......unite per l'eternità.........

30 giugno 2015 ore 19:01 segnala


Vi era un bel parco in cui tutti i giorni andava una cagnolina a giocare. Era una cagnolina molto socievole, che si fidava delle persone, per cui scodinzolava a tutti allegramente. Rincorreva il pallone dei bambini che giovano a calcio, cercando di prenderlo in bocca, ma non capiva come mai quei bambini invece di darle una carezza la trattassero sempre in malo modo e lei triste se ne andava. Cercava allora di giocare con quelli che correvano lungo i vialetti, gli abbaiava festosa e correva dietro di loro, ma nemmeno quelli la degnavano di attenzione anzi se si avvicinava troppo, era facile che le arrivasse un calcio. Lei non aveva mai pensato che lo facessero apposta, anzi era senz’altro perché correndo, involontariamente, la colpivano, era lei che si metteva tra i loro piedi. Insomma come faceva, faceva non andava mai bene, nessuno apprezzava le sue buone intenzioni, in fondo pur non essendo giovanissima, era rimasta una cucciola con tanta voglia di fare le feste e pensava di portare un po’ di gioia nella vita degli altri e anche nella sua. Quando tornava nella sua cuccia, ripensava alla giornata trascorsa e alle persone che aveva incontrato e appoggiando la testolina fra le zampe si addormentava. Un giorno, mentre sgambettava nel solito parco, vide una bella gatta bianca, lei che era una cagnolina di pura razza bastarda, capì immediatamente che la gattina non lo era. Camminava tutta impettita, tenendo alta la sua bella coda, attenta a non incespicare fra i cespugli ma appoggiando le sue zampette sulla morbida erbetta. La nostra vagabonda fu incuriosita da quella splendida micia e penso di andarle incontro abbaiando festosa come al suo solito. La micia dapprima la ignorò, solo per il baccano che faceva, la guardo e comincio a soffiare , inarco il dorso e alzo ritto il pelo pronta all’attacco e allo stesso tempo alla difesa. La cagnolina si mise ad abbaiare più forte nella speranza che la gatta capisse che non aveva cattive intenzioni, ma questa più la cagnolina abbaiava e più lei gonfiava il suo candido pelo. Insomma due nemiche giurate sembravano a chi le stesse osservando. La cagnolina allora restava a guardare la micia da lontano, ogni tanto provava ad avvicinarsi ma appena questa la sentiva troppo vicino ripeteva sempre la stessa scena. La cagnolina non capiva perché facesse così, cercava con il suo abbaiare, con il suo guaire di comunicare ma purtroppo non si capivano, eppure sarebbe stato così bello correre insieme sui prati, rotolarsi nell’erba se solo avessero potuto comunicare. Sarebbe stata una compagnia di giochi ideale, ma non c’era nulla da fare così sembrava. La cagnolina girava da sola per l’immenso parco, ma la sera appoggiando la testolina sulle sue zampette ripensava alla micia e sospirava addormentandosi. Nel sogno vedeva lei e la sua sospirata amica giocare insieme e poi stanche delle lunghe corse riposarsi una accanto all’altra, ma era solo un sogno, nella realtà continuavano a non fidarsi l’una dell’altra, ad avere paura ad avvicinarsi e il tempo passava inesorabile. Un giorno la cagnolina andò a dormire nella sua cuccia, come ormai da molto tempo si addormento sognando la micia, ma da quel sogno non si sveglio la mattina dopo, sul suo musetto c’era un’espressione serena perché finalmente giocavano insieme su un magnifico prato pieno di occhietti azzurri che facevano capolino tra l’erba, questa disse la cagnolina deve essere la felicità.
c6bbd81d-d017-4f68-8a64-d7ef9f6abb42
« immagine » Vi era un bel parco in cui tutti i giorni andava una cagnolina a giocare. Era una cagnolina molto socievole, che si fidava delle persone, per cui scodinzolava a tutti allegramente. Rincorreva il pallone dei bambini che giovano a calcio, cercando di prenderlo in bocca, ma non capiva c...
Post
30/06/2015 19:01:04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    16

Commenti

  1. antioco1 30 giugno 2015 ore 19:26
    molto bello questo tuo blog rimani sempre quello che sei da me un abbraccio e il mio SAF Ale
  2. aurora.2013 01 luglio 2015 ore 00:06
    bellissima favola ma molto triste...... triste come le malintesi che ci possono tormentare per tutta la vita..... dolce notte :rose: :kiss:
  3. highlanderII 01 luglio 2015 ore 18:28
    :batalettera
    Ci si può domandare: cosa sarebbe l'uomo senza gli animali? Ma non il contrario: cosa sarebbero gli animali senza l'uomo? (Christian Friedrich Hebbel)



    :rosa
    Ciò che amo di più | Nell'animale, è il silenzio | Poiché non parla, non mente | Solo chi parla mente. (Elisabetta di Baviera)




    :bugabuga
    Due cose mi sorprendono: l'intelligenza delle bestie e la bestialità degli uomini. (Tristan Bernard)


  4. 1.vagabondo 04 luglio 2015 ore 12:46
    Buon week end.
  5. patty1953 04 luglio 2015 ore 13:01
    @1.vagabondo grazie anche a te
  6. julia.pink 13 luglio 2015 ore 08:56
    Bellissima favola, potrebbe sembrare triste il finale, ma non lo è... finalmente vivrà un sogno eterno piuttosto che una realtà così difficile, fatta di ostilità di diffidenza.....e giocherà con la sua amica che non la guarderà più seccata, i bambini magari giocheranno con lei coccolandola come avrebbe voluto...del resto sarebbe così facile sorridere di più, rispettare di più...ma pochi lo fanno....
  7. patty1953 13 luglio 2015 ore 09:00
    Gia' dovra' solo aspettare di raggiungere il paradiso perche' qui sulla terra la gente e' troppo presa dalle sue cose x accorgersi di quella cagnolina....
  8. dolce.foryou 31 agosto 2015 ore 00:08
    :bye :fiore
  9. tristina 10 settembre 2015 ore 12:32
    Quanta morale in questo racconto e, quanta verità.
    A volte ci si accorge troppo tardi delle "cose belle"!
    Purtroppo la cagnolina non saprà mai se mancava alla micia..
    Ma la cosa importante è che ..si addormentò per sempre , mentre faceva un fantastico Sogno, quelli..nessuno li può rubare
    Bella Patty..questa favola. :-)
  10. patty1953 10 settembre 2015 ore 12:36
    E' solo una favola Tri la realta' purtroppo e' sempre diversa ciao
  11. tristina 10 settembre 2015 ore 12:38
    Non sempre..ed in ogni caso ..la trovo una bella favola.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.