Introduzione.

10 gennaio 2018 ore 01:30 segnala
Dall’adattamento cinematografico del 2015 di "Una passeggiata nei boschi", diario scritto da Bill Bryson, cui il ruolo da protagonista e allo stesso tempo la coproduzione è di Robert Redford, il parziale dialogo nel doppiaggio italiano tra i due amici in viaggio e verso i loro limiti:

(da 0:49:28 a 0:52:58 e nel formato ore su minuti su secondi)

«Tu hai tutto quello che un uomo possa desiderare, ed eccoti qui a vagare nei boschi insieme a me. Sul serio ma che ti è preso?»

«Non lo so, come disse John Mayer a volte un uomo deve prendere una pagnotta buttarla in un sacco e scavalcare la staccionata.»

«Ah certo ho capito! La vita è un po' troppo perfetta dentro la staccionata, eh?»

«No, no no.»

«Ah ti ho capito Bryson, sei come un animale in gabbia, vuoi tornartene nella foresta in libertà!»

«No non è così.»

«No è così per forza!»

«E tu perché sei venuto?»

«Ua! Immagino perché non mi andava di trascorrere il resto della vita in galera.»

«Cosa?»

«Aha! Ah, niente di grave, un paio di mandati di comparizione a cui non mi sono presentato, roba così.»

«Beh sì, ma non è roba da cui si può scappare!»

«Aha beh, veramente si può e come!»

«Sempre lo stesso vecchio Stephen, sempre in fuga!»

«Aha! Davvero? Senti chi parla! E tu invece, ripetimelo dai, perché siamo qui?»

«Non mi pare che avessi di meglio da fare! Se non ricordo male mi hai supplicato di venire!»

«Ti ho supplicato di venire? Te lo ho chiesto, sai cosa mi fa morire dal ridere Bryson? E' quanto tutto nella tua vita sia diventato prevedibile.»

«Beh, c'è ancora qualcuno che evolve mentre gli altri sprecano la loro esistenza; ma dai guardati! Dopo tutti questi anni sei ancora ai blocchi di partenza!»

«Ehi Bryson, tu sei felice?»

«Che cavolo di domanda è questa?»

«Una domanda parecchio importante, direi.»

«Perché tu saresti felice?»

«Io credo... (panorama) ...waau!»

«Le smokys! Questo sì che è interessante, oddio è incredibile! Da qui si vedono tre tipi di roccia; guarda, vedi quello strato sul pendio?»

«Sì!»

«E' roccia sedimentaria; E quella roba nera che sale dal basso verso l'alto, vedi? E' roccia ignea, di origine vulcanica.»

«E come fai a sapere tutto questo?»

«Ci sono quelle cose che si chiamano libri!»

«Ah, stai scherzando, si chiamano libri?»

«Sono come la Tv ma per gente sveglia!»

«Ah (sempre sarcastico)»

«Sai di cosa stiamo parlando? Del tempo! Il tempo geologico, capisci, centinaia di migliaia di anni, enormi placche tettoniche che slittano, è come se il mondo rinascesse dal basso mentre viene eroso dall'alto.»

«Eh, beh, quando torniamo ti compro un bel televisore perché, sai, non gli e ne frega un cazzo a nessuno, delle placche tettoniche che slittano.»

«Beh, a me sì! E sai perché? Perché sono curioso e mi piace esserlo; mi piace sapere cose del mondo in cui viviamo.»

«Beh, secondo me, sono solo rocce del cazzo!»

«Ah sì?»

«Io non mi perdo in queste minuzie sai, io vado oltre i dettagli.»

«Ah, ahah, davvero?»

«A me piace il bel quadro nell'insieme.»

«OOh e come te la passi così?»

«Ah beh, direi, piuttosto bene!»
e9a326a3-f6bd-4fc0-8ec0-fe2eb853cbc4
Dall’adattamento cinematografico del 2015 di "Una passeggiata nei boschi", diario scritto da Bill Bryson, cui il ruolo da protagonista e allo stesso tempo la coproduzione è di Robert Redford, il parziale dialogo nel doppiaggio italiano tra i due amici in viaggio e verso i loro limiti: (da 0:49:28...
Post
10/01/2018 01:30:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.