Nei pensieri........

24 maggio 2017 ore 11:23 segnala


Nei pensieri si viaggia da soli......sono il passo.il cammino,il sentiero delle nostre emozioni........

Sensazione (Arthur Rimbaud)

24 maggio 2017 ore 03:12 segnala


Nelle sere azzurre d'estate andrò per i sentieri,
pizzicato dal grano, a calpestare l'erba tenera:
come in sogno ne sentirò il fresco nei piedi.
Lascerò che il vento bagni la mia testa nuda.
Non dirò nulla, non penserò a niente:
ma l'amore che non ha fine mi riempirà l'anima,
e andrò lontano, molto lontano, come un vagabondo
attraverso la Natura, felice come quando si sta con una donna.

La semplicità...........(Alda Merini)

24 maggio 2017 ore 02:59 segnala


La semplicità è mettersi nudi davanti agli altri.
E noi abbiamo tanta difficoltà ad essere veri con gli altri.
Abbiamo timore di essere fraintesi, di apparire fragili,
di finire alla mercè di chi ci sta di fronte.
Non ci esponiamo mai.
Perché ci manca la forza di essere uomini,
quella che ci fa accettare i nostri limiti,
che ce li fa comprendere, dandogli senso e trasformandoli in energia,
in forza appunto.

Io amo la semplicità che si accompagna con l'umiltà.
Mi piacciono i barboni.
Mi piace la gente che sa ascoltare il vento sulla propria pelle,
sentire gli odori delle cose,
catturarne l'anima.
Quelli che hanno la carne a contatto con la carne del mondo.
Perché lì c'è verità, lì c'è dolcezza, lì c'è sensibilità, lì c'è ancora amore.

L'uomo e il mare....(video trovato nel web di Marco Crupi)

23 maggio 2017 ore 21:42 segnala
L'uomo e il mare

Uomo libero, sempre tu amerai il mare!
Il mare è il tuo specchio: contempli dalla riva,
nell'infinito accavallarsi delle onde il tuo spirito
non meno profondo, non meno amaro.

Ti compiaci a tuffarti entro la tua propria immagine;
tu l'abbracci con gli occhi e con le braccia,
e il tuo cuore si distrae alle volte dal suo battito
al rumore di questo lamento indomabile e selvaggio.

Siete entrambi a un tempo tenebrosi e discreti:
uomo, nessuno ha mai misurato la profondità dei tuoi abissi;
mare, nessuno conosce le tue ricchezze segrete,
tanto siete gelosi di conservare il vostro mistero.

E tuttavia sono innumerevoli secoli
che vi combattete senza pietà né rimorsi,
talmente amate la carneficina
e la morte, eterni lottatori, fratelli.

— Charles Baudelaire

Capitani coraggiosi?

10 maggio 2017 ore 21:25 segnala


La quotidianità, la routine, sono da sempre la più alta aspirazione dell'uomo che insegue la regolarità come rifugio dagli imprevisti...allo stesso tempo questo fa si che una volta raggiunta la cosiddetta tranquillità...nel lavoro negli affetti etc etc....inizia a sedimentare nel cuore uno strano sentimento...la monotonia che inesorabilmente porta verso il nemico numero uno ovvero la noia!......una canzone di Roberto Vecchioni narra di un personaggio immaginario tale Velasquez..non è mai esistito...ma vive in ognuno di noi...e ci viene in aiuto quando decidiamo di rimetterci in viaggio alla ricerca di nuovi sogni o riscoprire o ritrovare le emozioni perdute...