...l'insieme fa la forza.......

22 gennaio 2017 ore 11:15 segnala


Guardo tutti i giorni gli uomini che stanno lavorando per l’emergenza neve, terremoto che ha colpito l’Abruzzo e le Marche, proprio stamattina hanno detto che ci sono 8.000 persone al lavoro per aiutare chi è rimasto isolato nelle frazioni, chi è rimasto sepolto sotto la neve dell’hotel, per aiutare gli allevatori i cui animali stanno morendo di freddo e fame, insomma tutti stanno lavorando per salvare e aiutare chi è in difficoltà, senza badare a razza, colore, ideologia politica, guadagno, fatica, solo perché in essi vedono altri esseri umani e basta. Tutto questo mi fa dire una sola cosa che chi crede di poter pensare solo a se stesso, senza capire che o ci si salva insieme o nessuno si salverà non ha capito che volente o non volente siamo un insieme , una cordata, oggi sarò io ad aver bisogno di te domani sarai tu ad aver bisogno di me, mi viene in mente la storiella del corpo umano usata da Menenio Agrippa per parlare ai romani .
Agrippa spiegò l'ordinamento sociale romano metaforicamente, paragonandolo ad un corpo umano nel quale, come in tutti gli insiemi costituiti da parti connesse tra loro, gli organi sopravvivono solo se collaborano e, diversamente, periscono; conseguentemente, se le braccia (il popolo) si rifiutassero di lavorare, lo stomaco (il senato) non riceverebbe cibo ma, in tal caso, ben presto tutto il corpo, braccia comprese, deperirebbe per mancanza di nutrimento.
« Una volta, le membra dell’uomo, constatando che lo stomaco se ne stava ozioso , ruppero con lui gli accordi e cospirarono tra loro, decidendo che le mani non portassero cibo alla bocca, né che, portatolo, la bocca lo accettasse, né che i denti lo confezionassero a dovere. Ma mentre intendevano domare lo stomaco, a indebolirsi furono anche loro stesse, e il corpo intero giunse a deperimento estremo. Di qui apparve che l’ufficio dello stomaco non è quello di un pigro, ma che, una volta accolti, distribuisce i cibi per tutte le membra. E quindi tornarono in amicizia con lui. Così senato e popolo, come fossero un unico corpo, con la discordia periscono, con la concordia rimangono in salute. »
Ora leggo su alcune bacheche che ci si lamenta del degrado che chatta sta subendo e che a causa di questo le persone decidono di non fare più nulla, di non scrivere più blog, di allontanarsi e lasciare che le cose vadano per i fatti loro, io penso invece che proprio in questo momento di involuzione si debba esserci di più, altrimenti quello che è stato costruito si lascia che divenga una rovina, altrimenti finito il periodo di vacche grasse si abbandona, allora mi chiedo cosa cercavamo prima, solo gratificazione data dai numeri e dai consensi? Io non ho mai cercato questo, quello che cercavo e cerco è il contatto con le persone, certo ha volte è deludente difficile, ma questo non è un buon motivo per abbandonare il campo e battere in ritirata è solo motivo per imparare a scegliere e selezionare chi frequentare e chi no, ma come dicevo prima rimaniamo comunque un insieme e gli insiemi contengono di tutto.
Volevo solo esporre il mio punto di vista e se ne avete voglio lasciate il vostro. Ho scelto il blog per via dello spazio più ampio di scrittura che mi da e per il fatto che resta e non sparisce dopo due minuti come nelle bacheche. Un abbraccio a tutti e grazie per chi ci vorrà essere.
a1b2991a-3dc7-4615-a316-3033d3485832
« immagine » Guardo tutti i giorni gli uomini che stanno lavorando per l’emergenza neve, terremoto che ha colpito l’Abruzzo e le Marche, proprio stamattina hanno detto che ci sono 8.000 persone al lavoro per aiutare chi è rimasto isolato nelle frazioni, chi è rimasto sepolto sotto la neve dell’ho...
Post
22/01/2017 11:15:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. antioco1 22 gennaio 2017 ore 12:05
    complimenti per il blog er munezza tvb ma questo lo sai e sempre : Insieme : ciao
  2. patty1953 22 gennaio 2017 ore 12:06
    antioco@ grazie antioco come dicevi tu? per tutti o mi sbaglio?
  3. stellagemella59 22 gennaio 2017 ore 12:13
    Le parole Solidarietà e Condivisione, vanno oltre l'etimologia; sono concetti strutturati che solo grazie ad un'apertura mentale e ad un'educazione che ti ha allevato a ciò culturalmente possiedi. Il tuo discorso non fa' una piega, nel sentito e nel translato, ma, chi non abbandonava prima erano le stesse persone che qua, come nella vita, sanno il loro "valore" e non cercano in un commento o in un mi piace la sicurezza di se stessi. Chi sta abbandonando e chi non tiene, diciamo Cos, più botta, perché non cerca profondità ma altro, e questo non per giudicare, semplicemente per dare un parere all'analisi che hai sviluppato. Resta sempre valido, comunque il libero arbitrio di operare scelte, che possono srbrarci discutibili o meno, ma sempre scelte, questo per quel che attiene il tuo discorso su chatta, per quel che attiene la Solidarietà, il discorso si dovrebbe incentrare sulla coscienza mancante...buona domenica a te🌹
  4. patty1953 22 gennaio 2017 ore 12:47
    @stellagemella59: carissima anche la tua analisi non fa una piega, solo che io come sempre spero che prima o poi le persone imparino e capiscano appunto che solo insieme siamo una forza, da soli possiamo ben poco, come dimostra questi giorni l'emergenza in Abruzzo, è l'insieme che conta, anche se ogni singolo è importante e insostituibile, stamani ascoltando un soccorritore mi sono commossa, non per quello che fanno ma per l'umiltà con cui lo fanno, consapevoli che tutti agiscono allo stesso modo con professionalità e conoscenza e coscienza. E' questo il segreto dell'insieme non vi sono personalismi, ma solo apporto di personalità che diventano complementari le une con le altre. Per questo dico da soli non ci si salva ma tutti insieme si. La solidarietà secondo me nasce da questi concetti, convinzioni, riconoscendo l'altro come parte di un insieme. Ciao stella
  5. tex.965 23 gennaio 2017 ore 06:11
    :rosa
  6. patty1953 23 gennaio 2017 ore 06:29
    @tex.965 :rosa :-))

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.