Neve.

27 dicembre 2014 ore 19:46 segnala



È ciò che mi rende un bimbo che resta tra le cose importanti, e tra queste, la neve, è tra le più esaltanti.
Eccola, che lieve rende il candore una coperta di sicurezze, un incentivo a vivere la famiglia, le amicizie, in modo più completo.
Invecchiero', ma la neve mi riporterà a momenti felici e di giovinezza, per fortuna.



c7e2b08b-b0b7-4923-899a-4736e8f4e031
« immagine » È ciò che mi rende un bimbo che resta tra le cose importanti, e tra queste, la neve, è tra le più esaltanti. Eccola, che lieve rende il candore una coperta di sicurezze, un incentivo a vivere la famiglia, le amicizie, in modo più completo. Invecchiero', ma la neve mi riporterà a mom...
Post
27/12/2014 19:46:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    40

Commenti

  1. vincybello77 28 dicembre 2014 ore 00:39
    stupendo
  2. Il.soleinunderground 29 dicembre 2014 ore 00:32
    Pace e calma...quando tutto diventa candido e bianco....pulito...la città ha una veste nuova...e le sensazioni da quel silenzio è proprio di calma...tutto si ferma e si rallenta...si esce e si torna bambini...pallettoni...pupazzi...è un nuovo che sa di festa
  3. Il.soleinunderground 29 dicembre 2014 ore 00:33
    Bel post complimenti
  4. crenabog 29 dicembre 2014 ore 09:55
    i ricordi della neve mi danno il senso del tempo che passa. come, ti chiederai... bene, da piccolo era praticamente impossibile che nevicasse a Roma, e quando capitò fu una gioia sorprendente andare in piazza a fare a pallate, una cosa mai vista che negli occhi di un bambino prese un colore di favola. e se dico che gli anni passano, è perchè te la fanno vedere per quel che in fondo è, se ripenso all'ultima nevicata. quando con la neve che arrivava a coprire le ruote della macchina, con i treni che non passavano per niente, il distretto non volle sentire ragioni e dovetti farmi quasi venti chilometri a piedi, in divisa, sotto una tormenta con la neve ai polpacci, fradicio e con un ombrello a pezzi per il vento, per arrivare al lavoro. ah. un solo pazzo in giro, che non sapeva se ridere, piangere o tirarsi una revolverata... neve, sì. ben venga. ma prima, ch'io possa andare a Tripoli...
  5. gerry.1965 29 dicembre 2014 ore 12:48

    Bellissima Pumalui86

    Ricambio e buonagiornata a tutto il gruppo

    :bye

  6. canarione 30 dicembre 2014 ore 10:58
    la neve mi ricorda quando ero bambino e vivevo in paese con i miei genitori, io e mio padre andavamo a fare legna in bosco fitto di querce, un mezzo di trasporto davvero singolare per i nostri tempi, "il somaro"
    vivevo momenti davvero difficili per la sopravvivenza, ma ero molto sereno, felice, esente dall'inquinamento della società di allora........
    e singolare avere bei ricordi di momenti difficili ma forse proprio questo elemento"la neve" mi rende chiaro e definito il mio ricordo......
    anche il ricordo del miei genitori che, con il loro affetto mi stringevano fra le loro braccia e rendevano la mia vita un po meno ruvida....... in ogni singolo pensiero di qui tempi affiora sempre soave, "la neve" "LA FIOCCA"
    vorrei rivivere ora quei momenti cosi "idilliaci" con la consapevolezza di adesso........
  7. julia.pink 30 dicembre 2014 ore 17:16
    Mi chiedo se la neve ama gli alberi e campi, che li bacia così dolcemente. E li copre come con una morbida trapunta bianca; e forse dice “Andate a dormire, cari, finché non arriva l’estate di nuovo.”
    (Lewis Carrol, Alice nel paese delle meraviglie)

    Bellissimo post Cri :rosa
  8. pumalui86 07 gennaio 2015 ore 15:54
    Grazie a tutti per i vostri commenti...


    siete GENTILISSIMI! :rosa
  9. gerry.1965 08 gennaio 2015 ore 12:13

    Bellissima Puma Buonagiornata :ok

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.