UNA FOTO SBIADITA DAL TEMPO

02 gennaio 2014 ore 13:54 segnala
Così ecco, comincia un altro anno.
Certe volte mi trovo a definire il tempo e penso che non è altro che tutta un'illusione.
In realtà ciò che è accaduto anni fa potrebbe essere soltanto ieri, siamo noi a scandirlo, a inventarlo.
Unica cosa palese e palpabile i cambiamenti inesorabili, della notte con il giorno e di ciò che la nostra persona diviene.
Alla fine non è che la somma delle esperienze e delle emozioni che traversano il corso della nostra vita.
E passeremo noi, ma non i giorni e le notti che continueranno a susseguirsi raccontando storie nuove, anche quando la nostra avrà scritto la parola fine.
il rammarico più grande non poter vivere ciò che sarà e la vita che resta sospesa , perché lascerà un mare di perché, di cose lasciate nel vuoto, quelle appena cominciate e quelle mai finite.
E anche tu sei una di queste.
Non so nemmeno cosa provo più.
c'è solo un rimpianto che mi afferra,quando il pensiero torna a te, a noi.
E non so più chiamarlo amore, se l'ho chiuso nel cassetto della nostalgia.
Forse semplicemente una chimera, come una di quelle tante cose che sognerai tutta la vita, ma che non si realizzerà mai.
lo so, il tempo ha questa forza, spegne anche i sentimenti più profondi, tanto da domandarmi perché non sento più lo stesso dolore quando t'incontro, bensì è solo un attimo, poi passa.
Solo attimo, lungo un eternità, in cui il vento soffia più forte sul cuore e mette a nudo l'anima,un istante che vorresti fosse magico , per portarti indietro nel tempo, quando sentivi la vita sbatterti forte dentro, quando l'amore disegnava l'arcobaleno nel tuo mondo, anche se c'era la bufera.
Ora, così spenta e priva di colore, mi afferro all'ancora dei miei sogni disillusi per continuare a vivere.
tutto il resto è chiuso, per sempre, nello scrigno dei ricordi che ad aprirlo fa solo male.
E infine ti guardo passare, in questo giorno d'inverno cupo e uggioso come il mio incedere insensibile, e mi domando in quale posto e in quale momento ho lasciato fuggire la mia passione, se a due minuti da te non so ascoltare più note e poesie, per alcuno, ma più nemmeno per te.
Tradito è l'amore, se il tempo e la distanza sa plasmarlo,se dalla fiamma resta solo cenere, chissà se domani pronto ad esplodere ancora come un vulcano fintamente spento, o se prossimo a morire per sempre, lasciando solo ghiaccio.
Forse non è più te che amo, ma la parte di me che viveva attraverso te.
E quando trascorrono giorni interi, dove la tua visione non appare, ma vagamente il ricordo affiora, ho la sensazione di aver vissuto soltanto un flebile sogno, come un film in bianco e nero, come una foto sbiadita.
Ci sto vedendo te, ci vedo me e quell'aria giovane che mi avevi regalato e che non tornerà più; è lei che mi manca , più di te.
Ti regalo i miei auguri, con il sorriso stampato sulle labbra, appena il tempo di raccogliere il tuo e lasciarlo cadere in fondo al cuore di nuovo, mentre con lo sguardo fuggo i tuoi occhi perché non voglio incontrarli, perché non voglio più leggerci dentro e non voglio più che leggano nei miei.
Potrebbero vederci il grigio, di quella cenere rimasta.....
6ceb16b8-9dcf-4f00-bd7d-ed4e9d4027ca
Così ecco, comincia un altro anno. Certe volte mi trovo a definire il tempo e penso che non è altro che tutta un'illusione. In realtà ciò che è accaduto anni fa potrebbe essere soltanto ieri, siamo noi a scandirlo, a inventarlo. Unica cosa palese e palpabile i cambiamenti inesorabili, della notte c...
Post
02/01/2014 13:54:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.