Quando non ci sei.

05 febbraio 2017 ore 00:50 segnala



A che serve inveire contro un Dio o il cielo se non a dar forma alla mia rabbia, al dolore che scivola sul mio cuore come un sudore di dolore, una fame rabbiosa, si, a che serve?

Ma lo sai di cosa abbisogna la mia anima per dar vita ai muscoli che flaccidi, aspettano impulsi, scintille, qualcosa di vitale; è di te, del tuo respirar che abbisogno, dei colori che ti porti dietro, della luminosità che ti ammanta, di tutta te.

Quando non ci sei, tutto me siede ai bordi del tuo orizzonte e ti aspetta.
Domani, lo sai, sarò ancora qui, come una fatalità, un compleanno senza auguri, un cielo senza sole.






Quando non ci sei...
e' un invecchiare dentro, e' un sentir dolenza delle membra, uno sbriciolar della volonta', ed allora.....ti invento, ad occhi chiusi, ti immagino, e con l'anima seguo il contorno della tua.
Sei qui, ora, qui con la tua aria trafelata, il rossore delle tue guance, i tuoi vestiti pesanti e le tue braccia che volano verso me.
Inventarti, e'....desiderarti.
Desiderarti, e' sognarti.
95c4147f-f155-41ea-ac55-c5236488660b
« immagine » A che serve inveire contro un Dio o il cielo se non a dar forma alla mia rabbia, al dolore che scivola sul mio cuore come un sudore di dolore, una fame rabbiosa, si, a che serve? Ma lo sai di cosa abbisogna la mia anima per dar vita ai muscoli che flaccidi, aspettano impulsi, scint...
Post
05/02/2017 00:50:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    34

Commenti

  1. AlexYid 05 febbraio 2017 ore 01:23
    Molto Bello
  2. biliana 05 febbraio 2017 ore 01:45
    Sentirsi perduti senza una persona è terribile... ma quando quella persona torna il nostro mondo si colora tutto...magnifico complimenti
  3. biliana 05 febbraio 2017 ore 01:59
    Sei fantastico... hai inserito una splendida poesia di un grande della canzone italiana, Luigi Tenco
  4. biliana 05 febbraio 2017 ore 02:27
    :bacio :rosa :bacio
  5. napoletana.doc2010 05 febbraio 2017 ore 08:54
    Bellissima Cris :rosa
  6. lareginetta90 05 febbraio 2017 ore 09:26
    Ogni tua poesia è una perla per chi ama leggere!
  7. unnavigatore 05 febbraio 2017 ore 09:31
    La solitudine, quella interiore che si tramuta in tristezza fa scaturire questi poemi.
  8. STREGHETTA27 05 febbraio 2017 ore 10:00
    bellissime parole pumetto e bella poesia
  9. 7essepi7 05 febbraio 2017 ore 10:10
    Il cielo in una stanza
  10. Gabry79xxl 05 febbraio 2017 ore 10:20
    Complimenti, davvero ispirato!
  11. coyotinina 05 febbraio 2017 ore 10:35
    Meravigliosa :kissy
  12. xEVAx.VR 05 febbraio 2017 ore 11:00
    La mia notte mi soffoca per la tua mancanza. La mia notte palpita d’amore, quello che cerco di arginare ma che palpita nella penombra, in ogni mia fibra. La mia notte vorrebbe chiamarti ma non ha voce.
    (Frida Kahlo) :-)
  13. luna6714 05 febbraio 2017 ore 11:58
    :bataposta :bataposta
  14. biliana 05 febbraio 2017 ore 12:42
    @unnavigatore

    :rosa Poeti hanno la necessità della solitudine ...possono ascoltare l’anima e spegnere le luci finte... :rosa
  15. unnavigatore 05 febbraio 2017 ore 12:47
    quasi sempre........ per una donna
  16. puffogrigio 05 febbraio 2017 ore 12:57
    E^ da tanto che non ci sei e ne soffro molto
    Anche perchè ho ancora tanto da dare
    Ma il vestito che copre i miei sentimenti non è piu quello bello di una volta, ora è cadente in relazione all^età, mentre il cuore sarebbe ancora giovane
    Questo stridore mi mortifica e mi addolora, ma non posso modificare niente
    E^ molto difficile mantenere il gioco dei sentimenti, quando il supporto fisico non regge alla distanza
  17. solesoledad 05 febbraio 2017 ore 17:51
  18. libera.1990 05 febbraio 2017 ore 20:49
    “C'è un paradosso che spiega l'impossibilità dell'onnipotenza, che può essere formulato in questo modo: se Dio è onnipotente, può creare una pietra che sia così pesante da non poter essere sollevata nemmeno da Lui. Se Dio non riesce ad alzare la pietra, significa che non è onnipotente. Se ci riesce, non è comunque onnipotente, perché non è stato capace di creare una pietra da non poter essere sollevata nemmeno da Lui.”
  19. cuccioladivampira 05 febbraio 2017 ore 21:33
    meravigliosa poesia pumalui86
  20. S.roby 05 febbraio 2017 ore 21:55
    bellissima....mi sono venuti i brividi
    complimenti
  21. assietta1983 05 febbraio 2017 ore 22:48
    Mi è piaciuta molto... È meravigliosa....E solo tu potevi scriverne una del genere....
  22. eva.100 06 febbraio 2017 ore 18:54
    Che meraviglia!
    Pensieri che fluttuano leggeri
    come voli di farfalle.
    Brividi....
  23. gerry.1965 09 febbraio 2017 ore 21:19
    Grande come sempre Puma
    Buona serata a tutti per motivi personali non posso connettermi da tempo

    :cens
  24. s.hela 24 marzo 2017 ore 19:17
    "Quando non ci sei ,
    anche il cielo si
    incupidisce ,quasi
    a ricordarmi quanto
    mi manchi."

    Un piccolo pensiero caro, bellissimi i tuoi pensieri ! Un ;-) :bacio

    Buon weekend

    Giulia :rosa
  25. imp.eratrice 07 aprile 2017 ore 16:48
    solo la tua mancanza mi fa capire cosa sei per me....prima no...

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.