E poi giunse l'alba .

13 ottobre 2018 ore 09:56 segnala
E poi giunse l’alba .

Si aprirono varchi di speranza
negli anni che seguirono ci fu l'amore ,
al di là del mare gli opachi soli ;
bendato il mio cervello sversavo rimorsi di inchiostro.
E poi giunse il freddo !
Era bello accovacciarsi tra le tue braccia
stringerti e toccarti ,bramarti di vera voglia,
nel torpore amarti alla follia
ove le tue calde cosce fumavano l’amore.
Ma poi giunse l’alba
e nel fresco bosco caddero le foglie,
la prima neve si adagiava leggera sulle foglie
soffice al suolo come lacrime su i petali di rose.
La primavera era vicina dissetava la sorgiva fonte
si apriva la stagione dei platonici amori ;
di color si vestiva il tuo vergineo seno
dando al cuore palpiti di tuoni .
E poi giunse la sera
e la tenebrosa notte mi lasciò solo ,
tu eri lontana ,da me dai tuoi effluvi
ardeva il desiderio al mio cuore solitario;
tra le stelle il mio spirito divenne alieno.
E poi giunse l’alba
e il primo sole del mattino indorò il gelsomino
attese la pioggia del prossimo inverno;
attese il passaggio di una nuvola rosa .
( sei tu )

Giovanni Maffeo Poetanarratore.
4448dc0f-4168-4e96-a8a8-cb47a7dc7a84
E poi giunse l’alba Si aprirono varchi di speranza negli anni che seguirono, al di là del mare gli opachi soli ; sbandato il mio cervello versavo rimorsi di inchiostro. E poi giunse il freddo ! Era bello accovacciarsi tra le tue braccia stringerti e toccarli ,bramarti di vera voglia, nel torpore...
Post
13/10/2018 09:56:30
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.