Chissà se Chiara dorme

11 settembre 2018 ore 10:14 segnala


Io sono Marco, sono un tipo particolare, ma in fondo tutti lo dicono di se stessi, a nessuno piace considerarsi eccessivamente convenzionale, il problema è che io un po particolare lo sono davvero.
Ho conosciuto Chiara 3 anni fa, un po come ormai avviene comunemente, sedendosi una mattina di fronte ad un PC e per eccessiva noia finire su di una delle miriadi di chat che ormai affollano il web, quasi sempre racconti un mare di cazzate, ma non per un fine ultimo, solo per il gusto di prendersi un po in giro " tanto quando la vedo questa ? " , e così si inizia a parlare di tutto.
Chiara è una ragazza dolcissima, o perlomeno così sembrerebbe visto che l'equazione precedente vale per entrambe le direzioni, ma è molto piacevole parlarle, è evidente che c'è qualcosa che ci unisce fin da subito ma le carte restano prudentemente coperte per un po di tempo.
Poi una mattina ti accorgi che stai facendo tutto di fretta per entrare in quel posto con la speranza che lei ci sia già, e quando la trovi percepisci che il desiderio è comune, le difese cominciano piano a sciogliersi, e ti scopri a diventare sempre più te stesso e sempre meno l'immagine iniziale che avevi dato di te.
In mezzo a tutto ci sono tantissime pagine, ma ciò che ha davvero importanza è il momento in cui si decide di materializzare tutto, gli sguardi, le mani, i profumi, i respiri, tutto diventa nitido e poi davvero vedere, toccare, respirare, la persona che piano ti è entrata dentro senza che tu nemmeno te ne rendessi conto.
I suoi occhi sono come i tuoi, li vedi e ne percepisci la stessa emozione, io e Chiara ci siamo amati, ma non sono quì per scrivere una storia d'amore, non è diversa da tante, ma io sentivo che Chiara mi apparteneva, era prepotentemente parte di me, ciò che ti manca per essere completo, quella parte nera che fa ombra alla tua anima e che continuamente ti chiede di poter manifestarsi era perfettamente appagata, io ero felice.
Ma allora perchè rileggendomi è evidente un velo di profonda tristezza?
Perchè un giorno arriva ciò che non avrei voluto mai, una serie concatenata di notizie che minano ancora adesso la mia fragilità, Chiara si sposa, e io resto muto all'interno della mia auto, ed ora le sue labbra si muovono, mi spiegano ma io non riesco più a sentire una sola delle sue parole, nella testa tutto rimbomba lei continua a parlare ma io di quel giorno ricordo pochissimo ed alla fine ci ritroviamo nei periodi successivi a fare l'amore e a discutere di ristoranti e vestiti di un matrimonio che non è il nostro.
La nave sta affondando e continuerà inesorabilmente ad andare giù in una maniera così continua e lenta da non rendermene conto, probabilmente fingevo ma è un sistema di autodifesa al dolore, trovare qualcuno che cercavi avendo sbagliato semplicemente i tempi è qualcosa di mortificante, due vite che non possono tornare indietro nonostante si cerchino si trovino e si perdano dolorosamente.
Ma questa non è la fine del racconto, si quel giorno arriva e lei si sposa, non ci sono orologi da lanciare su di un altare e fughe dell'ultimo istante, le cose vanno esattamente come vanno nella vita reale, tutto preceduto da un addio prematrimoniale con tanto di veleno incorporato. Mi sono detto spesso che sarei andato a vederla ma poi no ne ho avuto il coraggio, anche ora scrivo di getto e la cosa mi mette ancora i brividi, difficilmente puoi assistere a qualcosa che senti ti appartiene che in maniera sacra diventa di un altro.
In fondo credo di averlo accettato, con il tempo e quasi un anno alle spalle digerire tutto questo è possibile ma oggi ho paura, Chiara è una donna fragile, pur essendo una personalità dolcissima ma piena di talento è estremamente fragile, e così come lei è fragile la sua salute, ed ora io ho paura di averla persa senza nemmeno sapere cosa sta succedendo, Chiara oggi ha un altra vita dentro di se, io so che sta lottando contro tutto e spero lo stia facendo ancora, ma ormai il suo silenzio è così lungo e le sue ultime notizie così tristi che sento di averla persa per sempre.
Tu che stai leggendo, sai cosa può essere non conoscere l'esatto istante in cui perdi qualcuno che era parte di te?
Tu riesci a percepire l'esatto dolore che si prova nel non avere nessuna certezza nemmeno d'avanti all'irreparabile?
Io continuo a scriverle ma i suoi silenzi passati erano figli di lunghe giornate d'ospedale, poi una mattina compariva nuovamente e tutto era alle spalle, io sto aspettando che arrivi quella mattina.
0e9b0406-f8b8-48e4-9636-3be0f952934b
« immagine » Io sono Marco, sono un tipo particolare, ma in fondo tutti lo dicono di se stessi, a nessuno piace considerarsi eccessivamente convenzionale, il problema è che io un po particolare lo sono davvero. Ho conosciuto Chiara 3 anni fa, un po come ormai avviene comunemente, sedendosi una ma...
Post
11/09/2018 10:14:51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.