuovo nuda e impaziente, perché io sia certo che stai andando di fretta, che niente e nessuno potrà più fermarti.

Ti prego se vieni non dirmi che scappi, non serve davvero se non ci sono ricordi, se dentro di te c’è soltanto rimbombo, e nel vuoto galleggi in cerca d’autore. Dimmi davvero che sei in cerca di mani, d’artista e padrone che modella la creta, per essere acqua che prende la forma, per essere sabbia che si sgrana in un pugno. Dimentica ogni cosa prima di dirmi che m’ami, perché l’amore non diventa ma nasce ogni volta, perché l’amore si secca tale e quale a una rosa, che vede a suo fianco un altro fiore sbocciare.

La filosofia dell'amore

07 maggio 2008 ore 10:13 segnala

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La filosofia dell'amore

Le fonti si confondono col fiume
i fiumi con l'Oceano
i venti del Cielo sempre
in dolci moti si uniscono
niente al mondo è celibe
e tutto per divina
legge in una forza
si incontra e si confonde.
Perché non io con te?

Vedi che le montagne baciano l'alto
del Cielo, e che le onde una per una
si abbracciano. Nessun fiore-sorella
vivrebbe più ritroso
verso il fratello-fiore.
E il chiarore del sole abbraccia la terra
e i raggi della Luna baciano il mare.
Per che cosa tutto questo lavoro tenero
se tu non vuoi baciarmi?

Bolle di sapone

05 maggio 2008 ore 09:27 segnala

 

Bolle di sapone i miei ricordi piu' belli
spazzati da un soffio di fiato
un urlo disperato
uscito da una ferita profonda
che un terremoto ha risvegliato
Bolle di sapone i sogni del passato
che sentivo gia' reali dando tutto per scontato
Ma le bolle son leggere
trasparenti e voluttuose
delicate, coraggiose
se ne volano tranquille
finchè vengono ferite
e svaniscono nel nulla
e di un sogno colorato
non rimane che una lacrima
una goccia
testimone del passato

Lettera d'amore....

22 aprile 2008 ore 08:53 segnala
Lettera d'amore.... Non posso tacerti quanto sia profondo il vuoto che mi prende quando tu non ci sei.Non esiste... non esiste un solo momento in cui la mente sia libera di vagare nel tempo e nello spazio per cercare una strada che mi porti così lontano da non sentirmi più il tuo odore addosso, quello dolce dei tuoi baci e quello forte delle tue carezze. Non posso smettere di considerarti una parte di me rimasta altrove, un pezzo di cuore e di anima strappati dal petto, trattenuti a stento sul filo sottile di una lama di cristallo, così che ovunque scorrano, di là o di qua del nostro impercettibile confine, siamo costretti a soffrire insieme.E' impossibile non immaginarti accanto come un'ombra che segue o precede i miei passi nello scorrere lento del giorno e nell'agonia della notte, quando diventi una traccia impalpabile sulle lenzuola sudate... sotto le mie dita tese a cercare nel buio il calore della tua essenza. E prendi forma nei miei occhi, trascini il mio respiro, scivoli come un soffio lieve sotto le narici, veloce nell'aria immobile della stanza, e poi scompari come un miraggio per ritornare da lì ad un battito di ciglia... e ti posi sulle mie labbra... e ti lasci cullare. In bilico sul baratro, con gli occhi bendati, è questa la sensazione in cui riesco a percepire quanto siamo lontani in questo momento... e un passo indietro sarebbe senza senso... mi lascio andare nel vuoto, allargo le braccia e aspetto di stringere le tue. Non ci sono reti... non ci sono reti che possano salvarci alla fine di quest'immenso volo, non ci sono appigli a cui aggrapparci, non ci sono scuse, non ci sono parole... non ci sono lacrime così grandi in cui affogare il nostro dolore, non ci sono clessidre di traverso in cui la sabbia scorre piano, non ci sono vincitori né vinti ma solo anime distese sull'erba dell'altopiano. Non ci sono ali che ci sorreggano, non ci sono scudi dietro la porta, siamo due cani al guinzaglio con la catena troppo corta, siamo due ferite aperte sotto una pioggia di sale, siamo due foglie abbracciate dopo la furia di un temporale... siamo il passato ed il presente, ciò che è stato e ciò che ancora deve arrivare, siamo gli ultimi a salire la scala mentre la nave sta per sprofondare. Ma siamo anche due riflessi abbaglianti alla luce pallida della luna, siamo l'incanto di un cielo stellato mentre attendiamo al varco la fortuna, siamo due soldati feriti che tornano a casa insieme, percorrendo il sentiero scosceso dopo esser scampati allo stesso veleno... dopo aver combattuto una dura battaglia, dopo esserci smarriti e ritrovati, magari perderemo la guerra ma per ora restiamo abbracciati. Ora... per ora... come se il tempo avesse davvero un senso, come se sapesse arrestarsi quando sono con te e fuggire via quando invece ti penso... siamo sassi gettati nel buio che rimbalzano contro una lastra di vetro, ogni scheggia si conficca nel cuore e non torna più indietro.

Se....

10 aprile 2008 ore 20:51 segnala

Ho detto se,
ma non volevo
in fondo cosa cambia,
Io so che un se
non costruisce la storia,
non cambia le cose,
non ti farà sorridere,
finché non ti prenderai
gioco di me.

Ma se la mia vita
dipendesse da te, se,
resterei annichilito
in attesa del ma.

Ho detto se perché il se
è un domani diverso,
e te ne accorgerai,
se ci sarai ancora.
se mi guarderai,
se ascolterai il mio battito,
se riderai con me,
se partirai per il destino,
se mi vorrai con te,
se avremo uniche idee,
se le urleremo e poi,
se chiuderemo gli occhi
se pace e voglia sia,
se un volo è libero,
se liberi siamo noi,
se un cielo è unico,
se unici siamo noi,
se aria e suono è musica,
se suoneremo noi,
se vorrai darmi vita,
sarà solo per noi.

e se ti cerco ancora
è perché so che ci sei.

Sono io

31 marzo 2008 ore 23:24 segnala

E sono io
sono così
basterà volerlo e io
io volerò
come farfalla
tra stelle di fiori.

Sovrasterò gli ostacoli
io ci riuscirò.

Voglio volare tra i campi di fragole,
voglio fermarmi sopra i fiori
senza mai atterrare
e imperterrita volare
tra i sogni miei.

In fondo sono io,
sbaglio spesso e perdo il volo
e cado senza freno
e poi il dolore si fa sentire,
perchè le ali fanno male
le muovo troppo velocemente
e non cè preavviso,
le mie ali sono leggere
al primo vento io mi alzo.

Ora voglio il vento d'estate,
leggero e quasi impercettibile
che solletica appena appena
l'ala quasi invisibile,
e quando le mie ali saranno agitate
io danzerò nel vento.

E se arriverà l'inverno,
perle di rugiada mi rivestiranno
e mi proteggeranno dall'inferno
che sarà.

Cioccolato Alla Panna

30 marzo 2008 ore 09:54 segnala

Cioccolato Alla Panna

T'assaporo
e da panna guarnita
tutto il tuo corpo
in ricami decoro;
calda nutella
a fil sottile,
le carni impetuose
lentamente adorna;
fra affamate pelli
e lingue operose
bramosia d'arabeschi,
origami,
arazzi d'oriente,
andiamo osannando.
Nel dolce gioco,
irruenta
ti mangio e t'adorno,
ti bacio e sorrido
al tuo naso di crema,
mentre tu,
che mi succhi,
veemente mi fregi
e mi gusti.
Bacio di dama
il nostro amore,
frenetico ardore
d'insaziabili bocche,
calore intenso
di rossi petali accesi.

Perché l'amore viene e va

27 marzo 2008 ore 09:21 segnala
Perché l'amore viene e va? Perché ci sono anime che sanno conservarlo costantemente e altre no? E per anime, intendo persone... si... c'è chi lo cerca o lo aspetta disperatamente, chi lo anela, chi lo vive con passione pur avendolo da tanti anni e chi lo vive in un modo troppo ragionato... ...c'è chi lo mischia all'allegria, chi lo mischia allo stress della vita di tutti i giorni, e chi invece accuratamente lo tiene fuori dai casini,e ne fa la sua oasi felice... c'è chi lo fugge... e chi ne ha paura... E c'è chi non lo capise, come me... E continuo a domandarmi: ma l'amore... perché non è come noi, che col tempo comunque maturiamo... perché deve essere sempre imprevedibile e non può essere invece una sicurezza? O forse è imprevedibile, solo quello che non è vero amore? Forse quello vero, sincero, forse quello resiste ad ogni difficoltà... forse si... è quello il vero sentimento... E come il tempo che ci insegna un sacco di cose, anche l'amore lo fa. Almeno per me, che nella gioia di sentirlo e nel dolore di vederlo andar via... traggo un'unica e forse inequivocabile conclusione: siamo noi stessi gli artefici delle nostre vittorie o dei nostri insuccessi... e tutto quello che ci capita, è probabile che dipenda solo da noi... perché soltanto noi possiamo riconoscere se una persona vale, se è giusta per noi... o se ci stiamo ficcando in un grande pasticcio... solo noi sapremo per tempo, se stiamo facendo i passi giusti con la persona giusta, oppure no... e allora, abbiamo tutto il tempo per porre rimedio... prima ancora di sentirci frustrati, abbandonati, incompresi e vili pesi. Che dire... non c'è molto da dire. C'è da vivere...