A te che non ci sei

10 gennaio 2014 ore 13:26 segnala


C’è chi scopre piangendo d’essere arrogante
d’esser stato solo in una stanza ,
di aver voluto
per sé ogni angolo del mondo .
No !Non avrai da me perdono !
Nessuna pietà o commisurazione ,
mi commoverò solo al tuo richiamo …
tra le fiamme l’amore metto a rogo .
E resterò nascosto al sole dell’estate
davanti al mare celo il tuo fu mio cuore,
rimorsi e morsi si uniranno
per vivere la mia vita .
E resterò su questa terra ,ai bordi delle strade,
ad alta voce voglio gridare :
l’amore vero esiste!
Dio ,perché non me lo mostri?
Fui polvere ed aria !
Colui che entrò in te ,sull’infantile erba,
con l’aspetto truce
un segno di luce ti lasciai.
Si, nacqui benigno !
Sotto una foglia d’autunno
sulla neve del freddo inverno ,
tra le primule della fresca primavera .
A te che non ci sei ,
mai ci sarai!
A piangere lacrime stanche …
Per avermi
potrai usare ancora il tuo potere .

Poetanarratore.
195d0c8b-f770-4576-9e44-374ae1082cde
« immagine » C’è chi scopre piangendo d’essere arrogante d’esser stato solo in una stanza , di aver voluto per sé ogni angolo del mondo . No !Non avrai da me perdono ! Nessuna pietà o commisurazione , mi commoverò solo al tuo richiamo … tra le fiamme l’amore metto a rogo . E resterò nascosto al...
Post
10/01/2014 13:26:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.